fbpx "La teoria del tutto" e la sindrome di Beautiful Mind | Scienza in rete

"La teoria del tutto" e la sindrome di Beautiful Mind

Read time: 4 mins

Ha superato i 27 milioni di dollari di incasso nei soli USA La teoria del tutto, il film di James Marsh sulla vita del fisico britannico Stephen Hawking, che è candidato agli Oscar (miglior film, miglior attore protagonista, miglior attrice protagonista) e ha già fruttato un meritato Golden Globe a Eddie Redmayne come miglior attore. Ma il successo del film non stupisce: almeno da The Big Bang Theory in poi, la trasposizione su schermo della vita dei fisici funziona quasi a colpo sicuro. Segnale, questo, che la svolta pop nella comunicazione pubblica delle scienze “dure” degli ultimi anni ha avuto il suo effetto.

Tuttavia, come in molti si saranno accorti, questa svolta pop rischia spesso di finire schiacciata sotto il peso dei suoi stessi cliché. Ci rendiamo conto che è quasi inevitabile raccontare al pubblico un uomo come Stephen Hawking senza inciampare in qualche luogo comune, ma guardando La teoria del tutto sembra di assistere a una prona santificazione: non tanto dell’eminente scienziato, quanto dello stereotipo in cui è stato irrimediabilmente trasformato dagli sceneggiatori.
Uno stereotipo che nella parte iniziale del film è quello dello scienziato tutto “genio&sregolatezza”, ma che presto vira in quello dell’eroe che riesce a compiere titaniche imprese dell’intelletto nonostante sfide e difficoltà apparentemente insormontabili. Il risultato è, secondo il parere di chi scrive, una narrazione povera di contenuti e decisamente priva di originalità.

In tutto questo, l’aspetto scientifico della vicenda la scienza rimane confinato in un ruolo abbastanza secondario nell’economia del racconto. Il che è perfettamente legittimo; il problema è come tale aspetto viene affrontato nel lungometraggio. Le teorie che hanno reso celebre Hawking in tutto il mondo – che occupano circa il primo terzo del lungometraggio – vengono snocciolate in maniera inefficace quando non addirittura pasticciata: slogan come “il buco nero all’origine dell’universo” hanno un effetto vagamente irritante in chi è pratico della materia.
Non vi è, peraltro, alcuna contestualizzazione delle teorie cui si fa accenno. Chi guardasse il film totalmente a digiuno di cosmologia verrebbe decisamente spinto a credere che sia stato il buon Hawking a inventare il concetto di Big Bang, con buona pace della straordinaria intuizione di Georges Lemaître e dell’epocale scoperta di Edwin Hubble, entrambe risalenti agli anni ’20. In generale, l’impressione – netta – è che al non addetto ai lavori non sia data affatto la possibilità di comprendere il contenuto dei lavori del fisico inglese.

Oltre a Hawking e alle sue teorie, è la stessa scienza a venire rappresentata in maniera riduttiva e stereotipata, in cui ciò che conta sembra essere soltanto il momento dell’ispirazione creativa. Il processo di validazione della teoria sulla radiazione di Hawking, a metà degli anni ’70, fu lungo e tormentato da un acceso dibattito, cosa che nel film si è scelto di ignorare quasi completamente. In questo modo si impedisce allo spettatore di capire l’enorme portata di tale scoperta, che secondo molti rappresenta la prima cornerstone verso la gravità quantistica.

Il risultato è che il successo dello scienziato viene dato per scontato: l’importanza del suo contributo alla cosmologia e alla stessa theory of everything è una tematica decisamente non sviluppata. Ciò che rimane è la figura di un eroe quasi archetipico, la cui portata possiamo solo accettare in modo fideistico.
Ne è la dimostrazione la penultima scena del film: parlando a una platea di fan, lo scienziato conclude il suo discorso con la frase «Finché c’è vita c’è speranza» – che non brilla certo di originalità – e la folla si produce in una commossa standing ovation. È il trionfo della convenzionalità, la banalizzazione della scienza, la svalutazione del contenuto a favore di una retorica compiacente e rassicurante.

C’è da dire, a parziale discolpa degli autori, che a dispetto del titolo fuorviante il film non ha il suo baricentro nelle teorie di Hawking né nella scienza in generale. Il lungometraggio è tratto infatti dal memoriale di Jane Wilde, prima moglie dello scienziato (Verso l’infinito. La vera storia di Jane e Stephen Hawking in «La teoria del tutto», Piemme, 2015), per cui è comprensibile che l’aspetto umano-emotivo prevalga su quello scientifico-accademico. Ciò che non è giustificabile è questa “sindrome di Beautiful Mind” di cui il cinema mainstream a contenuto scientifico continua a soffrire.
L’aspetto positivo di La teoria del tutto è che avrà probabilmente l’effetto di fare incuriosire molte persone sull’opera imprescindibile di uno dei più grandi fisici teorici del secondo dopoguerra.

Iscriviti alla newsletter

Le notizie di scienza della settimana

 

No spam, potrai cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento con un click.

 

altri articoli

Durante la pandemia abbiamo ridotto le emissioni di CO2 come mai prima, ma sono già risalite

Un'autostrada solitamente congestionata a Penang, in Malesia, deserta durante il Movement Control Order il 22 marzo 2020. Credit: Wenjay Tew (CC BY-SA 2.0)

La combustione delle fonti fossili e la produzione di cemento sono le due attività umane che contribuiscono maggiormente all’emissione di anidride carbonica nell’atmosfera. Nel 2019 l’emissione globale di biossido di carbonio dovuta a questi processi aveva raggiunto 35 332 milioni di tonnellate, il massimo mai toccato fino ad allora. La pandemia ha causato una frenata mai vista prima: nel 2020 abbiamo emesso globalmente 2 232 milioni di tonnellate in meno, cioè una riduzione del 6,3% rispetto all’anno precedente.