Prima di prendere posizione, bisogna imparare a ragionare

Read time: 3 mins
Pagine: 
313
Prezzo: 
26
Titolo: 
Il pulpito e la piazza. Democrazia, deliberazione e scienze della vita.
2011
Autore: 
Giovanni Boniolo
Raffaello Cortina Editore
Anteprima: 
Attenzione a non farsi trarre in inganno dalle apparenze: titolo e sottotitolo, col pugno chiuso in copertina, evocano un saggio dal sapore un po’ veteroideologico. Ma se si comincia a sfogliare l’ultimo libro di Giovanni Boniolo si rimane incollati alle sue pagine.
Miniatura: 

Attenzione a non farsi trarre in inganno dalle apparenze: titolo e sottotitolo, insieme con il pugno chiuso che troneggia in copertina, evocano la prospettiva di un saggio un po’ polveroso, probabilmente intriso di ideologie che ai più appaiono ormai superate. Poi si comincia a sfogliare l’introduzione dell’ultimo libro di Giovanni Boniolo e ci si ritrova incollati alle pagine, attirati subito dal tono brillante, a tratti quasi scanzonato, che tradisce l’anima veneta, per quanto ormai trapiantata a Milano, del filosofo della scienza e bioeticista, docente di logica e filosofia all’Università di Milano e direttore del dottorato internazionale in Foundations of the life sciences and their ethical consequences presso la Scuola europea di medicina molecolare.

Un tono e un linguaggio accattivanti che nulla tolgono alla serietà e alla profondità dei ragionamenti con cui Boniolo si propone di spiegare «un’idea; ma una sola, ci mancherebbe: non vorrei mai urtare la sensibilità di persone come quel mio vecchio professore al primo anno di filosofia che mi rimproverò dicendomi: “Non vorrai avere un’idea, tu che sei così giovane, quando io nella mia carriera non ne ho mai avuto una”». E l’idea è che la cosiddetta «democrazia deliberativa», che mette al centro la partecipazione diretta dei cittadini, tanto di moda di questi tempi, non può esistere fino a quando i cittadini stessi non impareranno come deliberare.

In merito ai temi etici sollevati dalle conquiste della biologia e della medicina, in particolare, occorrerebbe saperne «abbastanza di biomedicina per non dire stupidaggini scientifiche; sapere abbastanza di etica…per non dire stupidaggini filosofiche, sapere abbastanza di come svolgere un argomento per non parlare a vuoto».

Il quadro dei dibattiti pubblici a cui tocca di solito assistere in Italia è in effetti sconsolante, per l’assoluta incompetenza dei presunti esperti chiamati a dare ragione dell’una o dell’altra posizione su temi controversi. Lo dice Boniolo da un punto di vista laico, ma lo stesso vale per i cattolici che vorrebbero veder difese con competenza e buon senso posizioni talvolta radicalmente opposte. Capita invece che, in occasione della prima Giornata degli stati vegetativi, in un articolo di fondo sulla prima pagina del Corriere della sera si attribuisca a Giovanni Paolo II la Humanae vitae di Paolo VI, promulgata dieci anni prima che Wojtyla diventasse papa.

Ma torniamo a Boniolo e alla sua lettura della democrazia deliberativa. Fin dalle prime pagine il filosofo della scienza smonta ogni possibile retorica sul concetto di democrazia, con un elenco di citazioni sarcastiche e un po’ dissacranti, e mette le mani avanti: la sua visione potrà apparire elitaria, ma così non è, dal momento che chiunque potrebbe far parte di questa presunta élite, se avesse voglia di studiare e approfondire. Perché di certi temi, che toccano al cuore la vita e la morte, non si può parlare a vanvera, senza cognizione di causa, se non al bar, così come non si possono confondere i propri pregiudizi morali con posizioni etiche argomentate. E qui casca l’asino, perché pochi sono, o meglio siamo, capaci di distinguere tra i due piani.

Con la sua capacità di portare temi complessi alla portata di tutti, Boniolo riesce a prendere per mano il lettore e accompagnarlo nel filo del suo discorso, incatenandone l’interesse tra aneddoti divertenti tratti dalla sua esperienza personale e citazioni dal mondo della lirica e dai Vangeli, da Gino Paoli ad Aristotele, da Umberto Eco a Sant’Ambrogio. Da bravo professore, però, alla fine di ogni capitolo ci riporta al punto, riassumendo i concetti fondamentali trattati nelle pagine precedenti, prima di consegnarci una ricchissima bibliografia.

Dagli ampi excursus storici alle riflessioni logiche, l’autore infine atterra su una paginetta di semplici regole per chi si trova a discutere e deliberare. Regole che andrebbero scritte a caratteri cubitali sulle pareti di Porta a Porta e Annozero, non fosse altro che per inserire nelle discussioni, se non il supporto di una logica stringente, almeno i desueti valori del galateo.

Roberta Villa

altri articoli

Sperimentazione animale, i benefici per gli animali non umani

Un aspetto che spesso non emerge nel dibattito sulla sperimentazione animale è quello relativo alle ricadute benefiche che tale sperimentazione può avere sugli animali stessi. In questo articolo ne raccogliamo alcuni: dai farmaci a uso veterinario a quelli che, nati per la medicina umana (su cui si concentra la maggior parte degli sforzi della ricerca), oggi sono impiegati per la cura e la terapia degli animali non umani, fino agli esempi di come la sperimentazione consenta anche alcune strategia di conservazione per gli animali a rischio. Naturalmente, tali esempi non sono un motivo per non investire sullo sviluppo di nuovi metodi, ma vogliono rappresentare uno spunto di riflessione nell'analisi costi-benefici che la sperimentazione animale, un argomento complesso in cui s'intrecciano etica, economia e politica, porta con sé.
Crediti immagine: J C/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Parlare di sperimentazione animale significa parlare di un argomento davvero complesso. Chiama in causa aspetti etici, economici e politici intersecati tra loro, che influenzano fortemente la ricerca scientifica e, di conseguenza, il benessere dell'essere umano. Ma solo di quest'ultimo? Nel dibattito sulla sperimentazione animale che si ritrova tanto spesso nella cronaca, un aspetto a volte trascurato è che, nell'analisi costi-benefici, tra i benefici può rientrare anche, in alcuni casi, lo sviluppo di farmaci (e non solo) a uso veterinario.