«Il vero nodo è liberare i posti dei vecchi prof»