Covid-19/

Analisi dei dati epidemiologici del coronavirus in Italia (al 6 aprile)

Tempo di lettura: 3 mins
 --

L’analisi delle sequenze temporali della frazione dei contagiati osservati rispetto alla popolazione della provincia rivela che 94 delle 107 province presentano una diminuzione del tasso di crescita. Mancano all’appello tutte le province di ieri: Firenze, Napoli, Oristano, Avellino, Varese, Latina, Isernia, Brindisi, Genova, Imperia, Savona e La Spezia. Si è inoltre aggiunta la provincia di Barletta-Andria-Trani per la quale abbiamo lo stesso problema di ieri delle quattro province della Liguria. A parte queste ultime cinque province, i cui problemi sono di tipo sperimentale, notiamo una certa resistenza al superamento del picco nelle restanti otto province di Firenze, Napoli, Oristano, Avellino, Varese, Latina, Isernia e Brindisi. I risultati di tutte le province possono essere scaricati qui.

Di seguito alcune province con andamenti diversi: ancora in crescita, in rallentamento, in diminuzione. Nelle figure 1 e 2 rispettivamente le province di Latina e Varese dove la crescita dei nuovi casi ha ancora un andamento lineare. Per queste province le curve mostrano dapprima un salto (dovuto a problemi di ritardo nell'esecuzione dei testo o nella trasmissione dei risultati oppure all'esito di test eseguiti contemporaneamente su decine di pazienti in case di riposo, come avvenuto a Fondi il 20 marzo) e successivamente mostrano una crescita lineare, segno di un equilibrio tra nuovi casi e guariti e morti. Nella figura 3, la provincia di Firenze, dove la curva mostra segni iniziali di appiattimento. Nelle figure 4 e 5 le province di Crotone e Perugia dove invece si registra un rallentamento del tasso di crescita dei nuovi casi.

Figura 1. Sequenza del numero dei contagiati nella provincia di Latina. Il miglior fit con un modello logistico è sovrapposto ai dati.

Figura 2. Sequenza del numero dei contagiati nella provincia di Varese. Il miglior fit con un modello logistico è sovrapposto ai dati.

Figura 3. Sequenza del numero dei contagiati nella provincia di Firenze. Il miglior fit con un modello logistico è sovrapposto ai dati.

Figura 4. Sequenza del numero dei contagiati nella provincia di Crotone. Il miglior fit con un modello logistico è sovrapposto ai dati.

Figura 5. Sequenza del numero dei contagiati nella provincia di Perugia. Il miglior fit con un modello logistico è sovrapposto ai dati.


Nota
In questo documento sono descritti i risultati relativi all’analisi per tutte le province italiane. I dati utilizzati sono quelli aggiornati alle 18 del 6 aprile 2020 e sono stati scaricati dal sito https://github.com/pcm-dpc/COVID-19/tree/master/dati-province. I risultati sostituiscono o integrano quelli nel documento del 5 aprile. Valgono le stesse considerazioni generali del documento del 5 aprile. Alcuni chiarimenti possono essere trovati nella Nota metodologica. I risultati di tutte le province possono essere scaricati qui.

Giovanni Sebastiani
Istituto per le Applicazioni del Calcolo "Mauro Picone", Consiglio Nazionale delle Ricerche

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)