La sesta estinzione. Una storia innaturale

Read time: 3 mins
Pagine: 
336
Prezzo: 
17.00
Titolo: 
La sesta estinzione. Una storia innaturale
Autore: 
Elizabeth Kolbert
Neri Pozza
Anteprima: 
Nel corso della sua storia la Terra ha conosciuto cinque episodi di estinzione di massa: secondo alcuni ricercatori saremmo alla vigilia della sesta, e questa volta non sarà responsabilità di un’asteroide o dell’era glaciale, ma degli esseri umani.
Miniatura: 

Molti studiosi pensano che sia ora in atto la sesta estinzione di massa degli ultimi 500 milioni anni: è infatti probabile che verso fine secolo il tasso di estinzione arrivi al 10-20% e che la linea di aumento delle specie non riesca più a compensare il numero delle perdite.
Circa 250 milioni anni fa un’impennata dei livelli di biossido di carbonio ha provocato la scomparsa del 96% delle specie marine e del 70% dei vertebrati terrestri, e 65 milioni di anni fa un asteroide ha colpito il Messico, causando la quinta grande estinzione nella storia della Terra e la sparizione dei dinosauri. Questa volta però la causa non è imputabile a un oggetto o una forza fisica, ma alle attività di una sola specie vivente: l’homo sapiens. Oggi l’asteroide siamo noi.

Nel suo libro, The sixth extinction: an unnatural history, la scrittrice e giornalista americana Elizabeth Kolbert denuncia questo dramma moderno e gli scienziati che lo hanno portato alla luce.
Dal cambiamento climatico, causato dalla concentrazione di gas serra e anidride carbonica nell'atmosfera, alla tragica acidificazione dei mari, la scrittrice spiega in che modo stiamo alterando gli ecosistemi e uccidendo le altre specie.
Come il serpente-gatto bruno originario della Nuova Guinea che, sbarcato a Guam grazie a una nave militare, è riuscito a decimare la fauna del luogo, anche gli esseri umani eliminano da secoli nuove specie man mano che colonizzano il pianeta. Questo processo avviene in modo diretto, con la caccia o la pesca, oppure indirettamente, con l’alterazione degli habitat esistenti. E la situazione continua a peggiorare. Se l’economia della natura è stabile, quella degli uomini cresce incessantemente: viene sfruttata sempre più produzione di energia primaria netta e gli asset ecologici cambiano in modo sempre più accelerato.

Il racconto della devastazione porta quindi il lettore in viaggio tra i continenti. Kolbert approda in Australia, dove i biologi stanno studiando il rapido declino delle barriere coralline, e attraversa l'isola islandese di Eldey, dove l' ultima alca impenne, un uccello una volta comune nell'emisfero settentrionale, è stata uccisa dai collezionisti di uova nel 1844. Alcuni animali, in effetti, sono stati più sfortunati di altri: mentre gli scarafaggi sono sopravvissuti in modo positivo all’avvento degli umani, gli uccelli che non sono in grado di volare sono divenuti prede facili.

Ma l’influenza degli esseri umani non ha minacciato solo gli uccelli, ha minato la biodiversità e messo in pericolo moltissimi esseri viventi, come gli abitanti della foresta pluviale amazzonica e la megafauna africana. La velocità con cui le specie scompaiono è inoltre superiore a quella con cui venivano eliminate durante le estinzioni di massa del passato. Nel testo viene dichiarato esplicitamente: “Un terzo di tutti i pesci che vivono nella barriera corallina, un terzo di tutti i molluschi di acqua dolce, un terzo degli squali e delle razze, un quarto di tutti i mammiferi, un quinto di tutti i rettili e un sesto di tutti gli uccelli si stanno dirigendo verso la fine.”
L’autrice delinea un’analisi inquietante, ma anche sobria e rigorosa, della situazione ambientale in cui versa il pianeta e pone infine una domanda cruciale: se non verrà evitata la distruzione ecologica, cosa accadrà alla nostra società? Saremo in grado di affrontare le forze che abbiamo scatenato? La risposta non è affatto chiara.

L’uomo, fattore promotore dei cambiamenti in atto, è però cosciente di ciò che sta succedendo. E  forse è ancora in tempo ad agire per evitare questo futuro. 

Lori Berti

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #101

È entrata in vigore il 20 maggio, in occasione del World Metrology Day, la nuova definizione del chilogrammo, basata non più sul campione di platino-iridio depositato al Bureau international des poids et mesures a Parigi bensì sulla costante di Planck ℏ. La nuova definizione garantirà la stabilità di questa unità di misura, che finora doveva essere aggiornata ogni volta che il campione di platino-iridio si deteriorava e il suo peso cambiava di conseguenza. Ora il valore del chilogrammo è legato a una costante della natura misurata con estrema precisione e che non cambierà di valore. Ma come è legata la misura del chilogrammo alla costante di Planck? Per capirlo bisogna scendere nei sotterranei del National Institutes of Standards and Technology a Gaithersburg nel Maryland per vedere la bilancia di Watt, o Kibble balance. Nell'immagine: la NIST-4 Kibble balance. Credit: J.L. Lee / NIST.

Curare l'obesità con la chirurgia

La chirurgia bariatrica è lo strumento più efficiente per curare i casi gravi di obesità, eppure solo l'1% degli statunitensi che ne trarrebbero beneficio si sottopone a questo tipo di interventi. I sondaggi mostrano, infatti, che la maggioranza considera la chirurgia bariatrica pericolosa o poco efficace. Tuttavia, sono ormai numerosi gli studi scientifici che mostrano che i benefici superano abbondantemente i rischi. Non tutti gli interventi sono uguali, però.