fbpx Una giornata sulla Razza | Scienza in rete
Covid-19/

Una giornata sulla Razza

Tempo di lettura: 4 mins

Giornate tematiche del Master MaCSIS

RAZZA

SCIENZE NATURALI E SOCIALI DI FRONTE A UNA QUESTIONE COSTITUZIONALE

giovedì 17 maggio, ore 09:30 – 17:00

Università degli Studi di Milano-Bicocca

piazza Ateneo Nuovo 1, Milano

Edificio U6, Piano IV, Aula “Riccardo Massa”

La ‘razza’, definizione ricorrente nella cultura popolare, associata all’Homo sapiens non ha giustificazioni biologiche: dalla comunità scientifica emerge la proposta di eliminare o sostituire il termine nell’Art. 3 della Costituzione della Repubblica Italiana. A ottant’anni dall’approvazione delle leggi razziali fasciste, è opportuno interrogarsi sugli effetti della sua permanenza nella Carta costituzionale, dove è stato inserito per sottolineare il rifiuto categorico delle discriminazioni del regime fascista. Oggi quel vocabolo è ancora necessario oppure andrebbe rimosso?

Il convegno “Razza. Scienze naturali e sociali di fronte a una questione costituzionale”, che avrà luogo giovedì 17 maggio presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, approfondirà alcune posizioni di scienziati naturali, sociali e giuristi sull’argomento. «Nel momento in cui la scienza, ormai, ha provato che le razze umane non esistono… esistono dei razzismi crescenti che cercano, invece, di dividere l’umanità» sostiene Pietro Greco, scrittore e giornalista scientifico, che introdurrà e modererà la giornata. E così prosegue: «Ci si chiede se non sia il caso di sostituire la parola ‘razza’ con un’altra locuzione, per esempio ‘senza discriminazioni in base alla provenienza geografica’».

L’evento è organizzato da MaCSIS - Master in Comunicazione della Scienza e dell’Innovazione Sostenibile (www.macsis.unimib.it) dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca col patrocinio di Siac - Società Italiana di Antropologia Culturale (www.siacantropologia.it) e la collaborazione di Scienza in Rete (www.scienzainrete.it), web journal del Gruppo 2003 per la ricerca scientifica. Aprirà la giornata Giampaolo Nuvolati, Direttore del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, portando i saluti dell’Ateneo. Pietro Greco, scrittore e giornalista scientifico, introdurrà il convegno con una panoramica sulla ‘razza’ tra studi scientifici, percezione sociale e diritti costituzionali. A seguire, l’intervento di Marina Calloni, docente di filosofia sociale e politica dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, sugli usi linguistici di un termine tanto controverso con uno sguardo al panorama politico internazionale. Carmen Leccardi, docente di sociologia della cultura e membro del Senato Accademico dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, proporrà un approfondimento dalla prospettiva degli studi culturali. Valerio Onida, Presidente Emerito della Corte Costituzionale e docente di diritto costituzionale dell’Università degli Studi di Milano, parlerà del rapporto fra ‘razza’ e Costituzione da un punto di vista giuridico. A seguire, Simone Ghezzi, docente di antropologia sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e consigliere di Siac - Società Italiana di Antropologia Culturale, interverrà sull’ostinata sopravvivenza del vocabolo in un’ottica antropologica.

Dopo la pausa pranzo, Valeria Galimi, docente di comunicazione storica dell’Università degli Studi di Milano, proporrà una panoramica sulla concezione di ‘razza’ durante il fascismo italiano e sulle conseguenze che ha avuto negli anni successivi. Elisabetta Camussi, docente di psicologia sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, analizzerà il problema del pregiudizio razziale. Federica Da Milano, docente di glottologia e linguistica dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, interverrà sul ruolo assunto dalla parola ‘razza’ nella letteratura, sotto il profilo linguistico e letterario. Carlo Alberto Redi, accademico dei Lincei e docente di zoologia dell’Università degli Studi di Pavia, sosterrà la necessità di rimuovere il termine dalla Costituzione a partire da considerazioni biologiche.

La partecipazione è libera e gratuita. Per informazioni: [email protected]

PROGRAMMA

09:30 Saluti di Giampaolo Nuvolati - Direttore del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università degli Studi di Milano-Bicocca

“Razza: tra scienza, percezione e Costituzione”

Pietro Greco - Scrittore e giornalista scientifico

10:00 “Razza: usi linguistici e politici di un termine controverso in contesti internazionali”

Marina Calloni - Filosofa Politica, Università degli Studi di Milano-Bicocca

10:40 “La prospettiva degli studi culturali”

Carmen Leccardi - Sociologa, Università degli Studi di Milano-Bicocca

11:20 “Costituzione e razza”

Valerio Onida - Presidente Emerito della Corte Costituzionale, Università degli Studi di Milano

12:00 “Razze dure a morire. Uno sguardo antropologico”

Simone Ghezzi - Antropologo, Università degli Studi di Milano-Bicocca

PAUSA PRANZO

14:00 “L’idea di razza nel fascismo italiano”

Valeria Galimi - Storica, Università degli Studi di Milano

14:40 “Il pregiudizio della razza”

Elisabetta Camussi - Psicologa Sociale, Università degli Studi di Milano-Bicocca

15:20 “Razza: storia di una parola tra linguistica e letteratura”

Federica Da Milano - Linguista, Università degli Studi di Milano-Bicocca

16:00 “No razza, sì cittadinanza”

Carlo Alberto Redi - Accademico dei Lincei, Università degli Studi di Pavia

Moderatore: Pietro Greco - Scrittore e giornalista scientifico

 

Scarica e diffondi il programma.

 

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Teniamo a bada l'Rt per far funzionare meglio i vaccini

C'è un rapporto tra Rt e vaccini: infatti abbassando il primo, mantenendo precauzioni e distanziamenti, già una più bassa percentuale di vaccinati potrà produrre il vantaggio dell’immunità di gruppo. È anche molto importante conoscere i dati sui nuovi vaccini, prodotti con uno straordinario impiego di risorse e collaborazioni ma per i quali mancano ancora dati e sufficienti pubblicazioni scientifiche a conforto di quanto affermato dai comunicati stampa delle aziende

Immagine: Robert Rohde, Herd immunity. Youtube.

In questi giorni l’obiettivo dichiarato dagli esperti è quello di abbassare l’indice di riproduzione Rt sotto il valore di 1. Ricordiamo che il valore di Rt è una misura del numero medio di casi secondari contagiati da un primo caso. Se Rt diminuisce , il numero giornaliero dei casi diagnosticati diminuirà progressivamente e con esso il numero dei ricoveri in ospedale e di quelli in terapia intensiva.