Tavole periodiche interattive, novità dalla Francia

Read time: 3 mins
Tavola periodica degli elementi

La tavola periodica degli elementi con i dati aggiornati al 2016, quando sono stati assegnati i nomi a quattro elementi superpesanti. Crediti: Dmarcus 100/Wikimedia Commons. Licenza: CC BY-SA 4.0

L’anno 2019 è stato proclamato dall’UNESCO “Anno internazionale della classificazione periodica degli elementi” perché ricorre il 150° anniversario di pubblicazione, in lingua russa, della memoria di Dmitry I. Mendeleev (Tobolsk, 1834 – S. Pietroburgo, 1907) intitolata "Correlazione delle proprietà con il peso atomico degli elementi", che pose le basi dell’odierna tavola periodica degli elementi.

Il monumento a Mendeleev e alla sua tavola periodica degli elementi. Crediti: mmmdirt/Flickr. Licenza: CC BY-SA 2.0

Dell’argomento ci siamo occupati più volte anche su questo giornale, ad esempio mentre era in corso la discussione internazionale sulla scelta dei nomi da assegnare ai quattro elementi superpesanti (Z = 113, 115, 117 e 118) scoperti alla fine del 2015. Per la cronaca ricordiamo che la decisione venne annunciata ufficialmente circa un anno dopo e i nomi scelti (in inglese) furono rispettivamente: nihonium, moscovium, tennessine, oganesson. Anche questi ultimi arrivati, radioelementi creati dall’uomo e non dalla natura, con tempo di vita brevissimo, trovano giustamente il loro posto nella tavola periodica interattiva denominata “L’Élémentarium” che i chimici della Société Chimique de France hanno recentemente pubblicato in collaborazione con France Chimie. L’iniziativa fa parte di quelle messe in opera per l’Anno Scolastico 2018-2019, proclamato dai francesi Année de la chimie de l’école à l’université e voluto congiuntamente dal Ministero dell’Educazione Nazionale e da quello dell’Insegnamento superiore, della Ricerca e dell’Innovazione.

Locandina per l'Anno internazionale della classificazione periodica degli elementi. Crediti: IAU. Licenza: CC BY-SA 4.0

Cliccando in ciascuna casella dell’Élémentarium è possibile ottenere per ciascun elemento i dati atomici, fisico-chimici e industriali. Si prosegue con quelli industriali e commerciali: materie prime, produzione, utilizzazione e riciclo, concludendo con la bibliografia. Si può leggere, come scritto nella presentazione, su due livelli. Uno sintetico e uno didattico, più approfondito. L’abbondanza di dati, la chiarezza e l’eleganza grafica ne fanno uno strumento prezioso e di piacevole consultazione, soprattutto per gli studenti. A questi ultimi e ai loro insegnanti viene proposta come mezzo di rinnovamento tecnologico dell’insegnamento ma non disdegna di rivolgersi, specialmente nel primo livello, a una platea più vasta. Tutti coloro che sono curiosi di sapere a che cosa servono gli elementi chimici e i loro composti nella vita di tutti i giorni troveranno risposte alle loro domande, per ora in lingua francese.

L’Elementarium non è la prima tavola periodica interattiva a disponibile sul Web. In lingua italiana c’è quella di Zanichelli. In inglese, partendo dalle eccellenze, si può cominciare con quella della Royal Society of Chemistry che oltre a notizie storiche e dati di vario tipo riporta video e podcast, per passare alla IUPAC. Ricordiamo che la IUPAC (International Union Pure and Applied Chemistry), di cui fa parte anche l’Italia, sovraintende alla standardizzazione della nomenclatura chimica e dei pesi atomici. Le tavole ricordate sono quelle più complete ma ne esistono altre, sia in italiano che in inglese, che non possiamo citare per brevità. Un cenno solo per Wikipedia, l’enciclopedia più conosciuta e citata dai giovani, la cui tavola è cliccabile qui e per quella, abbastanza originale, di Google.

Per finire, una curiosità che si collega al nome della nuova tavola interattiva made in France. Si chiamava Elementarium il primo dizionario latino in cui non si trovano solo glosse e che influenzò, oltre ai successivi, persino la lessicografia moderna. I filologi hanno discusso a lungo intorno alla corretta attribuzione dell’Elementarium e, solo in anni recenti, la maggior parte di loro ha deciso di convergere su Papias. In precedenza erano state formulate ipotesi diverse, compresa l’eventualità che il nome Papias si riferisse all’opera stessa. Questi dubbi sono giustificati dalla scarsità di notizie bibliografiche su un’opera compilata tra il 1041 e il 1053. Papias fu attivo in quegli anni, apparteneva probabilmente all’ambito ecclesiastico, ed è ritenuto genericamente un italiano, legato alla zona beneventano-cassinese. Forse non è un caso che il nome del primo vocabolario latino riviva in quello della chimica moderna proprio per opera di una cultura raffinata come quella francese.

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.