fbpx Al centro della cellula | Scienza in rete

Al centro della cellula

Tempo di lettura: 3 mins

Dopo 5 anni dall’idea e 5 milioni di sterline investite, è ora aperto a Londra il Centre of the Cell (Barts and The London, Queen Mary’s School of Medicine), un centro mirato a far vivere ai bambini e ai ragazzi fra i 9 e i 15 anni il fascino e lo stupore della biologia cellulare e della medicina. Il centro è diretto e guidato da Frances Balkwill (che ne è stata anche l’ideatrice), un’oncologa che da sempre ha dedicato parte del suo tempo all’educazione e alla divulgazione scientifica per i bambini. I suoi libri per alunni della scuola primaria (La cellula, Il DNA ecc), fra cui l’ultimo su HIV, pensato per i bimbi africani, le hanno meritato il premio EMBO per la divulgazione scientifica. Entrando nel centro, si vedono e si coltivano cellule giocando in modo virtuale, si gioca a “Trivial”, si sperimenta il fascino della ricerca e delle professioni biomediche.

Per uno scienziato e per un insegnante in visita, come chi scrive, il centro è motivo di divertimento e … di imbarazzo quando si sbaglia a rispondere a qualche domanda!

Dal punto di vista didattico, l’insegnante di scuola primaria non può che essere favorevolmente stupita di questo laboratorio scientifico a misura di bambino. Gli alunni sono invitati prima a osservare ed ascoltare, poi ad interagire e a sperimentare sottoforma di gioco virtuale, quindi a fare ipotesi e a verificarle e provare infine l’entusiasmo per la risposta corretta o per la propria scoperta. Coinvolti totalmente in questa esperienza, si sentiranno dei piccoli scienziati: non esiste modo migliore per apprendere ed avvicinare ed educare i piccoli alunni al mondo della scienza, con la passione dello sperimentare in prima persona!

Il Centre of the Cell e la sua missione si prestano a considerazioni diverse:

  • Il Center of the Cell è parte della Università di Londra Barts and the London University, Queen Mary’s School of Medicine. Programmando un nuovo edificio di ricerca a fianco di una struttura ospedaliera nell’East London, si è da subito pensato che la ricerca biomedica dovesse programmaticamente essere affiancata da uno spazio dedicato alla comunicazione ai bambini.
  • Il Centro è localizzato nella parte più povera di Londra, l’East London. Chi prende la Picadilly Line della metropolitana in genere non sa che, andando verso est, ogni fermata corrisponde ad 1 – 2 anni di diminuzione dell’aspettativa di vita. Ebbene, è proprio ai bambini di questa parte di terzo mondo trapiantato a Londra che si rivolge primariamente il Centro, per far loro sperimentare il fascino della Scienza e della Medicina e suggerire la possibilità di un lavoro qualificato in biologia e medicina.
  • Il Centro è collocato sopra un’area di ricerca che ospita 400 ricercatori. Entrando i bambini vedono operai, tecnici e ricercatori al lavoro e, uscendo, può capitare che riconoscano lo scienziato visto in un filmato durante la visita, mentre coltivava cellule staminali, lo avvicinino e gli parlino.
  • I filmati parlano di una scienza fatta da giovani in jeans, con colore della pelle, accenti e tratti diversi,che esprimono opinioni diverse su temi quali cellule staminali embrionali: una scienza lontana dai vecchi “parrucconi”,portata avanti da protagonisti con cui i bambini possono riconoscersi.

Il nostro paese è, in larga misura, scientificamente analfabeta e non è questa la sede per discutere le tante cause di questa incultura diffusa. Le tante iniziative che si inaugurano in questi giorni a Milano (come l’Avventura della Scienza  per gli alunni delle scuole elementari e medie che partirà il 22 marzo o come l’Open Lab di nanotecnologie presso il Museo della Scienza e della Tecnologia promossi dall’Università degli Studi di Milano) ci fanno sperare in un futuro in cui l’essere ambasciatori della ricerca scientifica sia programmaticamente parte della vita degli scienziati e delle istituzioni scientifiche.

ritratto di Nicla Stucchi Nicla Stucchi
Insegnante elementare

Iscriviti alla newsletter

Le notizie di scienza della settimana

 

No spam, potrai cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento con un click.

 

altri articoli

La decarbonizzazione del sistema sanitario: un’impresa possibile

Negli ultimi anni diversi studi scientifici hanno mostrato come il settore della salute sia responsabile di una quota non indifferente delle emissioni di gas climalteranti. Alla fine del 2020, l’NHS inglese ha avviato un ambizioso piano per raggiungere la neutralità carbonica entro il 2040 per quanto riguarda le emissioni direttamente correlate alle attività di assistenza ed entro il 2045 per quelle indirette, mostrando come la cura dei pazienti e la riduzione delle emissioni non siano due obiettivi tra loro in contrapposizione. L’Italia si trova ora in una situazione unica per investire in un cambiamento epocale del proprio sistema sanitario, tramite il PNRR, e perdere un’opportunità del genere sarebbe un grave errore nei confronti delle generazioni sia presenti che future.

Crediti immagine: Hush Naidoo Jade Photography/Unsplash

Nelle ultime settimane ha destato un certo scalpore una ricerca presentata al convegno di Choosing Wisely (un progetto promosso da Slow Medicine) riguardo l’impatto ambientale delle attività del Sistema Sanitario, i cui risultati sono stati poi commentati anche da Guido Giustetto, componente della Commissione “Salute e ambiente” della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo).