fbpx Nominati i vertici dell'ANVUR | Scienza in rete

Nominati i vertici dell'ANVUR

Read time: 3 mins

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare la nomina dei componenti del Consiglio Direttivo dell'ANVUR, l'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (http://anvur.miur.it).
Entra così nel vivo l'attuazione della riforma dell'Università. Ora la lista dei nomi dovrà ricevere l'ok delle commissioni parlamentari, successivamente sarà ufficializzata dal presidente della Repubblica.
Tutti i componenti resteranno in carica quattro anni e non potranno nuovamente essere nominati. Eccoli: Sergio Benedetto, Andrea Bonaccorsi, Massimo Castagnaro, Stefano Fantoni, Giuseppe Novelli, Fiorella Kostoris, Luisa Ribolzi.
L'ANVUR dovrà valutare la qualità degli atenei e degli enti di ricerca. Parte dei fondi alla riceca saranno qundi distribuiti tenendo conto delle valutazioni, in modo da rendere meritocraticioo e trasparente il sistema di finaziamnto secondo due criteri caridne: milgior gestione delle spese, milgiore ricerca prodotta. 
Le nomine sono state accolte con alcune riserve: nessun componente rappresenta le discipline umanistiche, i nominati sarebbero troppo omogenei per opinione politica (troppo di di sinistra secondo Tremonti, vedi articolo del Corriere della Sera), nessuno proviene dal Sud Italia. Sono possibili sostituzioni durante il percorso, non breve, di approvazione delle nomine. 

Chi sono i sette commissari:

  • Sergio Benedetto, Ordinario di Trasmissione di dati al Politecnico di Tornino, è un'autorità internazionale nel campo delle Telecomunicazioni. Ha diretto grandi progetti di ricerca a livello nazionale e internazionale; 
  • Andrea Bonaccorsi, Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese all'Università di Pisa, autore di numerose pubblicazioni su riviste scientifiche di livello internazionale a cui sono state assegnati elevati punteggi nei più noti indicatori bibliometrici;
  • Massimo Castagnaro, Ordinario di Patologia Generale e Anatomia Patologica veterinaria all'Università di Padova. E' membro del Consiglio Superiore di Sanità, ha una comprovata esperienza nella direzione di strutture di elevata complessità quali il Dipartimento di Sanità Pubblica, Patologia Comparata ed Igiene Veterinaria dell'Università di Padova. 
  • Stefano Fantoni, autorità scientifica a livello mondiale nel campo della Fisica Nucleare. Direttore della SISSA dal 2004 al 2010, vanta un'esperienza diretta nella valutazione dell'università e della ricerca in Europa e in Italia e competenze nei processi di trasferimento tecnologico; 
  • Giuseppe Novelli, Ordinario di Genetica Medica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Roma Tor Vergata e Direttore della UOC Laboratorio di Generica Medica del Politecnico Universitario di Tor Vergata. Attualmente è preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Roma Tor Vergata e docente in qualità di Adjunct Professor presso l'University of Arkansas for Medical Sciences, Little Rock (USA); 
  • Fiorella Kostoris, Ordinario di Politica economica all'Università di Roma La Sapienza. Significativa la sua esperienza in ambito valutativo. E' membro del board del CIVR, è National Project Manager del Comitato per lo Studio di Valutazione degli Apprendimento degli Studenti Universitari e della Qualità della Didattica dei docenti (AHELO) creato dall'OCSE e dal 2009 membro del Panel di Revisione dello European Research Council (ERe) crato dalla Commissione Europea; 
  • Luisa Ribolzi, Ordinario di Sociologia dell'educazione e della famiglia presso la facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Genova. Dal 2006 è rappresentante per l'Italia al Consiglio Direttivo dell'OCSE/CERI. E' attualmente membro del Comitato Scientifico Internazionale per l'elaborazione delle linee strategiche relative alla costruzione di un sistema nazionale di valutazione.

http://www.istruzione.it/web/ministero/cs210111_bis

Autori: 
Sezioni: 
Luoghi: 
Indice: 
Università

altri articoli

La decarbonizzazione del sistema sanitario: un’impresa possibile

Negli ultimi anni diversi studi scientifici hanno mostrato come il settore della salute sia responsabile di una quota non indifferente delle emissioni di gas climalteranti. Alla fine del 2020, l’NHS inglese ha avviato un ambizioso piano per raggiungere la neutralità carbonica entro il 2040 per quanto riguarda le emissioni direttamente correlate alle attività di assistenza ed entro il 2045 per quelle indirette, mostrando come la cura dei pazienti e la riduzione delle emissioni non siano due obiettivi tra loro in contrapposizione. L’Italia si trova ora in una situazione unica per investire in un cambiamento epocale del proprio sistema sanitario, tramite il PNRR, e perdere un’opportunità del genere sarebbe un grave errore nei confronti delle generazioni sia presenti che future.

Crediti immagine: Hush Naidoo Jade Photography/Unsplash

Nelle ultime settimane ha destato un certo scalpore una ricerca presentata al convegno di Choosing Wisely (un progetto promosso da Slow Medicine) riguardo l’impatto ambientale delle attività del Sistema Sanitario, i cui risultati sono stati poi commentati anche da Guido Giustetto, componente della Commissione “Salute e ambiente” della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo).