Covid-19/

Il risveglio scientifico a Napoli negli anni '60

Read time: 3 mins
Pagine: 
230
Prezzo: 
20 euro
Titolo: 
Alfonso Maria Liquori. Il risveglio scientifico negli anni '60 a Napoli
Autore: 
Pietro Greco; Lelio Mazzarella; Guido Barone
Saggi Bibliopolis
Anteprima: 
Alfonso Maria Liquori ha rappresentato una delle personalità più poliedriche fra gli scienziati che operarono a Napoli negli anni ’60. Le pietre angolari del suo agire erano la interdisciplinarità, il cosmopolitismo e la visione umanistica della scienza.
Miniatura: 

Alfonso Maria Liquori (1926 - 2000) ha rappresentato una delle personalità più poliedriche fra gli scienziati che operarono a Napoli nei primi anni ’60 del secolo scorso, lasciando un profondo segno nella storia della Chimica.
Egli aveva intuito subito le nuove prospettive che si aprivano dopo la guerra nel panorama scientifico internazionale e appena laureato si era recato a studiare presso gli ambienti d’avanguardia americani e inglesi. Già Ordinario di Chimica Generale a Bari, fu chiamato nel 1960 alla cattedra di Chimica Fisica di Napoli.
Pietre angolari del suo agire erano la interdisciplinarità, il cosmopolitismo e la visione umanistica della scienza.
Egli, assieme a Nicolaus, chiamò un gruppo di prestigiosi colleghi come Corradini, Liberti, Ballio e Mangoni.
A Napoli operavano i fisici Caianiello, creatore della scuola di Cibernetica all’avanguardia in Europa, e Pancini, autore dei primi studi sui raggi cosmici.. Con essi Liquori favorì l’arrivo di Buzzati-Traverso che fondò il Laboratorio Internazionale di Genetica e Biofisica. Questi scienziati crearono in quegli anni un clima di rinnovamento e di risveglio culturale, nel generoso tentativo di influenzare il futuro della Città: infatti promossero l’istituzione dell’Area di Ricerca del CNR e il rilancio della Stazione Zoologica con la chiamata di Monroy. Questo libro vuol essere una testimonianza del contributo determinante dato da Liquori agli eventi di quel periodo, tra cui la fondazione dell’EMBO, concretizzatasi a Ravello nel 1963. Quivi fu eletto un Executive Council di 15 membri con Presidente Perutz e con Liquori e Buzzati-Traverso come rappresentanti italiani.
Gli autori hanno voluto pubblicare questo libro a 50 anni dalla assegnazione del Premio Nobel a Ziegler e Natta. Con Natta e i suoi allievi Liquori collaborò per la formazione del Centro Nazionale di Chimica delle Macromolecole, con due delle otto Sezioni collocate a Napoli e dirette rispettivamente dallo stesso Liquori e da Paolo Corradini.
Nel 2013 il CNR compie i 90 anni. Il capitolo 1 è dedicato a delineare il clima entusiasmante che si sviluppò a Napoli negli anni ’60 e le resistenze che quel gruppo di docenti innovatori trovò nell’Accademia e nella politica cittadina, malgrado l’impegno del CNR. I capitoli 2, 3 e 4 sono rispettivamente dedicati alle figure di Liquori, Caianiello, Buzzati-Traverso, Monroy e al loro operare, che fece sì che Napoli diventasse un polo di attrazione internazionale con periodiche visite di premi Nobel e scienziati di altissimo livello. Questi capitoli descrivono l’idea di quel gruppo di creare una società della conoscenza che consentisse anche un rifiorire socio-economico della città e della regione. Ma descrive anche la rapida parabola discendente di quel sogno, man mano che le difficoltà impedivano il decollo del progetto. Il capitolo 5 analizza come una classe dirigente, compromessa con il fascismo, fosse stata capace di riciclarsi e di creare i presupposti per una ripresa dell’Italia post bellica. In questo ambito viene messo a fuoco la politica di sviluppo del Meridione attraverso la Cassa del Mezzogiorno e la Svimez. Nonché l’avvio della politica nucleare italiana con la fondazione del CNRN e poi del CNEN e del Centro di Ispra.
Il capitolo 6 descrive invece le origini del movimento universitario napoletano e le ragione del suo contrasto sia con la vecchia accademia, sia con il gruppo dei rinnovatori, nel quadro della battaglia per la riforma e la democratizzazione dell’università.
Nelle conclusioni è infine riportato il bilancio del lascito positivo di quel periodo con le attività attuali dei Dipartimenti delle Università campane e degli Istituti del CNR sorti in quell’epoca

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Perché i dati di tracciamento vanno presi con le pinze

tracciamento

Dopo molti mesi di pandemia abbiamo capito che il tracciamento dei contatti è una misura indispensabile per cercare di contenere la diffusione del virus. Tuttavia, i dati non «parlano», ma devono essere attentamente interpretati. Per esempio, tracciare i contatti familiari o lavorativi è molto più semplice che tracciare quelli avvenuti in autobus. Come operare nel migliore dei modi?

Immagine: Pixabay License.

Purtroppo, l’ora della clausura è ritornata. I nuovi casi di Covid-19 in Italia stanno crescendo in modo esponenziale da alcune settimane, e a essi inevitabilmente si associa una pressione crescente sui servizi sanitari e, tragicamente, un aumento considerevole dei decessi.