Covid-19/

Fosforo per l’agricoltura di guerra

Tempo di lettura: 3 mins

Quando scoppiò la Prima Guerra Mondiale, tra i primi settori a risentirne pesantemente gli effetti ci fu l’agricoltura. Le difficoltà degli agricoltori italiani derivavano soprattutto dai costi e dalla carenza di fertilizzanti, nonché dalla penuria di altri prodotti precedentemente importati che, improvvisamente, venivano a mancare.

I fertilizzanti fosfatici

Un esempio importante è quello del fosforo, elemento indispensabile per il nutrimento delle piante. I terreni possono contenerlo in grande quantità ma se è presente in forma insolubile, come nel fosfato tricalcico, non può venire utilizzato. L’idea di convertirlo in composto solubile, mediante acidificazione, si può ricondurre alle osservazioni del chimico tedesco Justus von Liebig (1803-1873) il quale, nel 1830, notò che le ossa, previamente trattate con acido, costituivano un buon fertilizzante. Successivamente (1843) nacque in Inghilterra l’industria dei fertilizzanti fosfatici. I cosiddetti “superfosfati o perfosfati” vengono prodotti facendo reagire l’acido solforico (o fosforico) con rocce finemente macinate, ottenendo una miscela di composti tra cui il fosfato biacido di calcio.

Le scorie Thomas

Prima dello scoppio del conflitto, gli agricoltori italiani ricorrevano abbondantemente anche alle cosiddette “scorie Thomas” d’importazione.  Ricordiamo che le “Thomas” derivavano dall’industria siderurgica e, in particolare, dall’affinazione delle ghise fosforose in ragione di 2-2,5 quintali per tonnellata di acciaio. Le scorie contenevano anidride fosforica (12-23%), ossido di calcio (40-50%), silice ed altri ossidi (magnesio, ferro, manganese). Nel 1916 la rivista Le Stazioni sperimentali Agrarie Italiane dedicò ampio spazio ai contributi tesi a risolvere i problemi agrari creati dalla guerra, pubblicando anche estratti maneggevoli ed economici adatti alla diffusione nelle campagne.

Penurie dell’agricoltura di guerra

Ne abbiamo un esempio, che ben si collega al nostro tema, in quello intitolato “Come supplire alle Scorie Thomas per la concimazione”. Il testo si apre con un’amara constatazione: “Devesi premettere che il consumo delle scorie Thomas in Italia, prima della grande guerra attuale, aveva sorpassato la rispettabile cifra di quintali 1.300.000; che le scorie Thomas vengono introdotte dall’estero; infine che nell’agosto 1914 l’introduzione di questo speciale concime fosfatico è quasi completamente sospesa”.  Il testo continuava citando “l’imbarazzo” degli agricoltori abituati a ricorrere a questo tipo di fertilizzante che ora veniva a mancare.

Sugli Annali di Chimica Applicata comparvero articoli che trattavano, dal punto di vista tecnico, il tema dei perfosfati e, per spingere gli agricoltori ad usarli, venne coniato lo slogan “Il perfosfato fondamento della concimazione”, stampato anche sulle cartoline postali, accompagnato dalla scritta “Dando lavoro e cure alla produzione dei campi si contribuisce alla vittoria delle armi”. 

Un cattedratico dalla parte dei contadini

Disgraziatamente, però, i perfosfati scarseggiavano sul mercato. Bisognava incrementarne fortemente la produzione e soprattutto rifornire con regolarità le campagne. A questo proposito vi fu uno scambio di missive tra Angelo Menozzi (1854 -1947) professore ordinario di Chimica Agraria nella Scuola Superiore di Agricoltura di Milano, nonché Direttore della medesima, e l’industriale Ettore Candiani (1867 - 1924)  Presidente della Società Anonima “Super”. Menozzi sollecitava l’aumento della produzione e non mancava di riferire a Candiani i dubbi di coloro che attribuivano all’industria l’intenzione di mantenerla bassa per aumentare i prezzi.  Candiani rispose che si era fatto ogni sforzo per venire incontro alle richieste e, se vi era stato qualche ritardo nelle consegne, questo dipendeva dalle condizioni delle ferrovie. Nel frattempo era iniziata anche la fabbricazione del perfosfato basico, particolarmente utile agli agricoltori che lavoravano terreni acidi per i quali i perfosfati ordinari non si prestavano. La questione sembrava chiudersi con questa rassicurazione. Non sappiamo se Menozzi fu davvero soddisfatto ma il suo rimane uno dei rari esempi (dell’epoca) di cattedratico schierato con i contadini.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Agamben e le insensatezze sulla dittatura telematica

Viviamo sotto dittatura telematica, le tecnologie digitali producono comunità fantasmatiche, i prof che fanno didattica a distanza sono come i docenti che giurarono fedeltà al Fascismo, ecc. ecc. Se, come dice Giorgio Agamben, il problema è la “barbarie tecnologica” che svuota le aule e sfibra lo studentato, c’è da chiedersi perché insieme alla didattica a distanza non abolire anche la scrittura e i libri. Niente distanzia più della tecnologia alfabetica e di quella tipografica.
Crediti immagine: Pexels/Pixabay. Lienza: Pixabay License

È vero che il buon senso non produce buona filosofia, ma ciò non significa che per produrre buona filosofia bisogna necessariamente dire qualcosa di insensato. Pare che invece che Giorgio Agamben voglia dimostrarci il contrario, e poiché non è certo un Diego Fusaro la cosa stranisce un po’. Eppure bisogna resistere ai resistenti, evitare di essere apodittici (anche perché non ce lo possiamo permettere), e provare a trarre dalle argomentazioni degli apocalittici utili spunti per gettare luce su quel che accade intorno a noialtri ingenui integrati.