fbpx Perché il metodo di Telethon funziona | Scienza in rete
SciRe/

Perché il metodo di Telethon funziona

Tempo di lettura: 3 mins

Lo cita come esempio positivo Pier Mannuccio Mannucci nel suo recente articolo su Scienzainrete. Lo cita come buona pratica anche il Gruppo 2003, nel suo Manifesto per una rinascita della ricerca scientifica in Italia. È il sistema di valutazione adottato da Telethon per finanziare i progetti di ricerca.

Cosa sia, come funziona e quali risultati consente di conseguire lo ha spiegato il Direttore scientifico di Telethon, Francesca Pasinelli, venerdì 15 luglio a Torino nel corso dell’evento «Merito loro. Le persone che fanno … Telethon», realizzato dall’organizzazione senza fini di lucro e a elevata utilità sociale (ONLUS) fondata da Susanna Agnelli per presentare i risultati complessivi del lavoro svolto.

Telethon è una “charity” di qualità. Che dal 1990 raccoglie fondi – ben 27 milioni di euro nel 2010 – per finanziare progetti di ricerca sulle malattie genetiche. Con quali criteri valuta questi progetti da finanziare per essere indicata a esempio?

È semplice. Telethon pubblica un bando. E chi vuole presenta un progetto di ricerca per farselo finanziare. C’è una commissione internazionale medico-scientifica che giudica ex ante tutti i progetti, sia quelli presentati da gruppi esterni sia quelli presentati da gruppi degli istituti Telethon. Attualmente la commissione è costituita da 28 membri, di cui solo 3 italiani (uno lavora in Italia, gli altri due lavorano all’estero). La scarsa presenza di commissari italiani è voluta per cercare di evitare a monte possibili conflitti di interesse.

Ogni progetto è valutato da almeno tre commissari, esperti del settore. Tutti sono discussi in un’apposita riunione plenaria. A ciascun progetto è attribuito un voto. I migliori vengono finanziati. 

Fin qui nulla di nuovo (anche se tutto assolutamente commendevole): il processo è quello adottato da anni dal National Institute of Health degli Stati Uniti e considerato il migliore al mondo. Perché premia, appunto, solo e unicamente il merito. Telethon dimostra che può essere applicato anche in Italia.

Ma il fatto che il sistema sia il più giusto, significa anche che il sistema è il più efficiente? I dati resi pubblici da Francesca Pasinelli dicono di sì. Il numero di citazioni (15,8) ottenuto in media dagli articoli firmati dai vincitori dei progetti Telethon è, come si vede in figura, stabilmente e sensibilmente più alto del numero di citazioni medie ricevute non solo dagli articoli scritti da colleghi che lavorano in Italia (7,8) e in Europa (7,3), ma anche dagli articoli scritti da colleghi che lavorano negli Stati Uniti (9,7). I dati elaborati dagli esperti della Thomson Reuters dimostrano che gli autori Telethon ricevono più del doppio delle citazioni ricevute da autori italiani e il 63% in più delle citazioni ricevute da autori americani.

Il sistema di valutazione ex ante scelto da Telethon, dunque, non solo è giusto. Ma è anche efficiente. Un sistema che potrebbe essere preso in considerazione anche dall’ANVUR per proporlo come modello di assegnazione anche dei fondi pubblici.

La qualità scientifica della ricerca finanziata

Aiuta Scienza in Rete a crescere. Il lavoro della redazione, soprattutto in questi momenti di emergenza, è enorme. Attualmente il giornale è interamente sostenuto dall'Editore Zadig, che non ricava alcun utile da questa attività, se non il piacere di fare giornalismo scientifico rigoroso, tempestivo e indipendente. Con il tuo contributo possiamo garantire un futuro a Scienza in Rete.

E' possibile inviare i contributi attraverso Paypal cliccando sul pulsante qui sopra. Questa forma di pagamento è garantita da Paypal.

Oppure attraverso bonifico bancario (IBAN: IT78X0311101614000000002939 intestato a Zadig srl - UBI SCPA - Agenzia di Milano, Piazzale Susa 2)

altri articoli

Futuro della ricerca italiana: una conversazione con Maria Cristina Messa

Maria Cristina Messa, ministra dell'università e della ricerca, deve affrontare la riforma delle carriere dei ricercatori di università e enti pubblici di ricerca, con l'obiettivo di ridurre il precariato e facilitare la mobilità tra istituti e anche da e verso l'estero. Inoltre, il suo ministero dovrà gestire 15 miliardi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e il nuovo Fondo Italiano per la scienza, istituito con il decreto "Sostegni bis".

Nell'immagine Maria Cristina Messa. Credit: Università degli studi di Milano-Bicocca, elaborazione Scienza in rete.

Maria Cristina Messa, professoressa ordinaria di diagnostica per immagini all’Università di Milano Bicocca ed ex rettrice nella stessa università, è stata nominata ministra dell’Università e Ricerca del governo Draghi a febbraio 2021. È la prima donna a ricoprire questo ruolo, la sesta se si considera il periodo di accorpamento del ministero dell’università con quello dell'istruzione. Nei primi mesi di incarico, ha nominato un’altra donna (Maria Chiara Carrozza) a capo del CNR. Forse anche questa scelta fa parte della modernizzazione di cui ha parlato più volte la ministra.