Covid-19/

Formazione e cultura scientifica, presto una nuova casa

Read time: 4 mins

“Nel 2100 come saremo? Nessuno oggi lo può dire: ma già dobbiamo organizzare le nostre idee, le nostre donne, i nostri uomini e le nostre risorse economiche perché vogliamo credere in un mondo sostenibile e a misura d’uomo, memori dei valori del passato dal quale proveniamo.” Con queste parole Marino Golinelli ha presentato, ieri a Bologna, le nuove idee e i progetti che la sua Fondazione cercherà di sviluppare nei prossimi anni.
La storia della Fondazione Golinelli incomincia nel 1988 con l’obiettivo di favorire il cambiamento e l’innovazione: dal sostegno alla ricerca nei primi anni, per passare alla diffusione del sapere scientifico a cavallo degli anni 2000. 
Ora a distanza di venticinque anni, Golinelli è pronto a lanciare una nuova sfida "aiutare i giovani ad accrescere la loro cultura per affrontare le sfide che un mondo in cambiamento costante come quello in cui viviamo pone loro" ha spiegato.

Tutto questo sarà possibile grazie alla nascita di Opificio Golinelli, il Centro per la conoscenza e la cultura a Bologna.
Uno spazio di circa 9.000 metri quadri complessivi che verranno inaugurati a giugno 2015, che saranno pienamente operativi a partire da ottobre 2015 e che ospiteranno tutte le principali attività formative, educative e culturali della Fondazione.

Il centro è suddiviso in padiglioni e ambienti indipendenti, connessi da un sistema di passeggiate, giardini e piazze “che fanno pensare alla struttura di una città”, ha spiegato Simone Gheduzzi, l’architetto che ha progettato l’Opificio. 
Uno sforzo di 10 milioni di euro che parte da un dato molto importante: dal 2000 a oggi le attività della Fondazione hanno coinvolto oltre 850.000 persone, nel complesso delle tre sedi (Opificio Golinelli, Serre dei Giardini, spazio sotto il Voltone del Podestà) con questa nuova struttura si punterà ad avere circa 100.000 visite all’anno.
Ma quali sono le attività della Fondazione? Le attività della Fondazione Golinelli si sviluppano in sei grandi aree progettuali (Scuola delle idee, Scienze in pratica, Giardino delle imprese, Scienza in Piazza, Educare a educare, Arte scienza e conoscenza), accomunate dalla filosofia hands-on: il sapere conquistato attraverso lo sperimentare e il saper fare.

Interessante il nuovo progetto “Educare a educare” che si propone su scala nazionale come centro di ricerca per l’innovazione della didattica (asili nidi, scuole dell’infanzia, primarie e secondarie) con un’attenzione particolare alla multidisciplinarità, alle nuove tecnologie, alla pratica in laboratorio. “Basta essere in classe e vedere la nuca del compagno. Bisogna innovare il metoto d’insegnamento, entusiasmare i nostri ragazzi. Lavorare con i più piccoli è importante per poter inculcare una coscienza scientifica. Dobbiamo creare una nuova generazione che possa capire la scienza e prendere parte in maniera al processo decisionale”, ha affermato Antonio Danieli, Direttore di Fondazione Golinelli.

Ma le novità non si fermano qui. “Scienza in piazza”, che dal 2005 si rivolge al grande pubblico e vuole portare nelle piazze cittadine la cultura scientifica di cui la fondazione si fa portavoce, cambia formula in occasione di Expo: nel 2015 l’Opificio sarà teatro di incontri, laboratori e attività scientifiche connesse ai temi della grande manifestazione milanese.
“L’Opificio e i programmi futuri configurano un’operazione culturale di portata nazionale, confermando per Bologna il ruolo di capitale della cultura e dell’innovazione. In Italia i giovani tra i 15 e i 24 anni senza lavoro sono il 44,2%.
Noi ci stupiamo del fatto che a quella età i giovani non stiano studiando, non solo che non stiano lavorando. Il nostro impegno è teso a offrire nuovi ed efficaci percorsi educativi e formativi che aiutino la delicata transizione dei giovani all’età adulta, perché è soprattutto in quella fase che nasce il loro smarrimento. Ed è in quella fase che a tutti deve essere data l’occasione di trovare un’opportunità di crescita. Vogliamo diventare il più grande laboratorio didattico d’Italia”, ha continuato Danieli.

Ampliare i confini sarà possibile grazie alla continua collaborazione con l’università di Bologna e con le istituzioni. “Grazie a questa realtà, Bologna lancia un segnale: una città con un cantiere culturale aperto al mondo”, ha detto nel corso del suo intervento il sindaco della città Virginio Merola.

“Il futuro è nostro: sta in capo alla nostra creatività e alla nostra fantasia immaginarlo, perché senza questa capacità d’immaginazione la nostra volontà non può indirizzarsi verso una meta” ha concluso il giovane-vecchio Marino Golinelli.

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Agamben e le insensatezze sulla dittatura telematica

Viviamo sotto dittatura telematica, le tecnologie digitali producono comunità fantasmatiche, i prof che fanno didattica a distanza sono come i docenti che giurarono fedeltà al Fascismo, ecc. ecc. Se, come dice Giorgio Agamben, il problema è la “barbarie tecnologica” che svuota le aule e sfibra lo studentato, c’è da chiedersi perché insieme alla didattica a distanza non abolire anche la scrittura e i libri. Niente distanzia più della tecnologia alfabetica e di quella tipografica.
Crediti immagine: Pexels/Pixabay. Lienza: Pixabay License

È vero che il buon senso non produce buona filosofia, ma ciò non significa che per produrre buona filosofia bisogna necessariamente dire qualcosa di insensato. Pare che invece che Giorgio Agamben voglia dimostrarci il contrario, e poiché non è certo un Diego Fusaro la cosa stranisce un po’. Eppure bisogna resistere ai resistenti, evitare di essere apodittici (anche perché non ce lo possiamo permettere), e provare a trarre dalle argomentazioni degli apocalittici utili spunti per gettare luce su quel che accade intorno a noialtri ingenui integrati.