fbpx Noi stiamo con il Mario Negri | Scienza in rete
Covid-19/

Noi stiamo con il Mario Negri

Tempo di lettura: 4 mins

L’Organizzazione animalista ‘Animal Amnesty’ ha indetto per sabato 30 novembre una manifestazione nazionale a Milano contro la sperimentazione animale, denominata strumentalmente ‘vivisezione’.
L’obiettivo dell’iniziativa è quello di portare i partecipanti davanti alla sede dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ per manifestare, si dice nel comunicato di convocazione, contro il suo direttore ‘il vivisettore Silvio Garattini’. Si tratta, innanzi tutto, di un’inaccettabile e incivile personalizzazione della polemica, nei confronti di uno dei più autorevoli, a livello internazionale, scienziati italiani.
In realtà, però, a essere chiamato in causa è l’intero mondo della ricerca biomedica, oggetto di campagne pubblicitarie e di stampa che mirano a impedire che in Italia si continui a fare ricerca nell’interesse, in primo luogo, dei malati.

Per questo, oltre a esprimere piena solidarietà a Silvio Garattini e ai ricercatori dell’Istituto ‘Mario Negri’, ci impegniamo, come esponenti del mondo della ricerca, delle Istituzioni e dell’informazione, a testimoniare anche personalmente il 30 novembre, presso la sede dell’Istituto, la nostra vicinanza, consapevoli che nel sostenere le ragioni della ricerca, sosteniamo contemporaneamente il diritto alla salute dei cittadini italiani e il futuro del Paese.

Appello sottoscritto da:

  • Gianluca Vago, Rettore dell'Università degli Studi di Milano
  • Gianni Bonadonna, Presidente Fondazione Michelangelo, Primario Emerito Fond. IRCCS "Istituto Nazionale dei Tumori"
  • Elena Cattaneo, Ricercatrice e Senatrice a vita
  • Sergio Ferrari, Pro Rettore dell'università di Modena e Reggio Emilia
  • Umberto Ambrosoli, Consigliere Regionale - Lombardia
  • Francesco Brancati, Giornalista Scientifico, Presidente Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione (UNAMSI)
  • Giorgio Brunelli, Direttore Scientifico Fondazione G. Brunelli per la ricerca sulle Lesioni del Midollo Spinale Onlus
  • Giuliano Buzzetti, Segretario Gruppo2003 per la Ricerca
  • Roberto Caminiti, Medico Scientifico di Informazione (UNAMSI), Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia  SAPIENZA Università di Roma
  • Marco Cappato, Tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni, Consigliere comunale a Milano
  • Giovanni Caprara, Giornalista Scientifico – Corriere della Sera, Presidente Unione Giornalisti Italiani Scientifici (UGIS)
  • Ernesto CarafoliIstituto Veneto di Medicina Molecolare, Padova
  • Luca Carra, Giornalista Scientifico - Condirettore Scienzainrete
  • Michele Carruba, Direttore Centro per lo Studio e la Ricerca sull’Obesità, Docente di Farmacologia - Università degli Studi di Milano
  • Enzo Chiesara, Università degli Studi di Milano
  • Francesco Clementi, Coordinatore della Commissione Scuola dell'Accademia dei Lincei, Professore Emerito di Farmacologia-Università degli Studi di Milano, Istituto CNR di Neuroscienze-Milano
  • Ferdinando Cornelio, Direttore Scientifico Fondazione Istituto Neurologico ‘C. Besta
  • Maria Antonietta Farina Coscioni, Presidente Onorario Associazione Luca Coscioni
  • Emilia Grazia De Biasi, Presidente Commissione Sanità del Senato
  • Giovanni De Gaetano, IRCCS Neuromed, Pozzilli
  • Paolo De Girolamo, Presidente Associazione Italiana per le Scienze degli Animali da Laboratorio (AISAL)
  • Gaetano Di Chiara, Professore Ordinario di Farmacologia Università degli Studi di Cagliari
  • Maria Benedetta DonatiIRCCS Neuromed, Pozzilli
  • Marco Foiani, Direttore Generale Istituto Firc di Oncologia Molecolare
  • Maurizio Fossati, Giornalista Scientifico - Il Giorno, Presidente Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione (UNAMSI)
  • Filomena Gallo, Segretario dell'Associazione Luca Coscioni
  • Luciano Gattinoni, Direttore Dipartimento Fisiopatologia Medico-Chirurgica e dei Trapianti Fondazione Ca’ Granda Policlinico
  • Carlo Giovanardi, Senatore
  • Pietro Greco, Giornalista scientifico e scrittore
  • Giovanni Laviola, Istituto Superiore di Sanità
  • Giorgio Lambertenghi Deliliers, Direttore Scientifico della Fondazione Matarelli
  • Pia Locatelli, Deputato
  • Alberto Luini, Dirigente di Ricerca, Istituto di Biochimica delle Proteine CNR, Napoli
  • Simone Macrì, Istituto Superiore di Sanità
  • Pier Mannuccio Mannucci, Direttore Scientifico Fondazione Ca’ Granda Policlinico
  • Alberto Maspero, Direttore Sanitario ospedaliero
  • Alberto Mantovani, Università degli Studi di Milano, Direttore Scientifico, Istituto Clinico Humanitas
  • Jacopo Meldolesi, Professore emerito Università Vita-Salute ‘San Raffaele’
  • Maurizio Mauri, Direttore Generale Cerba
  • Nicola Miglino, Direttore editoriale Doctor33-Dica33-Farmacista33
  • Luisa Monini, Medico-Giornalista Scientifico UNAMSI-UGIS
  • Ignazio Patrone, Magistrato
  • Marco Pierrotti, Direttore Scientifico Fondazione Istituto Nazionale Tumori
  • Pier Giuseppe Pelicci, Condirettore Scientifico Istituto Europeo di Oncologia
  • Marina Pizzi, Professore Associato di Farmacologia, Università degli Studi di Brescia
  • Giuseppe Remuzzi, Presidente Società Internazionale di Nefrologia
  • Roberto Satolli, Giornalista scientifico, Presidente di Zadig
  • Anna Scavuzzo, Capogruppo Lista Civica x Pisapia Sindaco-Comune Milano
  • Roberto Sitia, Università Vita-Salute San Raffaele, Direttore Dip. Genetica e Biologia Cellulare Istituto Scientifico San Raffaele
  • Cristina Tajani, Assessore alla Ricerca del Comune di Milano
  • Daniela Toniolo, Head of Unit-Genetics of Common Disorders DIBIT-, Istituto Scientifico San Raffaele
  • Augusto Vitale, Istituto Superiore di Sanità

Firma qui se vuoi sostenere l'appello!

Articoli correlati

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

A che punto siamo con i vaccini? L’EMA lo racconta ai cittadini europei

La vaccinazione di comunità contro Covid-19 rischia di fallire a causa dell'esitazione a vaccinarsi, che coinvolge il mondo occidentale. L’indecisione riguardo a vaccini ancora in fase di sviluppo e con profili di sicurezza ed efficacia ancora del tutto sconosciuti e sui quali scarseggiano i dati necessari per prendere una decisione informata (ben diversa dall'opposizione ai vaccini) richiede che l'intero processo di sviluppo, di sperimentazione, di autorizzazione al commercio e di distribuzione sia reso trasparente. In questa direzione si muove l'EMA, che ha organizzato un incontro pubblico per l'11 dicembre volto a informare i cittadini circa i processi regolatori (sovranazionali e nazionali) per approvare i vaccini anti Covid-19 e il ruolo dell’Agenzia nella valutazione e nel monitoraggio della loro efficacia e sicurezza.

Crediti immagine: People photo created by 8photo - www.freepik.com

La speranza di mettere fine alla pandemia di Covid-19 è riposta nello sviluppo di un’adeguata immunità di comunità (cosiddetta “di gregge”) nei confronti di SARS-CoV-2 che interrompa il ciclo di contagio e malattia. Ma quale sia esattamente la soglia che la definisce non è ancora noto: estrapolando da altre malattie virali, si potrebbe dire che l’epidemia comincerà a essere sotto controllo quando una proporzione tra il 60 e l’80% di persone avrà acquisito anticorpi contro il virus, abbassando il tasso di trasmissibilità sotto l’11.