«La riforma valorizza il merito»