Luci e ombre del finanziamento della ricerca

Tempo di lettura: 3 mins

Non c’è dubbio che il Ministero della Salute abbia instaurato, quando era Ministro Ferruccio Fazio, un sistema meritocratico e qualitativo per la valutazione dei progetti di ricerca nell’ambito dei bandi della Ricerca Finalizzata e Progetti Giovani Ricercatori (vedere su l'articolo su Scienza in Rete, 19 Luglio u.s.). Un altro fatto positivo è che questi progetti, finanziati con ben 101 milioni nell’ultimo bando concluso nel corso del 2011 con le assegnazioni dei fondi, siano diventati accessibili alla partecipazione di tutti i ricercatori biomedici. La loro valutazione meritocratica è stata e rimane in Italia una delle poche realizzate nei bandi pubblici, e contrasta positivamente con le valutazioni dei Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale (PRIN) del Ministero dell’Istruzione e Università, che finora sono stati finanziati con criteri non certo trasparenti e sicuramente non meritocratici. Né i criticatissimi criteri di partecipazione con stringenti e discutibilissimi limiti numerici ai bandi PRIN recentemente emessi il 27 dicembre u.s.(vedi articolo di Guido Tabellini, e quello di Fabio Beltram e Chiara Carozza, Sole 24 Ore) fanno pensare che il Ministro Profumo voglia cambiare realmente questa situazione nell’ambito del suo Ministero!

Per quanto riguarda il Ministero della Salute, insieme alle luci rimangono peraltro alcune ombre sulle assegnazioni dei fondi agli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) in base alla loro produzione scientifica annuale (la cosiddetta Ricerca Corrente). Se infatti da un lato il Ministero fa una classifica obiettiva e trasparente di merito basata sull’Impact Factor (e quindi sul numero e la qualità delle pubblicazioni dei vari IRCCS), ne tiene poi conto assai parzialmente quando assegna i fondi (vedi Tabella). Tanto per fare un esempio, il San Raffaele e l’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano si piazzano al primo e secondo posto in Italia fra gli IRCCS per la loro produzione scientifica. La più recente classifica del 2011 registra 3.917 punti di Impact Factor per il San Raffaele (4% in più rispetto all’anno precedente) e 2.968 per il Policlinico (15% in più) (vedi Tabella, che elenca per omogeneità 6 IRCCS della Lombardia, la loro produzione scientifica e i relativi finanziamenti 2011). La produzione scientifica del San Raffaele è stata quindi di circa il 25% maggiore di quella del Policlinico, ma le assegnazioni per la Ricerca Corrente sono peraltro ben lontane dal mantenere questo rapporto: al San Raffaele sono stati assegnati il doppio dai fondi del Policlinico (€ 17.432.623 contro 8.654.556). Né vi è una proporzione per quanto riguarda gli altri IRCCS Lombardi, come si può vedere nella tabella dai dati che esprimono l’entità del finanziamento per punto di Impact Factor!

Come mai? Il Ministero della Salute afferma che la produttività scientifica degli IRCCS è solo uno dei criteri utilizzati per finanziare la Ricerca Corrente. Altri criteri sembrano essere la capacità di attrarre risorse finanziare esterne, l’appropriatezza della produzione scientifica nell’ambito della disciplina di riferimento di ogni IRCCS , nonché la valutazione dei progetti scientifici presentati nell’ambito della Ricerca Corrente: criteri poco obbiettivi e trasparenti, e quindi tali da poter inficiare una valutazione obiettivamente meritocratica come quella legata all’Impact Factor. L’ovvio auspicio è che il nuovo Ministro della Salute dia il via ad un nuovo corso, con una maggiore corrispondenza tra finanziamenti e produzione scientifica, anche per gli IRCCS.

Tabella | Produzione scientifica degli IRCCS della Lombardia nell'ambito della ricerca corrente 2010 e 2011 e relativi finanziamenti

IRCCSImpact factor totale 2010Impact factor totale 2011Variazione percentuale 2010-2011Finanziamento 2011Finanziamento per punto di impact factor
San Raffaele MI3.7643.9174%17.432.6234.450
Fondazione Cà Granda MI2.5722.96815%8.654.5562.916
San Matteo PV2.0871.820-13%8.198.0404.504
Istituto Tumori MI1.8201.742-5%9.154.6425.255
Istituto Europeo di Oncologia MI1.5001.6499%8.062.3514.889
Istituto Clinico Humanitas MI1.1231.2319%2.065.4311.678
Articoli correlati

altri articoli

Sperimentazione animale, i benefici per gli animali non umani

Un aspetto che spesso non emerge nel dibattito sulla sperimentazione animale è quello relativo alle ricadute benefiche che tale sperimentazione può avere sugli animali stessi. In questo articolo ne raccogliamo alcuni: dai farmaci a uso veterinario a quelli che, nati per la medicina umana (su cui si concentra la maggior parte degli sforzi della ricerca), oggi sono impiegati per la cura e la terapia degli animali non umani, fino agli esempi di come la sperimentazione consenta anche alcune strategia di conservazione per gli animali a rischio. Naturalmente, tali esempi non sono un motivo per non investire sullo sviluppo di nuovi metodi, ma vogliono rappresentare uno spunto di riflessione nell'analisi costi-benefici che la sperimentazione animale, un argomento complesso in cui s'intrecciano etica, economia e politica, porta con sé.
Crediti immagine: J C/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Parlare di sperimentazione animale significa parlare di un argomento davvero complesso. Chiama in causa aspetti etici, economici e politici intersecati tra loro, che influenzano fortemente la ricerca scientifica e, di conseguenza, il benessere dell'essere umano. Ma solo di quest'ultimo? Nel dibattito sulla sperimentazione animale che si ritrova tanto spesso nella cronaca, un aspetto a volte trascurato è che, nell'analisi costi-benefici, tra i benefici può rientrare anche, in alcuni casi, lo sviluppo di farmaci (e non solo) a uso veterinario.