Rivoluzione neolitica. Cambia lo stile di vita

Read time: 3 mins

Grazie ai cambiamenti climatici avvenuti tra Pleistocene e Olocene, all’incirca tra 11000 e 10000 anni fa, l’uomo ha acquisito la capacità di coltivare le piante di cui si cibava, introducendo l’agricoltura e dando il via a modificazioni sociali e fisiologiche.
Tra 10000 e 7000 anni fa, all’inizio dell’Olocene, è avvenuta la “rivoluzione neolitica”, la prima grande rivoluzione dell’agricoltura. L’uomo è passato gradualmente da un’economia di sussistenza basata su caccia e raccolta ad una incentrata sull’allevamento e la coltivazione.

Un recente studio pubblicato su Science, condotto all’interno di siti archeologici sull’isola di Wight, ha portato alla luce resti di grano risalenti a circa 2000 anni prima dell’inizio dell’agricoltura in quell’area rivelando la contemporanea presenza di insediamenti di cacciatori-raccoglitori e di coltivatori-allevatori, dai quali probabilmente i primi importavano il grano.
L’agricoltura è nata in alcuni centri primari dai quali si è poi diffusa nel resto del mondo. L’addomesticazione di piante e animali è iniziata nelle aree tropicali e subtropicali dove vi è una sufficiente umidità per la crescita di vegetali e per la presenza di piante selvatiche adatte alla coltivazione. I primi segni di domesticazione sono stati ritrovati in Asia sud-occidentale tra le foci dei fiumi Tigri ed Eufrate, nella Mezzaluna Fertile. Grano e orzo, inizialmente domesticato dalla specie selvatica Hordeum spontaneum, sono state le prime colture ad essere coltivate in quest’area. Nella Cina settentrionale e in Giappone è iniziata invece la coltivazione della soia, rispettivamente 9000 e 7000 anni fa. Il mais è stato domesticato 8700 anni fa in Messico dove è iniziata anche la precoce coltivazione di una zucca, molto probabilmente Cucurbita argyrosperma.

L’introduzione dell’agricoltura ha comportato alcuni cambiamenti sia nello stile di vita che nelle caratteristiche fisiologiche degli esseri umani. I cacciatori-raccoglitori conducevano una vita nomade, spostando il loro accampamento in risposta al susseguirsi delle stagioni, i coltivatori, invece, divennero sedentari e iniziarono a costruire i primi villaggi.
A questo seguirono altri cambiamenti. Uno studio pubblicato su Nature communications condotto su popolazioni dedite ancora oggi alla caccia e alla raccolta, gli Hadza della Tanzania, ha evidenziato che la loro flora batterica presenta una maggiore biodiversità rispetto a quella di popolazioni moderne o dedite ancora oggi all’agricoltura ed è composta da microorganismi che permettono di sfruttare l’energia contenuta nelle fibre vegetali. In seguito alla domesticazione e ad un passaggio ad uno stile di vita sedentario negli individui adulti è aumentata la capacità di digerire il latte. I cacciatori-raccoglitori avevano un alto livello di intolleranza al lattosio, diversamente dagli allevatori-coltivatori, la tolleranza è aumentata probabilmente in risposta alla maggiore assunzione di latte e prodotti caseari. L’introduzione dell’agricoltura ha inoltre permesso un notevole sviluppo demografico, il tasso di crescita delle popolazioni di coltivatori-allevatori era cinque volte superiore a quello dei cacciatori-raccoglitori.

di Eleonora Benvegnù

Fonti e Bibliografia principale:
- Gupta, A. K. (2004). Origin of agriculture and domestication of plants and animals linked to early Holocene climate amelioration. Current Science, 87(1), 54-59.
- Malmström, H., Linderholm, A., Lidén, K., Storå, J., Molnar, P., Holmlund, G., … & Götherström, A. (2010). High frequency of lactose intolerance in a prehistoric hunter-gatherer population in northern Europe. BMC evolutionary biology, 10(1), 89.
- Gignoux, C. R., Henn, B. M., & Mountain, J. L. (2011). Rapid, global demographic expansions after the origins of agriculture. Proceedings of the National Academy of Sciences, 200914274.
- Schnorr, S. L., Candela, M., Rampelli, S., Centanni, M., Consolandi, C., Basaglia, G., … & Crittenden, A. N. (2014). Gut microbiome of the Hadza hunter-gatherers. Nature communications, 5.
- Smith, O., Momber, G., Bates, R., Garwood, P., Fitch, S., Pallen, M., Gaffney, V., Allaby, R. G. (2015). Sedimentary DNA from a submerged site reveals wheat in the British Isles 8000 years ago. Science, 347(6225), 998-1001.

altri articoli

Il libro di Peter Gøtzsche e alcune riflessioni sulla Cochrane Collaboration

Crediti: Ramdlon/Pixabay. Licenza: Pixabay License

Eugenio Paci propone le sue riflessioni nate dalla lettura del libro di Peter Gøtzsche, il medico e ricercatore danese espulso a settembre dalla Cochrane Collaboration, di cui è stato fondatore. Il libro, disponibile online, ripercorre le vicende che hanno lo hanno portato all'espulsione. Ma, scrive Paci, l'atteggiamento da Sherlock Holmens è pessimo in chi si occupa di scienza, perché lo scienziato si deve occupare di studiare e misurare il vero, non di trovare  a tutti i costi l'errore.