Caro ministro, così la ricerca parte col piede sbagliato