Il miglior divulgatore scientifico scrive di "body art"

Read time: 3 mins

7 DNA

Rutherford AtomsLa scienza incontra il grande pubblico in forme spesso insolite o inedite. E’ il caso di Science Ink, l’ultimo libro di Carl Zimmer, scrittore scientifico americano.

Dopo la pubblicazione di diversi libri, articoli e la sua attività di blogger, il “miglior saggista di scienza” – come definito dal New York Times Book Review - fa incontrare la scienza con la body art, proponendo una raccolta di immagini di tatuaggi rappresentanti diverse discipline scientifiche, dalla matematica alle neuroscienze, senza dimenticare il contributo della biologia dell’evoluzione – uno dei temi più affrontati in passato da Zimmer.

7Modelli atomici, ciclo del carbonio, formule matematiche, spedizioni spaziali, neuroni, sono tra i temi raffigurati su pelle umana e catturati in questa raccolta fotografica. Un volume elegante, oltre che affascinante, di cui abbiamo parlato con l’autore:

“E’ iniziato come un interrogativo sulla scienza, è diventata poi un’ossessione” - E’ possibile, adesso, descrivere la Science Ink e le sue applicazioni con una ‘formula’ specifica?

Con questa esperienza ho iniziato a capire come i tatuaggi siano uno strumento importante per alcuni scienziati per rendere visibile le loro passioni e per comprendere poi i meccanismi della natura.

 

Nel suo libro ci sono centinaia di immagini affascinanti, il tributo della tecnica dei tatuaggi alle scienze naturali: c’è stato qualche particolare criterio di selezione per catalogarle?

DNA

Ho ricevuto una grande varietà di immagini, alcune da scienziati altre da non addetti ai lavori. Per ‘Science-Ink’ ho selezionato immagini che combinino la bellezza grafica con il fascino della scienza. Era importante per me riuscire a filtrare il racconto attraverso queste immagini e alcuni tatuaggi riuscivano a farlo meglio di altri, indubbiamente.

Come scrittore scientifico, si è spesso occupato di scienze della vita. Nella sua opinione è ancora ‘urgente’, ad esempio, parlare di evoluzione?

7L’evoluzione è il contesto con cui i biologi possono dare un senso alla vita così com’è, gli scienziati hanno costantemente un approccio di meraviglia nel comprenderla. Negli ultimi vent’anni, scrivere di quest atteggiamento per l’evoluzione è stato per me un continuo privilegio e piacere.

Nel libro si può intravedere una forte componente di interazione tra l’essere umano e la cultura scientifica, passando per l’istinto che abbiamo nel percepire la natura: questo lavoro può essere accolto come uno strumento innovativo per comunicare la scienza? 

E’ importante non cadere  nella routine nel presentare la scienza al pubblico. Ci sono sempre nuovi strumenti per farlo, c’è solo bisogno di creatività – o, nel mio caso, un po’ di fortuna – per scoprire questi modi. Ho assistito a meravigliose rappresentazioni della scienza con la radio, i fumetti, i giochi in internet o la danza. Un libro sui tatuaggi è un altro modo di rivelare la scienza, che probabilmente  coglierà il pubblico di sorpresa.

Arte e Scienza: quanto sottile è il confine tra le due discipline?

Credo ci siano importanti sovrapposizioni tra arte e scienza. Gli scienziati dipendono dalla visualizzazione per valutare dati e teorie, le rappresentazioni grafiche dei loro lavori sono generalmente gli strumenti più efficaci per comunicarli ad altri scienziati. Molti artisti, d’altra parte, si avvicinano al lavoro scientifico per le loro produzioni, sfruttando ogni tipo di tecnologia. A mio parere c’è anche un tipo di legame nel modo di pensare tra i due mondi. Gli artisti, ad esempio, hanno la reputazione di essere impulsivi ed intuitivi, ma diversi artisti che conosco personalmente sono molto sistematici nel loro lavoro per veicolare la loro visione della vita. Molti scienziati, di contro, posseggono una ‘scintilla’ artistica. I lampi di creatività possono guidarli verso teorie che nessun altro ha immaginato prima, o aiutarli in nuovi esperimenti per comprovare queste teorie.

C’è qualche appuntamento italiano previsto per presentare il suo libro?

Se qualcuno in Italia vuole invitarmi, sarei molto felice di venire! Il mio primo viaggio in Italia è stato qualche anno fa, per presenziare al Rome Science Festival, è stato un soggiorno molto bello per me e la mia famiglia.

Zimmer C. Science Ink: Tatoos of the Science Obsessed. Sterling Publishing, 2011.

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #104

Il biologo molecolare russo Denis Rebrikov ha dichiarato che ha intenzione di impiantare nell'utero di una donna embrioni geneticamente modificati con la tecnica CRIPSR entro la fine dell'anno. L'obiettivo sarebbe quello di prevenire che la madre, colpita da una forma di HIV resistente ai farmaci antiretrovirali, trasmetta il virus ai propri figli. Per farlo, Rebrikov userebbe la tecnica CRISPR-Cas9 per disattivare il gene CCR5, in modo simile a quanto fatto dallo scienziato cinese He Jiankui che lo scorso novembre aveva annunciato di essere stato il primo a far nascere una coppia di gemelle con questo procedimento (He voleva però evitare la trasmissione del virus dell'HIV dal padre alle figlie). La legislazione russa proibisce l'editing del genoma umano in senso generale, ma la legge sulla fertilizzazione in vitro non vi fa esplicito riferimento, e dunque Rebrikov potrebbe trovarsi di fronte un vuoto normativo che conta di colmare chiedendo l'autorizzazione di una serie di agenzie governative, a partire dal Ministero della salute. Scienziati ed esperti di bioetica si dicono preoccupati. La tecnologia non è ancora matura, motivo per cui qualche mese fa un gruppo di importanti ricercatori del campo avevano chiesto di mettere a punto una moratoria sul suo utilizzo in embrioni destinati all'impianto in utero. Non è chiaro poi se i rischi superino i benefici. In primo luogo, la disattivazione del gene CCR5 protegge dalla trasmissione del virus dell'HIV nel 90% dei casi. In secondo luogo, il rischio di mutazioni off-target e on-target indesiderate è ancora molto alto. Rebrikov sostiene che la sua tecnica ne riduca drasticamente la frequenza, ma finora non ha pubblicato alcuno studio scientifico che lo dimostri. Nell'immagine: lo sviluppo di embrioni umani geneticamente modificati con la tecnica CRISPR per correggere una mutazione responsabile della cardiomiopatia ipertrofica (lo studio, condotto nel laboratorio di Shoukhrat Mitalipov presso la Oregon Science and Health University di Portland, risale al 2017 ed è stato pubblicato su Nature). Credit: Oregon Science and Health University. Licenza: OHSU photos usage

Dove finisce la plastica dei ricchi?

Ogni anno gli Stati Uniti producono 34,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. 1 milione di tonnellate vengono spedite fuori dal continente. Fino a qualche anno fa la maggior parte veniva spedita in Cina e Hong Kong, ma nel 2017 la Cina ha chiuso le porte a questo tipo di importazioni, autorizzando solo l'arrivo della plastica più pulita e dunque più facile da riciclare.