Meglio in pensione a 65 anni

Tempo di lettura: 3 mins

"Fate un atto di libertà verso il sistema… una piccola rivoluzione che liberi nuove energie  e dia nuove possibilità ai giovani" (Stefano Blanco - Corriere della Sera 13 luglio). Della stessa idea il ministro Gelmini (Corriere della Sera 17 luglio): "la cosa migliore sarebbe abbassare l'età della pensione per i professori dell'Università a 65 anni". Sì perché se il "presente (delle nostre Università) è un sostanziale declino" – Gianfranco Fabi, Il Sole 24 Ore 17 giugno – la colpa è certamente di tanti,  anche di chi ha governato in tutti questi anni e delle loro riforme. Ma i professori  che adesso hanno più di 65 anni e che sono lì da quando ne avevano 25 hanno certamente la loro parte di responsabilità. Sono loro che hanno contribuito più di chiunque altro al sistema che adesso vorrebbero cambiare.

E la nostra Università oggi - anche se il paragone è un po' irriverente - non è poi così diversa dal nostro calcio. Il futuro di tutti e due, se mai ci sarà, dipenderà soprattutto dal saper attirare giovani di valore. L'idea di Angelo Panebianco (Corriere della Sera 25 luglio) che vadano in pensione a 65 anni solo quei professori che non hanno pubblicato nulla nei cinque anni precedenti è buona, ma richiede una organizzazione e tempi lunghi lo si potrà fare superata l'emergenza di adesso. "Abbiamo un problema di precariato - dice Mariastella Gelmini - non lo possiamo rendere ancora più grave per fare favori a chi ha avuto già tanto". Qualcuno di quei professori però ha anche dato tanto, non è un peccato farlo andare via a 65 anni nel pieno dell'attività? Quelli davvero bravi non avranno problemi. Chi ha saputo  ottenere  fondi per la ricerca  dall'Europa e dagli Stati Uniti potrebbe continuare  a fare ricerca con quei soldi lì, che in parte dovranno andare all'Università per pagare spazi e apparecchiature, e si può star sicuri che le competenze di quei professori lì non sfuggiranno né alle istituzioni né all'industria. Il problema è di chi dopo quarant’anni di lavoro in Università non ha fondi di ricerca esterni né competenze  particolari. Loro sì che dovrebbero far spazio ai giovani "senza se e senza ma" (e se avessero davvero a cuore il futuro dei giovani sarebbero loro a scegliere di farsi da parte).

Si dirà che nei paesi più avanzati – Stati Uniti, Canada e Australia discriminare in base all'età è addirittura fuori legge. Vero, ma da noi i professori con più di 65 anni sono il 20 percento, negli Stati Uniti solo il 3 percento. Chiedergli di andare in pensione a 65 anni vuol dire creare nei prossimi anni tante più posizioni per ricercatori che oggi in Italia non hanno nessuna possibilità di trovare un impiego. Così si metterebbero le basi per tenere in Italia quelli che di solito vanno all'estero  come hanno fatto a suo tempo Carlo Croce, Danilo Perrotti, Piero Anversa, Riccardo Giacconi, Elio Raviola, Pier Paolo Pandolfi, Guido Calabresi e tanti altri. Ma questi erano dei fuoriclasse, tutti, se noi avremo migliaia di posti così, come assicurarsi “giovani docenti di qualità adeguata?” si chiede Michele Salvati (Corriere della Sera del 23 luglio). Giustissimo. E allora? Si potrebbe fare come s'è fatto in Europa con il Research Council. C'è un bando  per progetti di ricerca, chi viene finanziato  riceve fondi per il suo stipendio e per quello dei suoi collaboratori e  tutto quello che serve  per lavorare ed è libero di scegliersi l'Università che gli dà maggiori garanzie. Ma i soldi poi vanno dati direttamente ai ricercatori. Certo, ci si deve accertare che i soldi li spendano bene. Per questo basta vedere cosa pubblicano. Quanto più i risultati di una ricerca sono buoni tanto meglio si pubblicano, i ricercatori bravi hanno tutto l'interesse a pubblicare bene. Così le Università farebbero a gara per assicurarsi i migliori ricercatori - gli servirebbe fra l'altro per far quadrare il bilancio - che dopo uno o più contratti a termine potranno essere assunti senza concorso, come succede nei paesi più avanzati, scegliendo in base alle loro capacità e a quello che hanno dimostrato di saper fare.

Articoli correlati

altri articoli

La gestione dei rischi idraulici nel bacino del Po

Nel corso degli anni, il Po è stato protagonista di alluvioni catastrofiche, tanto che l'eventuale collasso di un suo argine è considerato l’evento di calamità naturale più grave in Italia dopo l’eruzione del Vesuvio. Armando Brath, professore di Costruzioni idrauliche all’Università di Bologna e presidente dell'Associazione Idrotecnica Italiana, spiega le ragioni del rischio, come gli argini fragili, ragionando sulla necessità di sviluppare una capacità di visione di insieme dei fenomeni e dei problemi: come diceva Einstein, infatti, "i problemi attuali non si possono risolvere perseverando con la stessa mentalità che ha contribuito a generarli". L'articolo è una anticipazione del numero speciale 505 di Italia Nostra dedicato al Po.

Crediti: Frittoli, Edoardo (2015-11-13). "13 novembre 1951. La catastrofe del Polesine". Panorama

I rischi idraulici possono ascriversi a tre categorie generali: il rischio di siccità, che può compromettere gli usi delle acque (potabile, irriguo, industria, energia), il rischio alluvionale e idrogeologico, che riguarda la difesa dalle acque in relazione a fenomeni quali piene e frane, e il rischio ambientale, legato alla tutela della qualità delle acque e degli habitat dall’inquinamento.