fbpx Irene Bozzoni | Scienza in rete
Covid-19/

Irene Bozzoni

Irene Bozzoni è professoressa ordinaria di biologia molecolare presso la Sapienza, Università di Roma e dal 2018 è senior researcher presso l’Istituto Italiano di Tecnologia. È componente dello Scientific Advisory Committee dell’EMBL e membro del Comitato di Gestione dello Human Technopole e del CdA del Museo Nazionale della Scienza di Milano. Fa parte del comitato scientifico dell’Enciclopedia Treccani e dell’Advisory Committee dell’Armenise-Harvard Foundation. È membro dell’EMBO e della Academia Europaea. Ha coordinato numerosi progetti di ricerca tra cui ERC-AdG, ERC-Syn, Telethon e AIRC. È autrice di oltre 160 pubblicazioni e di 8 brevetti di cui 3 ceduti all'industria.

L’attività scientifica è principalmente orientata all’analisi del ruolo di RNA non codificanti nella regolazione di processi fisiologici e patologici, con specifica attenzione alle malattie neurodegenerative. Per le sue ricerche sull'RNA ha ottenuto diversi riconoscimenti e premi.

Un programma per finanziare i ricercatori italiani con grant individuali

Oltre 80 ricercatori che operano nel campo delle Life Sciences e che appartengono all'European Molecular Biology Organization hanno formulato una proposta per il governo che riguarda la possibilità di utilizzare parte dei fondi disponibili per l'attivazione di un programma di finanziamento di progetti di ricerca individuali e pluriennali, e valutati con un sistema che si ispira a quello messo in atto dall'European Research Council. Che sia la volta buona? Immagine: Pixabay.

Oltre 80 ricercatori che operano nel campo delle scienze della vita e che appartengono all'European Molecular Biology Organization hanno formulato una proposta per il governo che riguarda la possibilità di utilizzare parte dei fondi disponibili con il prossimo PNRR per l'attivazione di un programma di finanziamento di progetti di ricerca curiosity driven, guidati da un singolo principal investigator, e valutati con un sistema che si ispira a quello messo in atto dall'European Research Council.