Le cinque case

Read time: 3 mins

MateFitness 1. Ci sono 5 case di 5 colori diversi.
2. In ogni casa vive una persona di nazionalità diversa.
3. Queste persone bevono una certa bibita, fumano una certa marca di sigarette ed hanno un certo animale.
4. Nessuno beve la stessa bibita, fuma la stessa marca di sigarette e ha lo stesso animale.
5. L'inglese vive nella casa rossa.
6. Lo svedese ama i cani.
7. Il danese beve tè.
8. La casa color verde è a sinistra di quella color bianco.
9. Il proprietario della casa verde beve caffè.
10. La persona che fuma MS alleva uccelli.
11. Il proprietario della casa gialla fuma Dunhill.
12. Il proprietario della casa giusto al centro beve latte.
13. Il norvegese vive nella prima casa.
14. Quello che fuma le Merit vive affianco a quello che ha un gatto.
15. Quello che ama i cavalli abita affianco a quello che fuma Dunhill.
16. Quello che fuma Marlboro beve birra.
17. Il tedesco fuma Lucky Strike.
18. Il norvegese vive affianco alla casa color blu.
19. Quello che fuma le Merit ha un vicino che beve solo acqua.

Di chi è il pesce rosso?


 


Il primo che pubblica nel commento la soluzione corretta e una breve
spiegazione verrà premiato con un INGRESSO GRATUITO a:

MateFitness, la palestra della matematica
Spazio didattico di Palazzo Ducale (cortile maggiore)
Piazza Matteotti 26r
Tel. 010 5574004
Genova

I commenti e il nome del vincitore verranno pubblicati tra 14 giorni quando
sotto l'indovinello successivo comparirà
la soluzione di questo indovinello.

SOLUZIONE DE "LA PARTITA A CARTE" 
La sfida l'ha vinta Beppe.

Dalla (1) e dalla (2) ricaviamo che sono state giocate almeno 5 mani: infatti, se fossero state meno, uno dei giocatori avrebbe dovuto vincere almeno due mani consecutive.

Dalla (1) e dalla (3) si deduce che al più ne sono state giocate 6. Partendo con Antonio mazziere, per non finire con lui che dà le carte, devono essere state giocate 2 o 3 o 5 o 6 o 8,... mani. Ma abbiamo già determinato che le mani sono più di 5, inoltre sappiamo che alla settima mano ci sarà sicuramente un vincitore, ma la settima mano finirebbe con Antonio, quindi sono state giocate al massimo 6 mani.

Supponendo che siano state giocate 5 mani, il vincitore della sfida avrebbe dovuto vincere la prima mano, la terza e la quinta (dalla (2)). Ma dalle (3), (4) e (5) si evince che ogni giocatore in questo caso avrebbe dato le carte in una di queste mani. Il che significa che il vincitore della sfida avrebbe vinto una mano in cui era mazziere, ma questo contraddice la (6). Quindi sono state giocate esattamente 6 mani e, ovviamente, il vincitore della sfida è colui che si è aggiudicato l'ultima mano.

Dunque, dato che sono state giocate 6 mani, è Carlo l'ultimo di mazzo, quindi, per la (6), non può essere lui ad aver vinto la sfida. Restano allora solo Antonio e Beppe.

Se avesse vinto Antonio l'ultima partita, allora, per la (2), non avrebbe potuto vincere la quinta mano, ma per la (6) non avrebbe potuto vincere nemmeno la quarta e nemmeno la prima, nelle quali è mazziere. Dunque gli rimaneva solo la possibilità di vincere la seconda o la terza mano, ma non entrambe. Il che significa che non avrebbe potuto vincere 3 mani.

Allora, per esclusione, deve essere Beppe il vincitore della sesta mano. Quindi è Beppe che si è aggiudicato la sfida.
In particolare, ci sono quattro sequenze ammissibili con cui Beppe può aver vinto:
1) BABCAB
2) BCBCAB
3) BCABAB
4) BCABCB

      COMPLIMENTI A erica torretta E A poskio CHE HANNO CONDIVISO SOLUZIONI CORRETTE
                                                         ANCHE SE INCOMPLETE!                                 

altri articoli

La ricerca scientifica come strumento indispensabile per il governo di un sistema sanitario intelligente

La sanità è ormai in grado di raccogliere i frutti della rivoluzione della medicina molecolare e dell’intelligenza artificiale per migliorare efficacia e precisione della pratica clinica. Negli Stati Uniti questa rivoluzione digitale della sanità è già in corso, con esiti che saranno importanti sia nel campo della assistenza sia in quello della ricerca. E in Italia? Luigi Tavazzi, cardiologo e scientific advisor del GVM Care and Research analizza, in questo capitolo del Libro Bianco, la situazione della digital health, della medicina personalizzata e di precisione