fbpx Andrea Ballabio | Scienza in rete
Covid-19/

Andrea Ballabio

È fondatore dell’Istituto Telethon di Genetica e Medicina (TIGEM), di cui è direttore, Professore Ordinario di Genetica Medica presso l’Università Federico II di Napoli e Visiting Professor presso il Baylor College of Medicine, Houston, Texas. È Co-Fondatore di CASMA Therapeutics e membro dei consigli scientifici di Next Generation Diagnostics e Avilar Therapeutics. Le sue ricerche sono focalizzate sullo studio dei meccanismi delle malattie genetiche e sullo sviluppo di nuove terapie. Ha pubblicato oltre 400 articoli su riviste scientifiche internazionali. È stato Presidente della Società Europea di Genetica Umana ed e’ membro della European Molecular Biology Organization (EMBO). Ha ricevuto per due volte (nel 2010 e nel 2016) l’Advanced Investigator Grant dello European Research Council (ERC). Nel 2016 ha vinto il Premio Louis-Jeantet per la Medicina, per la prima volta assegnato in Italia in quella occasione. Nel 2007 e’ stato nominato Commendatore e nel 2021 Grande Ufficiale, rispettivamente dai Presidenti della Repubblica Giorgio Napolitano e Sergio Mattarella.

Un programma per finanziare i ricercatori italiani con grant individuali

Oltre 80 ricercatori che operano nel campo delle Life Sciences e che appartengono all'European Molecular Biology Organization hanno formulato una proposta per il governo che riguarda la possibilità di utilizzare parte dei fondi disponibili per l'attivazione di un programma di finanziamento di progetti di ricerca individuali e pluriennali, e valutati con un sistema che si ispira a quello messo in atto dall'European Research Council. Che sia la volta buona? Immagine: Pixabay.

Oltre 80 ricercatori che operano nel campo delle scienze della vita e che appartengono all'European Molecular Biology Organization hanno formulato una proposta per il governo che riguarda la possibilità di utilizzare parte dei fondi disponibili con il prossimo PNRR per l'attivazione di un programma di finanziamento di progetti di ricerca curiosity driven, guidati da un singolo principal investigator, e valutati con un sistema che si ispira a quello messo in atto dall'European Research Council.