fbpx Scoperta una molecola che cura la depressione nei topi | Scienza in rete

Scoperta una molecola che cura la depressione nei topi

Tempo di lettura: 3 mins

Si chiama beta-catenina e potrebbe essere la chiave per sconfiggere o limitare gli effetti della depressione.
Questo, almeno, è il risultato che è stato ottenuto da uno studio appena pubblicato sulla rivista Nature, nel quale si è ottenuta una reversione dei disturbi con l’aumento di una particolare proteina in una regione specifica del cervello.

La depressione è un disturbo molto serio determinato da tanti fattori. L’evidenza è che, a seguito di un lutto o un evento traumatico, non tutte le persone reagiscono allo stesso modo. Alcune possono avere delle ripercussioni psicologiche e fisiche molto gravi, altre riescono ad affrontare queste condizioni stressanti e superarle. Come mai questa differenza?
Per cercare di rispondere a questa domanda da tempo si cercano di capire i complessi meccanismi neurologici che permettono ad alcune persone di affrontare positivamente eventi traumatici. Questa capacità, chiamata resilienza, è stata il centro di decenni di sforzi per tantissimi neuroscienzati, ma ha dato pochi frutti. Oggi, con sempre maggiori conoscenze risulta ormai chiaro che esistono fattori genetici e ambientali che interagiscono tra loro e determinano disturbi come la depressione.
I ricercatori del nuovo studio sono partiti dalla conoscenza di una regione cerebrale, chiamata nucleus accumbens, che è coinvolta nei meccanismi di dipendenza. Inoltre, per quanto a livello molecolare si sappia ben poco, è noto che la proteina beta-catenina ha molte funzioni, come plasticità sinaptica e trasmissione dei segnali all'interno delle cellule. E che più in generale essa regola il funzionamento del sistema nervoso centrale e influenza gli stati di malessere, compresa la depressione.

Nel lavoro, presentato da ricercatori come Caroline Dias, del Mount Sinai Hospital di New York, si è quindi analizzato a fondo un modello di topi affetti da CSDS (chronic social defeat stress), cioè stress cronico da sconfitta sociale, che è una forma di depressione. Per ottenerlo si sono esposti degli individui maschi ad altri topi appartenenti a un ceppo più forte a livello fisico. Nei normali scontri tra topi che si susseguono dopo il contatto tra i topi dei due ceppi, quelli con CSDS escono sempre sconfitti, causando in loro segni psicologici evidenti, come evitare sistematicamente il contatto con altri topi. Questo meccanismo è molto simile a quello che avviene anche nella depressione dell’umano.
A questo punto i ricercatori hanno aumentato artificialmente i livelli di beta-catenina nella regione nota per essere legata agli stati di malessere (cioè il nucleus accumbens) ed è stato scoperto che il comportamento dei topi cambiava, a tal punto da diventare indistinguibile da quello dei topi “normali di controllo.
Successivamente, si è cercato di capire come la beta-catenina fosse in grado di favorire il recupero dallo stress e si è scoperto che l’effetto di reversione non funzionava in particolari topi geneticamente modificati che non avevano un enzima chiamato Dicer1, noto per essere implicato in meccanismi regolatori importanti per le funzioni neuronali.
In questo studio si è quindi riusciti a legare l’aumento di una proteina specifica in una regione del cervello con la reversione di un disturbo depressivo, e a tempo stesso capire quali altri attori importanti sono importanti per l’efficacia di tale reversione.

Si tratta di una scoperta che ha ovviamente delle limitazioni, dal momento che esistono differenze tra depressione nel topo e nell’uomo, ma costituiscono un ottimo punto di partenza

Iscriviti alla newsletter

Le notizie di scienza della settimana

 

No spam, potrai cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento con un click.

 

altri articoli

Piero Angela: ritratto del divulgatore da giovane

Per ricordare Piero Angela (1928-2022) Scienza in rete ha scelto di ripubblicare un testo dimenticato ma prezioso: l'intervista che il giornale Tempo medico fece al giornalista sul numero 187 del dicembre 1980. Allora cinquantaduenne, Angela non aveva ancora iniziato la fortunata trasmissione "Quark", ma aveva già una lunga consuetudine con la radio e la televisione, prima come corrispondente a Parigi e Bruxelles, poi al TG2, e su RAI 1 come autore di documentari. Fra l'altro, allora Angela aveva già all'attivo sei libri di divulgazione scientifica e le prime trasmissioni di scienza. Ecco cosa rispondeva, 42 anni fa, sul tema del giornalismo e della cultura scientifica in Italia. Tante cose sono cambiate da allora, ma non tantissime... Addio Piero Angela, grazie di tutto, e buona lettura a tutti voi. 

L'articolo, come tutti quelli di Tempo Medico, non è firmato. L'illustrazione di copertina è del grande illustratore Giovanni Mulazzani.

Piero Angela: lo sforzo di divulgare la scienza in una società poco propensa a coglierne i valori

Torinese, 52 anni, una cinquantina di documentari televisivi quasi tutti a carattere scientifico, sei libri di divulgazione che hanno riscosso un successo eccezionale: questa la scheda di riconoscimento di Piero Angela, sicuramente il più celebre dei giornalisti che hanno intrapreso il difficile compito di parlare di scienza al grande pubblico.