Covid-19/

La sugar tax fa bene alla salute e non danneggia l’occupazione

Tempo di lettura: 3 mins

La ministra dell’agricoltura Teresa Bellanova sostiene che la tassa sulle bevande zuccherate ha effetti negativi sull’occupazione, soprattutto a suo dire nei settori agricolo e alimentare.

Questa affermazione è sbagliata. Infatti le esperienze dei Paesi in cui questa e altre tasse di scopo (sulla plastica, sul fumo, ecc.) sono state introdotte dimostrano che si è ottenuto il doppio effetto di migliorare la salute della popolazione e di aumentare l’occupazione.

Spiega Franco Sassi, direttore del Centre for Health Economics and Policy Innovation dell’Imperial College di Londra e fra le massime autorità in materia: «La questione dell’impatto delle tasse di scopo sull’occupazione è stata a lungo oggetto di dibattito tra gli economisti. Per tutte le tasse intese a limitare i consumi di prodotti dannosi per la salute la conclusione è chiara. Queste tasse non hanno un impatto negativo. Anche nei casi in cui si verifica una riduzione dell’occupazione nelle industrie che commercializzano i prodotti tassati, aumenti in altri settori, dovuti a spostamenti nei consumi, portano a un effetto netto positivo sull’occupazione, sempre restando nel settore agricolo e alimentare. Nel caso delle bevande zuccherate, un autorevole studio americano ha dimostrato già nel 2014 che non esiste un effetto negativo sull’occupazione».

In particolare studi recenti condotti negli Stati Uniti e in Messico hanno confutato chi resisteva all’introduzione della sugar tax invocando rischi occupazionali. In entrambi i casi «non vi sono stati impatti sull’occupazione, e quindi gli argomenti utilizzati contro la tassa hanno di fatto tentato di ingannare legislatori e gruppi di interesse», come si può leggere negli articoli citati (vedi sotto).

Continua Sassi: «Il legislatore ha in mano tutti gli strumenti necessari per favorire un impatto positivo sull’occupazione della sugar tax. Ad esempio, usare la tassa come incentivo per la riduzione dei livelli di zucchero nelle bevande, o incentivare l’industria a investire sulla promozione di bevande più salutari, possono attenuare se non annullare l’impatto sulle vendite, e quindi sull’occupazione, pur mantenendo l’effetto desiderato sulla salute», conclude Sassi.

Di seguito gli studi a disposizione

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

In difesa degli orsi del sole

Cacciati per il commercio illegale di denti, artigli e soprattutto della cistifellea che è un importante farmaco secondo la medicina tradizionale cinese, e minacciati dalla deforestazione, gli orsi malesi rischiano l’estinzione. Si sa pochissimo di questi animali, oggetto di poche indagini scientifiche, ma i rischi sono in aumento, anche perché la loro bile è stata suggerita come rimedio al Covid-19. Una ricerca italiana in Myanmar ha contribuito alla conoscenza e alla tutela di questo orso.

Crediti immagine: istituto Oikos

Di rimedi al Covid-19 in questi mesi ne abbiamo sentiti di tutti i tipi, dalla vitamina C al bicarbonato, passando per la candeggina consigliata da Trump. In Cina, per esempio, la commissione nazionale per la salute ha indicato come possibile cura un farmaco tradizionale, chiamato Tan Re Qing, che ha tra i suoi principali componenti la bile di orso.