fbpx Purtroppo è un’illusione: dall’HIV non si guarisce | Scienza in rete

Purtroppo è un’illusione: dall’HIV non si guarisce

Primary tabs

Tempo di lettura: 2 mins

Due anni fa risultati presentati a uno dei maggiori congressi mondiali sulla infezione con HIV avevano sollevato un enorme interesse: un neonato diagnosticato infetto con HIV alla nascita, il cosiddetto “Mississippi baby”, era stato trattato subito dopo la nascita con una potente combinazione di farmaci che avevano portato ad una apparente guarigione. Dopo 3 anni nei quali il virus HIV era completamente scomparso dal sangue i ricercatori avevano sospeso la terapia e annunciavano di avere per la prima volta guarito un paziente infetto.
La ricomparsa di HIV nel sangue pochi mesi dopo la sospensione della terapia, tuttavia, dimostrava che “Mississippi baby” non era guarito.

Uno studio italiano apparso la scorsa settimana su The Lancet aggiunge altri particolari che evidenziano come la cura dalla infezione da HIV sia un obiettivo tuttora illusorio. In questo caso il virus era completamente sparito e si era verificata la scomparsa degli anticorpi  (ossia il paziente era diventato sieronegativo) dal sangue di un neonato infetto trattato alla nascita.
Anche in questo bambino, il “Milano baby”, HIV ricompariva però poche settimane dopo la interruzione della terapia. In questo bambino, tuttavia, approfonditi esami immunologici condotti quando la infezione era apparentemente risolta dimostravano come da qualche parte, in qualche cellula nascosta, HIV continuasse ad albergare, pronto a aggredire di nuovo quando la terapia fosse cessata.
Il virus, dunque, lascia tracce indelebili sul sistema immune, tracce che sono visibili anche quando esso è apparentemente scomparso (le orme lasciate sul cemento bagnato restano indelebili anni dopo che il responsabile se ne è andato).

L’HIV è estremamente subdolo e pressoché impossibile da sconfiggere perché nel giro di pochi minuti dalla infezione primaria il virus esce dal sangue e si nasconde in tessuti e in cellule dove resta in forma silente e dove non può essere raggiunto dai farmaci.
L’HIV, inoltre, integra il suo genoma in quello della cellula ospite, un altro efficacissimo meccanismo che gli permette di diventare invisibile alla terapia. I farmaci, infatti, sono assai efficaci su HIV che si replica, ma non vedono e non colpiscono le forme virali “resting” che si nascondono nei “reservoires” pronti a riattivarsi appena cessa la pressione esercitata dai farmaci. Questi dati, dunque, confermano una volta di più come non esistano cure del tutto risolutive per la infezione da HIV: il virus può essere controllato con la terapia, ma non può essere eradicato.

Abbiamo nelle nostre mani una terapia, ma la guarigione è un obiettivo attualmente irraggiungibile. Irraggiungibile è anche la possibilità di prevenire l’infezione con un vaccino. Ma questa è un’altra storia.


Scienza in rete è un giornale senza pubblicità e aperto a tutti per garantire l’indipendenza dell’informazione e il diritto universale alla cittadinanza scientifica. Contribuisci a dar voce alla ricerca sostenendo Scienza in rete. In questo modo, potrai entrare a far parte della nostra comunità e condividere il nostro percorso. Clicca sul pulsante e scegli liberamente quanto donare! Anche una piccola somma è importante. Se vuoi fare una donazione ricorrente, ci consenti di programmare meglio il nostro lavoro e resti comunque libero di interromperla quando credi.


prossimo articolo

La circolazione oceanica nel Nord Atlantico (AMOC) sta per spegnersi?

Atlantic Meridional overturning Circulation (AMOC)

Negli ultimi anni, varie testate hanno riportato la diminuzione dell'Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC) nel Nord Atlantico, cruciale per il clima dell'emisfero Nord, avvertendo del rischio che si stia spegnendo. È quanto, in effetti,  suggeriscono alcuni studi recenti, ma c'è disaccordo tra gli esperti: la complessità e l'incertezza dei modelli climatici rendono difficile prevedere con certezza il futuro di AMOC.

Schema delle correnti di AMOC. Crediti: modificato da R. Curry, Woods Hole Oceanographic Institution/Science/USGCRP, Wikimedia Commons. Licenza: CC BY 3.0 DEED

A più riprese negli ultimi anni, testate importanti hanno pubblicato articoli che raccontano come, secondo alcune ricerche, l’intensità della circolazione termoalina nel Nord Atlantico, nota come Atlantic Meridional overturning Circulation (AMOC) sia non solo in diminuzione, ma sia proprio sull’orlo di uno spegnimento totale.