Vedere, guardare. Viaggio attraverso la luce

Read time: 3 mins
Pagine: 
378
Prezzo: 
15,00 euro
Titolo: 
Vedere, guardare. Dal microscopio alle stelle, viaggio attraverso la luce
2015
Autore: 
Piero Bianucci
DeAgostini - UTET
Anteprima: 
Piero Bianucci ci guida alla scoperta della luce e dei suoi segreti attraverso un racconto che si snoda in molte direzioni seguendo le più sorprendenti rivelazioni della scienza.
Miniatura: 

Vedere, guardare si avvicina molto a quella che potremmo definire un’uscita editoriale irrinunciabile nell’anno internazionale della luce. Ci sono tantissimi modi per affrontare questo argomento, che è così vasto e articolato: uno di questi, adottato dall’autore, consiste proprio nel raccogliere tutto il possibile e provare a raccontarlo in maniera semplice, chiara e avvincente. Questa è l’operazione di Vedere, guardare.

Leggere l’ultimo libro di Piero Bianucci, uno dei più apprezzati e autorevoli giornalisti scientifici e divulgatori italiani, è un po’ come entrare in un bazar multiforme e colorato, dove si possono trovare le cose più disparate, l’una accanto all’altra, tutte legate insieme da un unico filo rosso: la luce, appunto. Il lungo viaggio comincia con una camera oscura, che imita l’occhio umano e si può anche costruire in casa, e finisce con l’origine del nostro universo e le sue varie implicazioni scientifiche.
Attraverso le oltre trecentocinquanta pagine del libro, Bianucci ci parla dell’occhio e della sua storia biologica, cominciata miliardi di anni fa con una molecola fotosensibile chiamata opsina; della fotosintesi e dei criptocromi, gli “occhi delle piante”; della luce in fisica, da Newton a Einstein, da Maxwell a Schrödinger; delle applicazioni tecnologiche della luce, che migliorano la nostra vita quotidiana; di microscopi, telescopi e di tutto ciò che grazie alla luce siamo stati in grado di imparare sul mondo dell’infinitamente grande e dell’infinitamente piccolo.

Non mancano, del resto, piacevoli digressioni piazzate opportunamente qua e là nel corso del testo: dalle illusioni ottiche alle teorie sulla visione, dalla scoperta della cellula ai ritmi circadiani. Non solo momenti di svago, ma anche occasioni per ricordarci che ogni argomento è collegato a molti altri in un solido e robusto tessuto in crescita perenne che rappresenta l’unità del sapere umano.
Piero Bianucci si dimostra ancora una volta un narratore magistrale: è davvero difficile staccare gli occhi dalle pagine di questo libro, che scorrono agilmente e piacevolmente senza mai far calare il desiderio di scoprire e di imparare. Fortemente interessato alle biografie dei molti personaggi di cui parla, l’autore dispensa decine (se non centinaia) di aneddoti e curiosità, frutto di un notevole e attento lavoro di ricerca.

Con il suo stile leggero e amichevole, ma eccezionalmente preciso e rigoroso, Bianucci riesce decisamente nell’intento di farci interessare alla luce, e farcela “vedere” – mi si perdoni il calembour – con occhi diversi: più consapevoli, oltre che più informati.
Vedere, guardare è un libro che può aiutare chiunque – dal bambino all’anziano, dall’uomo della strada all’esperto – a scoprire o riscoprire l’importanza cruciale della luce nella nostra vita (e non solo), e a non darla semplicemente per scontata, come si tenderebbe a fare per istinto. Non senza un invito all’attenzione che spiega anche il titolo del libro: «Vedere non è guardare. Mentre il “vedere” è una funzione per così dire sempre accesa, che quasi non avvertiamo più, il “guardare” implica un’intenzionalità. […] Non c’è vero genio senza attenzione».

altri articoli

Fattori genetici di rischio per l'Alzheimer: le nuove varianti identificate

Placche di beta-amiloide nel campione autoptico di un paziente con malattia di Alzheimer. Crediti: Jensflorian/Wikimedia Commons. Licenza: CC BY-SA 3.0

Il più grande studio internazionale condotto finora ha portato all'identificazione di cinque nuove varianti genetiche che costituiscono fattori di rischio per la malattia di Alzheimer. I geni coinvolti sono implicati nei meccanismi dell'immunità e dell'infiammazione, processi la cui importanza nello sviluppo della malattia risulta dunque confermata. Un'ipotesi è che le cellule della microglia si attivino nel tentativo di fagocitare la proteina amiloide ma, non riuscendoci, si determini la de-regolazione di tutto il sistema. La ricerca, pubblicata su Nature Genetics, rappresenta inoltre un'importante conferma dei risultati degli studi precedenti, come varianti correlate al rischio di sviluppare la malattia in geni che agiscono sul metabolismo dell'amyloid precursor protein