fbpx Nomine scientifiche o arbitrarietà politica? | Scienza in rete

Nomine scientifiche o arbitrarietà politica?

Primary tabs

Read time: 3 mins

Venerdì scorso, su indicazione del Ministro dell'Istruzione e dell'Università e della Ricerca, il Consiglio dei Ministri ha avviato la procedura per la nomina  del Presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana (ASI, che era stata commissariata  nell'agosto del 2008, a poco più di un anno dall'insediamento del precedente presidente.

All'epoca, Scienzainrete aveva espresso preoccupazione sulla decisione politica, esclusivamente per considerazioni di metodo.  La critica verteva sul fatto che la nomina del Commissario straordinario  veniva a interrompere sul nascere una buona pratica messa in campo dal precedente Ministro per la nomina dei presidenti degli Enti pubblici di ricerca: la politica che si spoglia del proprio potere unilaterale di nomina e interpella la comunità scientifica mediante un search committee. In pratica, per segnare un passo indietro dell'arbitrarietà politica nel sistema pubblico di ricerca, il Ministro sceglie i presidenti degli Enti pubblici in una rosa indicata dalla comunità scientifica, per il tramite di una commissione di esperti italiani e stranieri.

L'introduzione di questa procedura trasparente era stata salutata con favore anche dalle riviste scientifiche internazionali, come Nature e Science.

Un anno fa, nel respingere le critiche su un presunto "ritorno dell'invadenza politica nella ricerca", il Ministro Mariastella Gelmini aveva assicurato che la nomina di un Commissario straordinario all'ASI era dovuta a ragioni squisitamente tecniche e che il governo non avrebbe abbandonato la prassi del search committee. E nell'esporre in Parlamento gli indirizzi del Governo relativi a Università e ricerca, il 17 giugno 2008 il Ministro aveva dichiarato: "Nel rimarcare l'intenzione di procedere alla completa spoliticizzazione degli enti di ricerca, puntualizza che i relativi vertici saranno nominati con metodologie neutrali come ad esempio search committee di livello internazionale rigidamente vincolati, nel loro mandato, al raggiungimento di obiettivi" (Legislatura 16º - 7ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 7 del 17/06/2008).

L'indicazione, venerdì scorso, del nuovo presidente dell'ASI è avvenuta invece senza il ricorso al search committee.

Non si vuole qui entrare nel merito della scelta del governo né della persona designata.  Si  ritiene tuttavia che nell'avvio delle procedure ci sia un doppio errore di metodo.

È un errore abbandonare il sistema del search committee: una prassi magari non perfetta, da migliorare, ma non da abbandonare. È infatti altamente auspicabile che la selezione dei massimi vertici degli Enti pubblici di ricerca avvenga seguendo procedure certe, robuste e trasparenti.

È un errore la dissociazione tra dichiarazioni e fatti concreti. La mancanza di coerenza tra ciò che si annuncia e ciò che si fa in concreto è una dimensione abituale, purtroppo bipartisan, della nostra politica. Che fa male alla ricerca scientifica. Ma che fa male anche alla politica.

Per scongiurare i timori di un ritorno al passato, Scienzainrete vorrebbe invitare il Ministro Gelmini a intervenire sul nostro web journal e, rivolgendosi all'intera comunità scientifica, spiegare la regioni del discostamento dalle buone regole e da quanto annunciato. Vorremmo anche invitare il precedente ministro Fabio Mussi e fare altrettanto, esponendo le ragioni per cui il metodo del search committee dovrebbe essere mantenuto.

ritratto di satolli

Roberto Satolli

Articoli correlati

Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

"Io le patate le bollo vive", il saggio dedicato alla sperimentazione animale

Un saggio tanto conciso quanto completo sulla realtà italiana ed europea della sperimentazione animale: Io le patate le bollo vive (Giulio Einaudi editore, 2023), di Roberto Sitia e Giuliano Grignaschi, offre una panoramica sull’uso degli animali nella ricerca, non solo trattandone per esempio gli aspetti scientifici e normativi ma guidandoci anche in una riflessione etica.

Crediti immagine: 7768740/Pixabay

Quello della sperimentazione animale è un tema che non solo genera tutt’oggi dibattito ma che rimane al cuore della ricerca scientifica. Infatti, gli animali sono ancora fondamentali per lo studio di meccanismi e dinamiche fisiologiche e patologiche, ma non per questo a ricercatori e ricercatrici “fa piacere” usarli. Capire come ridurne l’impiego, e anche come riuscire a valutare sempre meglio se la procedura in corso sta causando sofferenza e stress all’animale sono due aspetti oggi cruciali quando si parla di sperimentazione animale.