«Io ricercatrice dico: non vogliamo solo essere promossi»