Covid-19/

Tavole periodiche interattive, novità dalla Francia

Tempo di lettura: 3 mins
Tavola periodica degli elementi

La tavola periodica degli elementi con i dati aggiornati al 2016, quando sono stati assegnati i nomi a quattro elementi superpesanti. Crediti: Dmarcus 100/Wikimedia Commons. Licenza: CC BY-SA 4.0

L’anno 2019 è stato proclamato dall’UNESCO “Anno internazionale della classificazione periodica degli elementi” perché ricorre il 150° anniversario di pubblicazione, in lingua russa, della memoria di Dmitry I. Mendeleev (Tobolsk, 1834 – S. Pietroburgo, 1907) intitolata "Correlazione delle proprietà con il peso atomico degli elementi", che pose le basi dell’odierna tavola periodica degli elementi.

Il monumento a Mendeleev e alla sua tavola periodica degli elementi. Crediti: mmmdirt/Flickr. Licenza: CC BY-SA 2.0

Dell’argomento ci siamo occupati più volte anche su questo giornale, ad esempio mentre era in corso la discussione internazionale sulla scelta dei nomi da assegnare ai quattro elementi superpesanti (Z = 113, 115, 117 e 118) scoperti alla fine del 2015. Per la cronaca ricordiamo che la decisione venne annunciata ufficialmente circa un anno dopo e i nomi scelti (in inglese) furono rispettivamente: nihonium, moscovium, tennessine, oganesson. Anche questi ultimi arrivati, radioelementi creati dall’uomo e non dalla natura, con tempo di vita brevissimo, trovano giustamente il loro posto nella tavola periodica interattiva denominata “L’Élémentarium” che i chimici della Société Chimique de France hanno recentemente pubblicato in collaborazione con France Chimie. L’iniziativa fa parte di quelle messe in opera per l’Anno Scolastico 2018-2019, proclamato dai francesi Année de la chimie de l’école à l’université e voluto congiuntamente dal Ministero dell’Educazione Nazionale e da quello dell’Insegnamento superiore, della Ricerca e dell’Innovazione.

Locandina per l'Anno internazionale della classificazione periodica degli elementi. Crediti: IAU. Licenza: CC BY-SA 4.0

Cliccando in ciascuna casella dell’Élémentarium è possibile ottenere per ciascun elemento i dati atomici, fisico-chimici e industriali. Si prosegue con quelli industriali e commerciali: materie prime, produzione, utilizzazione e riciclo, concludendo con la bibliografia. Si può leggere, come scritto nella presentazione, su due livelli. Uno sintetico e uno didattico, più approfondito. L’abbondanza di dati, la chiarezza e l’eleganza grafica ne fanno uno strumento prezioso e di piacevole consultazione, soprattutto per gli studenti. A questi ultimi e ai loro insegnanti viene proposta come mezzo di rinnovamento tecnologico dell’insegnamento ma non disdegna di rivolgersi, specialmente nel primo livello, a una platea più vasta. Tutti coloro che sono curiosi di sapere a che cosa servono gli elementi chimici e i loro composti nella vita di tutti i giorni troveranno risposte alle loro domande, per ora in lingua francese.

L’Elementarium non è la prima tavola periodica interattiva a disponibile sul Web. In lingua italiana c’è quella di Zanichelli. In inglese, partendo dalle eccellenze, si può cominciare con quella della Royal Society of Chemistry che oltre a notizie storiche e dati di vario tipo riporta video e podcast, per passare alla IUPAC. Ricordiamo che la IUPAC (International Union Pure and Applied Chemistry), di cui fa parte anche l’Italia, sovraintende alla standardizzazione della nomenclatura chimica e dei pesi atomici. Le tavole ricordate sono quelle più complete ma ne esistono altre, sia in italiano che in inglese, che non possiamo citare per brevità. Un cenno solo per Wikipedia, l’enciclopedia più conosciuta e citata dai giovani, la cui tavola è cliccabile qui e per quella, abbastanza originale, di Google.

Per finire, una curiosità che si collega al nome della nuova tavola interattiva made in France. Si chiamava Elementarium il primo dizionario latino in cui non si trovano solo glosse e che influenzò, oltre ai successivi, persino la lessicografia moderna. I filologi hanno discusso a lungo intorno alla corretta attribuzione dell’Elementarium e, solo in anni recenti, la maggior parte di loro ha deciso di convergere su Papias. In precedenza erano state formulate ipotesi diverse, compresa l’eventualità che il nome Papias si riferisse all’opera stessa. Questi dubbi sono giustificati dalla scarsità di notizie bibliografiche su un’opera compilata tra il 1041 e il 1053. Papias fu attivo in quegli anni, apparteneva probabilmente all’ambito ecclesiastico, ed è ritenuto genericamente un italiano, legato alla zona beneventano-cassinese. Forse non è un caso che il nome del primo vocabolario latino riviva in quello della chimica moderna proprio per opera di una cultura raffinata come quella francese.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Agamben e le insensatezze sulla dittatura telematica

Viviamo sotto dittatura telematica, le tecnologie digitali producono comunità fantasmatiche, i prof che fanno didattica a distanza sono come i docenti che giurarono fedeltà al Fascismo, ecc. ecc. Se, come dice Giorgio Agamben, il problema è la “barbarie tecnologica” che svuota le aule e sfibra lo studentato, c’è da chiedersi perché insieme alla didattica a distanza non abolire anche la scrittura e i libri. Niente distanzia più della tecnologia alfabetica e di quella tipografica.
Crediti immagine: Pexels/Pixabay. Lienza: Pixabay License

È vero che il buon senso non produce buona filosofia, ma ciò non significa che per produrre buona filosofia bisogna necessariamente dire qualcosa di insensato. Pare che invece che Giorgio Agamben voglia dimostrarci il contrario, e poiché non è certo un Diego Fusaro la cosa stranisce un po’. Eppure bisogna resistere ai resistenti, evitare di essere apodittici (anche perché non ce lo possiamo permettere), e provare a trarre dalle argomentazioni degli apocalittici utili spunti per gettare luce su quel che accade intorno a noialtri ingenui integrati.