L'omicidio della scienza e il suicidio degli scienziati

Read time: 4 mins

Nel corso degli ultimi mesi si sono verificati nella comunità scientifica internazionale alcuni eventi epistemologicamente preoccupanti. Il primo riguardava il divieto di pubblicare i metodi sperimentali relativi alla modificazione del virus N5H1, il secondo aveva a che fare con la pubblicazione di articoli scientifici in cui i dati erano totalmente o parzialmente non divulgati, mentre il terzo riguardava un passo indietro nelle politiche di libertà di accesso alle pubblicazioni scientifiche.

Per quanto concerne il virus N5H1, si ricorda che erano all'esame due studi (uno sottoposto a Science da Ron Fouchier dell’Erasmus Medical Centre di Rotterdam e uno proposto a Nature da Yoshihiro Kawaoka dell’University of Wisconsin at Madison) e che, il 20 dicembre 2011, l’U.S. Science Advisory Board on Biosecurity "ha deciso di consigliare di [...] pubblicare i nuovi risultati, ma di non includere nei manoscritti i dettagli metodologici ed altri particolari che potrebbero permettere una replica degli esperimenti da parte di coloro che vorrebbero usarli in modo doloso". 
Fortunatamente, il divieto è stato ritirato, ma il fatto rimane (quello su Nature è stato pubblicato, cfr. M. Imai et al., Nature (2012), doi:10.1038/nature10831; quello su Sciencedovrebbe comparire a breve, cfr.).

Per quanto riguarda il secondo evento cui si accennava, in una recente lettera a Nature, B. Huberman (B.A. Huberman, Nature 482(2012), 308) ha criticato dei lavori nel campo delle scienze sociali in cui i dati provenienti da fonti collegate ad aziende private come Google, Facebook, e Twitter non erano divulgati. Nella stessa direzione, può essere letta pure la meta-analisi fornita da Alsheik-Ali e coll. (A.A. Alsheikh-Ali et al., PLoS ONE 6(2011), e24357) in cui mostrano come, nonostante i requisiti editoriali, in veramente molti articoli pubblicati sulle più importanti riviste del settore biomedico i dati erano totalmente o parzialmente omessi.

Venendo al terzo punto, ha fatto notizia un disegno di legge proposto al Congresso degli Stati Uniti (HR 3699) finalizzato ad annullare le disposizioni del National Institute of Health (NIH) relative al fatto che le ricerche finanziate dai contribuenti dovessero essere liberamente accessibili online. Tale disegno di legge è stato appoggiato, tra gli altri, da molte case editrici del settore medico e biomedico. Come denunciato dal movimento favorevole all’open access, le grandi case editrici internazionali sono delle aziende private che traggono profitto dalla conoscenza generata principalmente da denaro pubblico, vendendone l'accesso proprio a istituzioni pubbliche, quali sono le università dove la ricerca è fatta. Il disegno di legge è stato abbandonato dopo una protesta pubblica degli scienziati e dei ricercatori che è culminata in una petizione al Presidente degli Stati Uniti affinché fosse previsto l’open access alla conoscenza finanziata dai contribuenti americani. Nonostante il forte e crescente movimento per l’open access da parte degli stessi ricercatori, la stragrande maggioranza delle istituzioni accademiche pubbliche, delle charities e delle agenzie di finanziamento pubblico non pone ancora l'obbligo dell’open access quale condizione per ricevere finanziamenti. Ne segue che pratiche economiche consolidate limitano, di fatto, la disponibilità e la condivisione aperta della conoscenza scientifica.

Qualcuno potrebbe sostenere che ci sono ragioni di sicurezza, concorrenza ed economiche per allontanarsi dal modo classico di fare scienza, e che la privacy e/o la proprietà intellettuale debbano essere tutelate. Ma costoro non sembrano rendersi conto che in tal modo la scienza, qual è stata teorizzata e praticata fino ad ora, è condannata a morire. Sin dal suo inizio in epoca moderna, il metodo scientifico è stato caratterizzato dalla controllabilità intersoggettiva e dalla verifica pubblica. Controllabilità intersoggettiva significa che un lavoro, per potersi qualificare come scientifico, deve necessariamente (ma non sufficientemente) descrivere e rendere pubblici sia i metodi adottati, sia i dati tramite cui si sono ottenuti i risultati presentati. L'essere soggetto a verifica pubblica implica che tali metodi e tali dati debbano essere accessibili alla valutazione dei colleghi e della società e non che possano essere rinchiusi dietro pay-wall.

Adesso ci viene detto che la comunicazione dei metodi e dei dati non è necessaria. Ci viene anche detto che l'accesso ad entrambi può essere limitato anche per coloro che hanno pagato per produrli. Ciò significa che non stiamo facendo scienza, o per lo meno quello che sino ad ora abbiamo chiamato scienza. Possiamo cambiare il paradigma, chiamando scienza quel che ci pare. Ma dovremmo essere consapevoli di quello che stiamo proponendo. Sicuramente le limitazioni viste non hanno nulla a che fare con la scienza così com’è stata pensata e prodotta sin dai tempi di Galileo. Ne siamo consapevoli? Oppure stiamo semplicemente uccidendola e noi - scienziati e ricercatori - stiamo commettendo un suicidio epistemologico?

Certamente la scienza è stata fatta dagli uomini e gli uomini possono cambiare idea su ciò che essa è e su come debba essere fatta. La cosa importante è esserne consapevoli e per questo forse un pizzico di competenza in filosofia della scienza sarebbe consigliabile.

n.d.r: Una versione breve di quanto sopra è apparsa su Nature 488 (2012), 157

Articoli correlati

altri articoli

Sperimentazione animale, i benefici per gli animali non umani

Un aspetto che spesso non emerge nel dibattito sulla sperimentazione animale è quello relativo alle ricadute benefiche che tale sperimentazione può avere sugli animali stessi. In questo articolo ne raccogliamo alcuni: dai farmaci a uso veterinario a quelli che, nati per la medicina umana (su cui si concentra la maggior parte degli sforzi della ricerca), oggi sono impiegati per la cura e la terapia degli animali non umani, fino agli esempi di come la sperimentazione consenta anche alcune strategia di conservazione per gli animali a rischio. Naturalmente, tali esempi non sono un motivo per non investire sullo sviluppo di nuovi metodi, ma vogliono rappresentare uno spunto di riflessione nell'analisi costi-benefici che la sperimentazione animale, un argomento complesso in cui s'intrecciano etica, economia e politica, porta con sé.
Crediti immagine: J C/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Parlare di sperimentazione animale significa parlare di un argomento davvero complesso. Chiama in causa aspetti etici, economici e politici intersecati tra loro, che influenzano fortemente la ricerca scientifica e, di conseguenza, il benessere dell'essere umano. Ma solo di quest'ultimo? Nel dibattito sulla sperimentazione animale che si ritrova tanto spesso nella cronaca, un aspetto a volte trascurato è che, nell'analisi costi-benefici, tra i benefici può rientrare anche, in alcuni casi, lo sviluppo di farmaci (e non solo) a uso veterinario.