Covid-19/

Analisi dei dati epidemiologici del coronavirus in Italia (al 15 aprile)

Tempo di lettura: 2 mins
 --

L’analisi delle sequenze temporali della frazione dei contagiati osservati rispetto alla popolazione della provincia rivela che 102 delle 107 province presentano una diminuzione del tasso di crescita. Mancano all’appello le province di Brindisi, Genova, Barletta-Andria-Trani, Novara e Cagliari. I risultati di tutte le province possono essere scaricati qui.

Ci sono invece 11 province che oggi non registrano nuovi casi: Chieti, Matera, Crotone, Vibo Valentia, Benevento, Viterbo, Isernia, Nuoro, Sud Sardegna, Grosseto e Terni. Tra queste, quelle per cui questo accade da alcuni giorni sono Terni, Crotone, Vibo Valentia e Nuoro. Come già osservato il 10 aprile, Perugia è comunque la provincia dove l’evoluzione dell’epidemia ha mostrato prima che per altre di essere vicina alla fase conclusiva. Infatti, pur essendo oggi stato registrato a Perugia un nuovo caso, il numero totale di casi per questa provincia è molto più alto di quelli delle undici province oggi a zero nuovi contagi.

Possiamo dire che l’Umbria è la regione che per prima si avvia verso la fine dell’epidemia (vedi le figure 1 e 2). La raccomandazione di continuare a limitare al minimo il rischio di contagio è d’obbligo. Per quanto riguarda le discrepanze osservate tra i dati e il modello teorico nell’ultima parte dell’intervallo temporale, osservate di recente per diverse province e già sottolineate il 10 aprile, verrà pubblicato a breve un documento specifico che coinvolge alcuni aspetti generali riguardanti i test con i tamponi per individuare gli individui infettati.

Figura 1. Sequenza del numero dei contagiati osservati nella provincia di Terni. Il miglior fit con un modello logistico è sovrapposto ai dati.

Figura 2. Sequenza del numero dei contagiati osservati nella provincia di Perugia. Il miglior fit con un modello logistico è sovrapposto ai dati.

Note
In questo documento sono descritti i risultati relativi all’analisi per tutte le province italiane. I dati utilizzati sono quelli aggiornati alle 18 del 15 aprile 2020 e sono stati scaricati dal sito https://github.com/pcm-dpc/COVID-19/tree/master/dati-province. I risultati sostituiscono o integrano quelli nel documento del 10 aprile. Valgono le stesse considerazioni generali del documento del 10 aprile. Alcuni chiarimenti possono essere trovati nella Nota metodologica. I risultati di tutte le province possono essere scaricati qui.

Giovanni Sebastiani
Istituto per le Applicazioni del Calcolo "Mauro Picone", Consiglio Nazionale delle Ricerche

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)