Covid-19/

L’uomo che ha camminato sulla Luna

Tempo di lettura: 3 mins

“Occorre essere giovani per avere voglia di innovare spingendosi al di là dei limiti fino ad ora raggiunti?”. A giudicare da No dream is too high, il nuovo libro di Buzz Aldrin, l’età conta proprio poco. A 86 anni suonati, l’indomito Buzz scrive un inno all’innovazione basato sulle lezioni imparate da un uomo che ha camminato sulla Luna, come recita il sottotitolo.  

Esplorare o estinguerci

Il messaggio che Buzz vuole trasmettere è l’assoluta necessità di esplorare, mantenendo alto l’interesse del pubblico e dei politici su questo tema dal quale dipendono le sorti dell’umanità. La posta in gioco è altissima: abbiamo la scelta tra esplorare ed estinguerci, explore or expire dice Buzz, con un gioco di parole. Ma l’esplorazione dello spazio è un’avventura di lungo respiro: ha bisogno di finanziamenti, di tecnologie, di entusiasmo e di tanto supporto politico. Per questo Buzz si è recentemente trasferito in Florida, non lontano da Cape Canaveral, per essere più vicino ai circoli politici che prendono le decisioni che contano e sui quali lui spera di poter esercitare una positiva influenza. A 86 anni Buzz non molla la presa,  ha imparato che quello che conta è la perseveranza, grazie alla quale si possono superare difficoltà e insuccessi. Accettare di considerare la possibilità di insuccesso è una lezione di vita che va oltre le parole d’ordine del programma spaziale americano. 

La penna biro che salvò la missione lunare

Cresciuto con il mantra della NASAfailure is not an option” (l’insuccesso non è nemmeno da considerare) il saggio Buzz ha imparato sulla sua pelle che l’insuccesso è sempre in agguato sia dal punto di vista tecnico, sia da quello psicologico. Rotta la levetta per azionare il motore di decollo sul quadro dei comandi del LEM, Buzz usò la penna biro che aveva in dotazione per fare partire il motore e staccarsi dal suolo lunare. Insieme a Neil Amstrong tornarono a casa da trionfatori ma l’impietosa esposizione mediatica costò cara ai due primi esploratori lunari. Neil si ritirò dalla NASA e volle tornare alla normalità, rifiutando persino di unirsi alla rimpatriate tra vecchi astronauti. Buzz invece faticò a ritrovare un equilibrio. Cosa può fare un uomo che è stato dove nessun altro ha mai messo piede? Quale può essere il prossimo passo nella carriera del secondo uomo sulla Luna?  Buzz lottò per decenni contro l’alcolismo fino a quando capì che doveva diventare una fonte di ispirazione. 

L’avventura di un uomo

No dream is too high non è il libro scritto da un eroe ma piuttosto da un uomo che ha vissuto avventure straordinarie e vorrebbe che l’umanità continuasse a portare avanti grandi sogni. Secondo Buzz, il pericolo maggiore è fermarsi a contemplare il passato piuttosto che rivolgere lo sguardo verso traguardi futuri. Certo, è facile compiacersi degli obiettivi raggiunti, ma è avanti che bisogna guardare inseguendo, con perseveranza, un sogno che deve essere grandioso perché No dream is too high.

Marte, il nuovo sogno da inseguire

E sul sogno da inseguire Buzz ha idee chiarissime e non esita ad essere irriverente nel dettare le sue priorità. Profondamente convinto che la prossima meta dell’esplorazione umana dello spazio debba essere Marte, ama indossare una maglietta con la scritta Bring your ass to Mars”, ovvero porta le tue chiappe su Marte.  Più chiaro di così.

Pubblicato su Il Sole 24 Ore il 31 luglio 2016.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Antartide sopra i 2°C: punto di non ritorno?

antartide

All’inizio del 2020 le temperature nell’Antartico hanno superato per la prima volta i 20°C e questa non è in alcun modo una buona notizia. Uno studio pubblicato su Nature stima che, restando sotto i 2°C di aumento della temperatura globale media per fine secolo, avremmo almeno circa 1.3 metri di mare in più. Se dovessimo superare i 2°C, si arriverebbe anche a 2.4 metri (per ogni grado in più).

Immagine: Pixabay License.

Un cubetto di ghiaccio in un bicchiere d’acqua, se si scioglie, non contribuisce a far innalzare il livello del liquido. Questo è facilmente verificabile applicando le note leggi di Archimede. Allo stesso modo, non è il ghiaccio galleggiante, come gli iceberg, che determina l’aumento del livello del mare, ma, come sappiamo, i ghiacci continentali. L’Antartide ha un’estensione di circa 14 milioni di km2, un volume di quasi 27 milioni di km3 e detiene più della metà delle risorse di acqua dolce della Terra.