fbpx Turing - A staged case history | Scienza in rete
Covid-19/

Turing - A staged case history

Read time: 2 mins

Matematico, crittografo, filosofo, biologo, padre del calcolo computazionale alla base dei moderni computer, Alan Turing nasce in Inghilterra nel 1912 e muore, suicida, 41 anni dopo. La sua vita, geniale e drammatica, è ricordata nel centenario della nascita attraverso una serie di manifestazioni e con uno spettacolo multimediale nato dall’incontro della regista, Maria Elisabetta Marelli, con il maestro Massimo Marchi di AGON.

Turing - A staged case hystory, multimedia action, in scena dal 20 al 25 novembre al Piccolo Teatro Studio a Milano, è uno spettacolo sui generis. Diviso in quadri che raccontano la vita Alan Turing attraverso le sue parole (elaborate a partire da documenti e biografie) si arricchisce di azioni sceniche, suoni, immagini e dati rielaborati in tempo reale da performer che utilizzano macchine con software sviluppati dal suo lavoro. E così ripercorriamo e vediamo concretamente le principali intuizioni di Turing, gli algoritmi che stanno alla base del calcolo binario del calcolatore universale, la sua esperienza come crittografo per l'intelligence britannica, i tentativi di digitalizzazione della voce, lo studio della morfogenesi biologica, l'elaborazione del test di Turing, e i momenti della tragica fine. Frammenti di una vita raccontati in prima persona dal bravo Alessandro Bruni Ocaña, accompagnati dalla costante presenza di Kronos, e sottolineati dalle istallazioni multimediali, dai video, dalle simulazioni sonore e dalle composizioni musicali elettroniche. In un palcoscenico che diventa luogo delle percezioni di una realtà aumentata.

Un esperimento senz’altro interessante, che cerca di visualizzare attraverso la tecnologia digitale il pensiero di un uomo che, con il suo genio e intuito, ha cambiato il corso della storia. 

TURING a staged case history
Multimedia action

Piccolo Teatro Studio, Milano, 20-25 Novembre 2012

Per Maggiori informazioni sul progetto: www.turingcasehistory.net

Articoli correlati

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

I modelli di linguaggio non devono limitarsi ad apprendere dai dati

« Allenare i modelli satistici di linguaggio su database rappresentativi dei diversi punti di vista della società, inclusi quelli minoritari, è fondamentale, ma dobbiamo anche intervenire nella progettazione dei modelli. Li stiamo sviluppando come se dovessero imparare tutto da zero, ma non è necessario», ci ha detto Dirk Hovy, linguista computazionale dell'Università Bocconi. Hovy coordina il progetto INTEGRATOR, finanziato dallo European Research Council con uno Starting Grant, che ha l'obiettivo di integrare fattori demografici nei modelli di linguaggio per mitigare il rischio di discriminazione. I rischi etici e sociali posti dall''utilizzo di modelli di linguaggio che apprendono da database di grandi dimensioni tramite un enorme numero di parametri è l'oggetto dell'articolo che ha portato tra dicembre e febbraio al licenziamento di due autorevoli scienziate del gruppo Ethical AI di Google e ora alle dimissioni del coordinatore del progetto Google Brain. Ma il contenuto dell'articolo, secondo Hovy, non è così controverso e anzi affronta problemi di cui una parte della comunità informatica si occupa da tempo. «La vicenda sottolinea che la nostra ricerca ha una nuova dimensione etica e che il rapporto tra accademia e industria deve essere rinegoziato per affrontarla».

Crediti immagine: M-OCRROR typeface

La scorsa settimana, Samy Bengio, direttore del progetto Google Brain, ha annunciato le sue dimissioni. A fine aprile lascerà la società dopo 14 anni.