Il cambiamento climatico colpisce il Mediterraneo

Tempo di lettura: 3 mins

Da una recente ricerca del NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), sembra che la regione del Mediterraneo sia affetta da una crescente siccitá. Secondo lo studio, tutta la regione sta soffrendo dagli anni '70 di un regime secco che si manifesta con minori precipitazioni durante la stagione invernale, proprio quando le riserve idriche si ricaricano (fig 1). Nell'area si sono verificati 10 degli ultimi 12 inverni piú secchi del pianeta. “Non é una buona notizia” -  dice Martin Hoerling - uno degli studiosi del NOAA, “in una regione giá sotto stress per scarsezza idrica, e sovrappopolazione”. Questa ricerca quindi conferma la "diagnosi" che vede nell'area del Mediterraneo una regione particolarmente critica per le conseguenze che potrebbe avere il cambiamento climatico sia sull'economia sia sull'agricoltura e il turismo (vedi articolo su progetto Circe).

Fig.1: Colori rosso e arancio evidenziano le terre intorno al Mediterraneo che hanno avuto inverni notevolmente piú secchi durante il periodo 1971-2010 in riferimento al periodo 1902-2010. - NOOA

In una simulazione al computer, condotta nei laboratori del NOAA a Boulder in Colorado, il gruppo di ricerca ha studiato gli effetti nel Mediterraneo di un incremento delle temperature globali degli oceani. Il risultato é stato che una minima variazione, 0.5 gradi centigradi, della temperatura superficiale degli oceani (SST: Sea Superficial Temperatures) riceve una risposta secca nella area mediterranea di notevole portata. Questa regione si rivela molto sensibile anche a un minimo riscaldamento globale degli oceani.

Fig.2 - Immagine del trend di precipitazioni invernali del NOAA – trend di precipitazioni invernali nell'area del Mediterraneo nel periodo 1902-2010.

Lo studio conferma i dati statistici (fig 2) raccolti da un secolo circa, (da quando sufficienti informazioni sono stati disponibili) ed é in accordo con i risultati di altre ricerche condotte in Francia e in altri paesi. É sempre piú evidente che esiste una relazione tra riscaldamento globale, temperatura superficiale degli oceani e consequenze in termini di precipitazioni maggiori (inondazioni) o minori (siccitá) in diverse aree del pianeta. Il riscaldamento globale aumenta l'intensitá di questi fenomeni, contribuendo al cambiameno climatico: piú siccitá dove giá ce n'é, piú pioggia dove giá é abbondante, ma anche uragani piú intensi, e incendi piú frequenti.

Gli oceani sono i maggiori responsabili di questi cambiamenti nell’area mediterranea cosí come in altre regioni. Il fenomeno del Nino e de La Nina, che consiste in un oscillazione delle temperature del Pacifico meridionale tra regimi piú caldi e piú freddi, é stato tra i protagonisti del clima di metá della terra nel decennio passato. Ha destabilizzato molti dei regimi delle precipitazioni: in Asia Sud Orientale che ha sofferto inondazioni, in Cina per la desertificazione di aree orientali e il ‘dust bowl’ (tempesta di polvere), e in Australia che va ora soggetta ad entrambe siccitá e inodazioni.

Lo studio del NOAA ci dice che oggi il cambio climatico non é piú solo il problema di regioni sub-sahariane né quello di nazioni circondate dagli oceani, come Stati Uniti, Australia, e Cina. É vero che il Mediterraneo, (‘in media terrae’) é storicamente protetto da fenomeni che interessano grandi continenti e grandi mari, ma i recenti cambiamenti sembrano ormai avere indebolito le protezioni caratteristiche di questa regione. E sono proprio queste terre che circondano il bacino fino praticamente a chiuderlo che stanno avvertendo le consequenze maggiori di questi tempi globali. Negli ultimi quarant'anni i cambiamenti nell’area mediterranea prendono dimensioni che non possono essere facilmente ignorate.

Regimi secchi, incendi, perdita del patrimonio naturale, scarsezza idrica, instabilitá sociale, insicurezza degli investimenti, e crescenti ondate migratorie nella regione del Mediterraneo fanno parte di cambiamenti climatici, economici e politici che non possono essere separati l'uno dall'altro. Inoltre, i problemi del Mediterraneo non si comprendono piú separatamente da quelli di altre aree geografiche. Il Mediterraneo e il resto del pianeta sono sempre piú vicini.

Articoli correlati

altri articoli

Biodiversità appesa a un filo

Torna l'allarme lanciato 57 anni fa Rachel Carson con "Primavera silenziosa". Un nuovo studio, pubblicato su Science, analizza l'abbondanza dell'avifauna negli Stati Uniti e in Canada negli ultimi cinquant'anni. I risultati sono sconfortanti: si registra una perdita del 29 per cento dell'avifauna, corrispondente a quasi tre miliardi di uccelli. Crediti: 3D_Maennchen/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Torna l'allarme lanciato 57 anni fa Rachel Carson con "Primavera silenziosa". Un nuovo studio, pubblicato su Science, analizza l'abbondanza dell'avifauna negli Stati Uniti e in Canada negli ultimi cinquant'anni. I risultati sono sconfortanti: si registra una perdita del 29 per cento dell'avifauna, corrispondente a quasi tre miliardi di uccelli. Uno dei dati più preoccupanti, inoltre, è che tale perdita non riguarda solo le specie a rischio, ma anche quelle comuni e più importanti per gli ecosistemi. La ricerca arriva in contemporanea a una lettera firmata da oltre 1.600 scienziati, tra cui il "padre della biodiversità" Thomas Lovejoy, che chiede finanziamenti urgenti per la tutela della biodiversità.