I lupi mannari

Read time: 2 mins

MateFitnessUna piccola città, in qualche sperduto luogo della terra, è infestata dai lupi mannari: persone che durante le notti di luna piena si trasformano in lupi feroci.
Per fare fronte a questa situazione, il sindaco della cittadina emette un'ordinanza, la quale stabilisce che ogni cittadino che sappia di essere un lupo mannaro, debba farsi fuori appena lo scopre. Dato che gli abitanti del luogo sono tutti rispettosi della legge, si può dare per certo che effettivamente ogni abitante che scopra di essere un lupo mannaro si tolga di mezzo. Purtroppo però, un lupo mannaro non si accorge di esserlo, può capirlo solo dall'osservazione di quello che gli sta intorno. Durante tutte (e sole) le notti di plenilunio, ogni cittadino incontra tutti gli altri, e pertanto è in grado di vedere i lupi mannari anche se non può comunicare con loro. 
Dopo la terza notte di luna piena vengono ritrovati i corpi di alcuni lupi mannari. 

Quanti sono? Perché?

Lupi

 


Il primo che pubblica nel commento la soluzione corretta e una breve
spiegazione verrà premiato con un INGRESSO GRATUITO a:

MateFitness, la palestra della matematica
Spazio didattico di Palazzo Ducale (cortile maggiore)
Piazza Matteotti 26r
Tel. 010 5574004
Genova

I commenti e il nome del vincitore verranno pubblicati tra 14 giorni quando
sotto l'indovinello successivo comparirà
la soluzione di questo indovinello.

SOLUZIONE DE "LA MONETA AVVELENATA

Prendiamo: 1 moneta dal primo sacchetto, 2 dal secondo, 4 dal terzo, 8 dal quarto, 16 dal quinto, 32 dal sesto. Pesiamo tutte le 63 monete assieme. Se fossero tutte buone dovrebbero pesare 630 g. Le monete di cioccolato avvelenate fanno aumentare il peso di 1 g ciascuna. Ciascun sacchetto dà un aumento di peso che permette di individuarlo univocamente. Ad esempio: se pesano 1 g in più allora le monete avvelenate stanno solo nel sacchetto 1, se pesano 2 g in più, stanno solo nel sacchetto 2, se pesano 3 g in più, stanno nei sacchetti 1 e 2, se pesano 13 g in più, stanno nei sacchetti 1, 3, 4 perché 13 può essere ottenuto in un solo modo, sommando numeri presi dalla sequenza 1, 2, 4, 8, 16, 32, e cioè: 1 + 4 + 8.
Tali numeri corrispondono ai sacchetti 1, 3, 4, e così via.

         COMPLIMENTI A Raffaele Gratton CHE HA CONDIVISO PER PRIMO LA SOLUZIONE CORRETTA

altri articoli

Tieni alla ricerca? Vota Europa

Crediti: Etereuti/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Un'indagine commissionata da Fondazione Bracco a Eumetra per captare gli orientamenti degli opinion leader sui temi di Unione europea e ricerca scientifica ha mostrato che chi dovrebbe orientare l’opinione pubblica in realtà si allinea quasi perfettamente a essa: poco più della metà degli intervistati pensa che l'Italia non abbia beneficiato dall'ingresso in UE, e ben il 32% ritiene che l'Europa non sia essenziale per lo sviluppo scientifico del nostro Paese. Quest'idea può derivare dal fatto che l'Italia, negli ultimi anni, ha contribuito in media per il 9,47% del bilancio europeo della ricerca ma ne ha riportato a casa l’8,27%. Bisogna però tener conto della crescita in termini di competenze e di collaborazione transnazionale che queste risorse hanno generato e che vanno a riverberare su altri ambiti, principalmente innovazione ed economia