Conte bis si impegna sull'Agenzia nazionale per la ricerca

Tempo di lettura: 1 min

Il premier Giuseppe Conte nel discorso di oggi alla Camera si impegna sulla Agenzia Nazionale per la Ricerca. Vedremo come la intenderanno, ma sicuramente il Gruppo 2003 per la ricerca constata come la propria proposta abbia fatto breccia, e vigilerà perché vengano rispettati criteri di indipendenza, trasparenza e competenza. Guai se, invece di dare un indirizzo agli investimenti nella ricerca per garantire merito e giustizia, diventasse un inutile doppione del ministero. A questo proposito il Gruppo 2003 rilancia con una nuova sfida, da preparare con cura: creare un Ministero per l'Università e la Ricerca svincolato dal Ministero dell'Istruzione: si tratta di ambiti diversi ed entrambi di vitale interesse. Anche la ricerca ha bisogno di un suo responsabile politico focalizzato su di essa e sull'enorme lavoro di ricostruzione e rilancio che ci attende per ridare centralità e valore alla ricerca scientifica.

Articoli correlati

altri articoli

Un messaggio chiaro sull’emergenza climatica

Baffin Bay, Groenlandia. Immagine fornita dall'U.S. Geological Survey (USGS) EROS Data Center Satellite Systems Branch. Fonte: NASA/USGS Landsat 7; NASA Earth Observatory.

Sette ricercatori esperti in climatologia, oceanografia, ecologia e sostenibilità hanno lanciato una settimana fa su Nature un appello circostanziato che suona così: la scienza non può ancora dire se non con molta incertezza quando avverranno quelle discontinuità che potrebbero accelerare il collasso climatico e ambientale del pianeta. Ma scommettere contro i punti di non ritorno (tipping points) non è affatto saggio. Bisogna agire subito. Segue la disamina delle crisi più probabili, e del rischio che facciano massa portando il sistema fuori controllo.