fbpx Diritto allo studio: ancora troppe borse “virtuali" | Scienza in rete
Covid-19/

Diritto allo studio: ancora troppe borse “virtuali"

Tempo di lettura: 3 mins

Nell'anno accademico 2013-14, l'ultimo di cui possediamo i dati, sono stati oltre 46mila gli studenti universitari italiani dichiarati idonei a ricevere una borsa di studio, ma che non l'hanno ricevuta, che non sono cioè fra i cosiddetti “beneficiari”. In media, su 10 studenti considerati idonei, i borsisti effettivi sono solo 7. E le cose vanno sempre peggio: negli anni della crisi il numero di studenti idonei per una borsa di studio a livello universitario è scesa del 4,16%, e il numero dei borsisti addirittura del 9,17%. In controtendenza rispetto a Francia, Germania e Spagna, dove i beneficiari sono aumentati rispettivamente del 34%, del 33% e del 59% nel periodo 2007-2012.

Chi paga le borse di studio? Gli studenti

L'aspetto più interessante è che molta parte delle borse di studio erogate sono a tutti gli effetti pagate dagli studenti stessi, attraverso la tassa regionale studenti, che nel 201-14 copriva oltre il 40% delle borse. Il rimanente 60% se lo spartivano le regioni tramite i propri fondi (23,6%) e il Fondo Statale (34,2%).

.  

 

Sono i numeri pubblicati dal MIUR all'interno del Rapporto sulla Condizione Studentesca nel 2015, pubblicato il 7 luglio scorso.

Regione che vai, borse che trovi

La parola chiave qui è disomogeneità, una disomogeneità che si traduce inevitabilmente in disuguaglianza, prima di tutto geografica. I dati sull'incidenza in % delle fonti di finanziamento sulla spesa complessiva per il diritto allo studio nel 2012-13 parlano chiaro.

In breve, regione che vai, regolamento che trovi. La copertura delle borse di studio varia moltissimo da regione a regione: da un 32% in Sicilia e un 42% in Calabria, fino a regioni in cui fortunatamente gli idonei non beneficiari non esistono, come Emilia Romagna, Basilicata, Liguria. Il caso della Sicilia pare particolarmente disastroso, specie nell'ultimo anno, dal momento che nel 2009 la copertura toccava il 70% e nel 2012-13 addirittura il 77%.

 

Anche gli alloggi sono un grosso problema

Non avere accesso a una borsa di studio è determinante soprattutto per gli studenti fuori sede, le cui famiglie devono sobbarcarsi l'onere di un affitto, ma purtroppo a quanto pare in media solo uno studente su tre fra gli aventi diritto riceve un alloggio gratis. E poi si sa, dipende dalla città. Molto spesso un anno di affitto risulta molto più costoso rispetto all'importo complessivo di una borsa di studio, e quindi per gli idonei non beneficiari, studiare in città come Roma, Milano, Firenze o Venezia può essere proibitivo. In questi anni in cui si parla dell'importanza della mobilità per i giovani che vogliono tentare una carriera accademica, anche fra un ateneo e un altro, questo fattore può risultare per i meno abbienti, un deterrente non secondario. Inoltre, anche l'importo delle singole borse varia da regione a regione, e in certi casi non di poco.

 

Un nuovo ISEE per meno borsisti

Si diceva che rispetto a paesi come Francia, Germania e Spagna, il nostro diritto allo studio è deludente e il servizio è peggiorato negli ultimi anni, con percentuali di vincitori sempre più basse. Va detto che numerosi sono i casi in cui c'è chi tenta di fare il furbo, dichiarando meno di quanto dovrebbe, ma resta il fatto che non serve essere grandi economisti per notare uno scollamento fra una situazione economica nazionale dove la povertà è sempre più presente, e il tentativo, riuscito, di assottigliamento dell'accesso al diritto allo studio. Dal 1 gennaio 2015 è entrato in vigore il nuovo regolamento per il calcolo del famoso ISEE, determinante per poter accedere a una borsa di studio, con l'obiettivo dichiarato di restringere ancora una volta il collo dell'imbuto. Sebbene un lato tutto sommato positivo pare ci sia, dal momento che per il calcolo del nuovo ISEE è stato ridotto il peso del reddito e aumentato quello del patrimonio familiare, che secondo gli economisti è un parametro meno vessato dalla crisi rispetto al primo, come rileva ROARS, c'è chi ci rimetterà comunque.

Leggi il documento

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Caldo: più di un terzo dei decessi sono causati dalle attività umane

L'aumento delle temperature medie durante le stagioni calde è una delle conseguenze del cambiamento climatico. Secondo un recente studio pubblicato su Nature Climate Change, che ha analizzato quasi trent'anni di dati giornalieri su temperatura e mortalità, quasi il 40% delle morti associate al caldo in circa 700 località del mondo tra il 1991 e il 2018 sarebbero state causate dalle attività umane. In termini assoluti, le morti osservate durante le stagioni calde sono state 1 670 000, di cui circa 26 000 causate dal caldo e fra queste quasi 10 000 sarebbero di origine antropica. L'Europa  centrale e meridionale sono le zone più vulnerabili, ma l'impatto del caldo sulla mortalità è notevole anche in paesi meno vulnerabili ma in cui gli effetti del cambiamento climatico sono già molto importanti, come per esempio il Paraguay. Nell'immagine una piazza di Montreal durante l'ondata di calore del 2011. Fonte: Nicolas Longchamps / Flickr. Licenza: CC BY-NC 2.0.

Quasi diecimila morti avvenute durante le stagioni calde tra il 1991 e il 2018 in circa 700 località distribuite in 43 paesi del mondo sarebbero attribuibili all’aumento delle temperature medie causato dall’attività umana, circa lo 0,6% del 1 670 000 decessi registrati in totale e quasi il 40% dei circa 26 000 associati al caldo.