fbpx Il peso della ricerca scientifica nel governo Renzi | Scienza in rete
Covid-19/

Il peso della ricerca scientifica nel governo Renzi

Read time: 4 mins

Che peso ha la ricerca scientifica nel governo Renzi e in Parlamento?

 

Sono giorni di polemica sulla scelta dei ministri e soprattutto dei sottosegretari. Lasciando da parte le controversie più politiche, e limitandoci a esaminare i CV dei neonominati alla ricerca scientifica e a quella sanitaria (elenco dei nuovi sottosegretari) non possiamo non osservare scarse competenze ed esperienze maturate in questo ambito. 

Sottosegretari alla Ricerca e all'istruzione:

  • Roberto Reggi (PD, sindaco di Piacenza, ingegnere, Eurogen vendita di energia elettrica) 
  • Angela D’Onghia (Scelta Civica; imprenditirce manifatturiera, Bari)  
  • Gabriele Toccafondi (NCD; laureato in scienze politiche, direttore di coperativa) 

Sottosegretario Ministero della salute: 

E sì che la scelta dei viceministri secondo merito e competenza sarebbe stato un segnale molto importante per questo governo: nella società civile e nelle due camere ricercatori esperti non mancano, anche di grande valore. Tre nomi su tutti: i senatori a vita Elena Cattaneo e Carlo Rubbia, e la parlamentare Ilaria Capua. Forse - come qualcuno ha sottolineato all'indomani delle nomine - la comunità scientifica ha mancato ancora una volta nel fare rete e lobby per "mettere i suoi" nei posti di comando, mentre altri mondi hanno saputo far valere le loro concretissime ragioni.

Sia chiaro: la scarsa rappresentanza nella classe politica di scienziati e ricercatori è un fatto storico, sia perché tradizionalmente in Italia nella borghesia prevalgono le professioni liberali con formazione umanistica, sia perché - almeno negli ultimi decenni - si è andata determinando una frattura fra ceto politico ed èlite, che hanno preferito restare ai margini del processo politico.

Dai dati che seguono si  misura quanto sia esigua la proporzione di professioni scientifiche e più generalmente intellettuali sia nel governo sia nel Parlamento. (E anche la percentuale di laureati, PhD e alti dirigenti è assai inferiore ai parlamentari di Francia, Germania e Gran Bretagna, ma su questo torneremo). Almeno nel tasso di scienziati e intellettuali, come vedremo, il governo Renzi non rappresenta una discontinuità rispetto al passato, nonostante il tanto parlare di "società della conoscenza" e "cittadinanza scientifica". 

Dal database di Camera e Senato abbiamo estratto i profili dei parlamentari e abbiamo estratto le professioni registrate dalle schede anagrafiche:

  • docente universitario 
  • ricercatore 
  • insegnante 
  • medico 
  • ingegnere 
  • altra professione intellettuale o scientifica. 

Ecco i risultati per Governo, Parlamento e Commissione istruzione e ricerca.

Governo

I membri del Governo Renzi sono 61. Solo in 10 svolgono una professione intellettuale o scientifica.

Professioni intellettuali Governo 0 10 20 30 40 50 60 Altro

Ecco l’elenco completo. In evidenza i componenti del MIUR.

Nome Carica Organo Partito Professione
DE VINCENTI Claudio Viceministro Sviluppo Economico PD Docente universitario
DELLA VEDOVA Benedetto Sottosegretario Esteri SC Ricercatore
DELRIO Graziano Sottosegretario Presidenza del Consiglio PD Docente universitario
GIANNINI Stefania Ministro Istruzione e ricerca SC Docente universitario
MADIA Maria Anna Ministro Pubblica Amministrazione PD Ricercatore
OLIVERO Andrea Viceministro Politiche Agricole PD Insegnante
PADOAN Pier Carlo Ministro Economia e delle Finanze Tecnico Docente universitario
PINOTTI Roberta Ministro Difesa PD Insegnante
PISTELLI Lapo Viceministro Esteri PD Docente universitario
REGGI Roberto Sottosegretario Istruzione e ricerca PD Ingegnere

Parlamento

E quanti sono a loro volta i parlamentari che per professione si occupano di ricerca, scienza e insegnamento? Quanti di questi sono inseriti nella commissione istruzione e ricerca di senato e Camera?

Su 950 tra onorevoli, senatori e letti e senatori a vita 216 appartengono a una delle categorie professionali elencate.

Parlamento 0 200 400 600 800 Altro Professioni intellettuali

Così distribuiti fra i vari gruppi parlamentari. In valore assoluto:

Gruppo Docente universitario Ricercatore Ingegnere Insegnante Medico Altra professione intellettuale o scientifica Altro
Fratelli d'Italia - Centrodestra Nazionale 0 0 0 0 0 0 9
Grandi autonomie e libertà 2 0 1 1 3 1 3
Gruppo Misto 0 1 2 1 1 1 32
Gruppo per le autonomie-Psi 2 1 0 0 2 0 7
Lega Nord e autonomie 1 0 2 1 1 0 30
Movimento 5 stelle 1 5 8 12 5 5 119
Nuovo Centrodestra 4 0 2 2 7 0 45
Partito Democratico 35 16 5 23 11 7 304
Per L'Italia 7 0 0 2 0 0 22
Popolo della Libertà 7 0 1 5 8 2 104
Scelta civica per l'Italia 8 2 0 0 1 0 24
Sinistra ecologia e libertà 0 0 1 0 0 0 36

E’ il PD, anche per dimensioni assolute del numero di parlamentari, a portare in Parlamento il maggior numero di docenti e ricercatori. In percentuale, aggregando le professioni intellettuali, i grandi partiti hanno all’incirca la medesima distribuzione di professioni intellettuali, con Lega Nord e PDL con percentuali più basse e Scelta civica con percentuali più alte:

Commissione scienza, istruzione, cultura

Per quanto riguarda le commissioni è stata analizzata la composizione di:

Tra Camera e Senato su un totale di 71 membri di commissione 23 svolgono una professione intellettuale o scientifica.

Commissioni istruzione e ricerca 0 20 40 60 80 Altro Professioni intellettuali

Professione Numero Organo
Altro 33 Camera
Insegnante 7
Docente universitario 2
Ricercatore 2
Altra professione intellettuale o scientifica 1
Altro 15 Senato
Docente universitario 2
Insegnante 4
Medico 2
Ricercatore 3

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Caldo: più di un terzo dei decessi sono causati dalle attività umane

L'aumento delle temperature medie durante le stagioni calde è una delle conseguenze del cambiamento climatico. Secondo un recente studio pubblicato su Nature Climate Change, che ha analizzato quasi trent'anni di dati giornalieri su temperatura e mortalità, quasi il 40% delle morti associate al caldo in circa 700 località del mondo tra il 1991 e il 2018 sarebbero state causate dalle attività umane. In termini assoluti, le morti osservate durante le stagioni calde sono state 1 670 000, di cui circa 26 000 causate dal caldo e fra queste quasi 10 000 sarebbero di origine antropica. L'Europa  centrale e meridionale sono le zone più vulnerabili, ma l'impatto del caldo sulla mortalità è notevole anche in paesi meno vulnerabili ma in cui gli effetti del cambiamento climatico sono già molto importanti, come per esempio il Paraguay. Nell'immagine una piazza di Montreal durante l'ondata di calore del 2011. Fonte: Nicolas Longchamps / Flickr. Licenza: CC BY-NC 2.0.

Quasi diecimila morti avvenute durante le stagioni calde tra il 1991 e il 2018 in circa 700 località distribuite in 43 paesi del mondo sarebbero attribuibili all’aumento delle temperature medie causato dall’attività umana, circa lo 0,6% del 1 670 000 decessi registrati in totale e quasi il 40% dei circa 26 000 associati al caldo.