fbpx Arriva il"knowledge-broker" | Scienza in rete
SciRe/

Arriva il"knowledge-broker"

Tempo di lettura: 3 mins

Il 13 e 14 giugno a Parigi la Rete ERA-ENVHEALTH promuove la Conferenza ‘sharing a vision for environment and health research in Europe’. Negli ultimi quattro anni una rete di 16 partner di dieci paesi hanno condiviso le conoscenze e la progettualità in materia di ambiente e salute, finanziando anche progetti su ambiente e salute nei paesi aderenti, che si sono aggiunti a quelli della UE. Oggi, ancor più di quando è iniziato il lavoro di rete, è indispensabile la collaborazione per aumentare l’efficienza e l’utilizzo della ricerca in Europa. I risultati e le azioni svolte dalla rete su ambiente e salute, così come i principali temi di attualità vengono presentati nei due giorni di lavoro a Parigi.

Nella prima sessione si discute il ruolo dei programmi di ricerca europei nella loro evoluzione. Si tratta di strumenti essenziali per la particolarità del tema affrontato. A livello legislativo e operativo ci si trova infatti in una situazione particolarmente complessa: i paesi membri infatti delegano all’Unione le loro politiche in materia ambientale, ma non quelle in materia sanitaria, creando a volte situazioni paradossali in termini di competenze e portata delle decisioni. E’ allora cruciale da una parte capire chi si occupa del tema in termini politici, e dall’altra chi e come supporta le decisioni con ricerche mirate. I programmi quadro di ricerca europei sono stati fino ad oggi fondamentali, e le azioni che si stanno avviando, chiamate joint action, si basano proprio su collaborazione e massima interrelazione.

Nella seconda sessione vengono presentate le priorità su ambiente e salute a livello europeo, individuate dai partner della Rete ERA-ENVHEALTH con tecniche come l’horizon scanning, a partire dalle realtà di ricerca e politica di ciascun paese, nella prospettiva di massima integrazione ed efficienza degli sforzi comuni. Si tratta di priorità che in ciascun paese vengono presentate ai decisori, e che potrebbero contribuire al meglio alla definizione di una nuova Strategia Europea su Ambiente e Salute. La Strategia del 2003, cui è seguito il Piano di Azione nel 2004, infatti, dovrebbe essere opportunamente aggiornata. Il secondo giorno di conferenza vede una terza sessione che tratta dei complessi legami tra scienza e politica. E’ importante capire come semplificare i risultati senza banalizzarli, rendere le ricerche più ‘utilizzabili’ mirandole al supporto dei decisori pubblici, alla prevenzione, alla valutazione delle azioni in corso per il loro miglioramento. L’obiettivo della discussione è di capire come rendere più produttive per tutti le relazioni, come creare ponti di linguaggio, aprire disponibilità e canali di fiducia reciproca. Si discute di una figura ancora poco nota in Italia, su cui la UE sta puntando però attenzione ed energie, che è il knowledge-broker, chi è capace di far comprendere le conoscenze e le sa collocare al posto giusto sul ‘mercato’, perché vengono usate nel modo giusto, canalizzando al meglio la domanda e l’offerta in diversi contesti. Nella discussione vengono usati casi e portate esperienze concrete dalle quali è possibile imparare molto.

La quarta sessione ospita una discussione aperta sui temi trattati e sulle prospettive, a partire dalle domande di fondo: come mantenere e aumentare l’attenzione sul tema ambiente e salute in Europa? Come può la ricerca contribuire a dare risposta alle preoccupazioni dei cittadini europei in materia di ambiente e salute?

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Futuro della ricerca italiana: una conversazione con Maria Cristina Messa

Maria Cristina Messa, ministra dell'università e della ricerca, deve affrontare la riforma delle carriere dei ricercatori di università e enti pubblici di ricerca, con l'obiettivo di ridurre il precariato e facilitare la mobilità tra istituti e anche da e verso l'estero. Inoltre, il suo ministero dovrà gestire 15 miliardi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e il nuovo Fondo Italiano per la scienza, istituito con il decreto "Sostegni bis".

Nell'immagine Maria Cristina Messa. Credit: Università degli studi di Milano-Bicocca, elaborazione Scienza in rete.

Maria Cristina Messa, professoressa ordinaria di diagnostica per immagini all’Università di Milano Bicocca ed ex rettrice nella stessa università, è stata nominata ministra dell’Università e Ricerca del governo Draghi a febbraio 2021. È la prima donna a ricoprire questo ruolo, la sesta se si considera il periodo di accorpamento del ministero dell’università con quello dell'istruzione. Nei primi mesi di incarico, ha nominato un’altra donna (Maria Chiara Carrozza) a capo del CNR. Forse anche questa scelta fa parte della modernizzazione di cui ha parlato più volte la ministra.