ISS: ascoltiamo i precari

Read time: 5 mins

Sembra distantissimo, un quarto di secolo fa. Già allora si denunciava la limitatezza di risorse che in Italia venivano investite nella ricerca. In più, cominciava a essere visibile, fra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta, anche un cambiamento qualitativo. Gradualmente si era superata la soglia del 50% di finanziamenti che venivano assorbiti dal pagamento degli stipendi del personale. Questo capitava anche all’Istituto superiore di sanità (ISS), dove, in quel periodo, lavorano circa 1.300 persone.

Oggi, a distanza di oltre 25 anni, gran parte del finanziamento statale dell’ISS è dedicato al pagamento degli stipendi dei 1.500 dipendenti circa che lavorano a tempo indeterminato. Siccome è cresciuto poco il numero di persone, e tenuto conto che gli stipendi dei ricercatori e dei tecnici non sono stellari, la spiegazione è che nel tempo si è realizzato un disinvestimento nella ricerca. Guardando solo agli ultimi anni, il finanziamento statale dell’ISS è passato da 125 milioni di euro del 2010 a 102 nel 2016.

anni milioni di euro
2010

125

2011 111
2012 110
2013 106
2014 103
2015 102
2016 102

Questo disinvestimento si è però accompagnato a richieste crescenti di tutela della salute pubblica: dalle verifiche sulla filiera alimentare alle ricerche e controlli sui vaccini, dalla valutazione degli effetti sulla salute dei cittadini dei siti contaminati alle autorizzazione alla conduzione delle ricerche sugli animali, dalla garanzia di accuratezza di registri come quello delle interruzioni di gravidanza al supporto tecnico nella definizione di norme che hanno impatto sulla salute. Negli anni, poi, l’ISS è diventato la sede di due Centri nazionali: il primo dedicato al coordinamento delle attività dei trapianti e il secondo a quelle delle trasfusioni di sangue.

L’incremento dei compiti assegnati continua. Nel nuovo ordinamento da poco approvato dal ministro della salute si estendono le aree di attività dell’ISS anche a settori di grande rilievo ma finora poco coperti, come quello della valutazione della qualità delle cure sanitarie in Italia, o dell’impatto economico e sanitario dell’introduzione delle nuove tecnologie. Ancora, nel disegno di legge sulla cosiddetta responsabilità professionale, attualmente in corso di approvazione in Parlamento, si prevede che l’ISS sia la sede di valutazione delle linee guida che dovranno diventare il riferimento dell’operato nella pratica clinica.

Come si è fatto fronte alla crescita dei compiti nonostante il calo delle risorse statali ordinarie e al blocco delle assunzioni di personale? In parte è cresciuta la capacità dei ricercatori dell’ISS, così come di tutti i ricercatori italiani, di trovare finanziamenti, di partecipare e vincere bandi nazionali e internazionali. Non si è trattato però, come si dice in questi casi, di un “pasto gratis”, ma si è accompagnato a due effetti perversi.

Il primo è che per arginare il blocco delle assunzioni, la gran parte di questi finanziamenti è stata usata per reclutare personale a progetto. È così inevitabilmente aumentato il ricorso al personale precario e attualmente lavorano in ISS oltre 500 persone, soprattutto con contratti a tempo determinato. In questi giorni, i colleghi precari stanno occupando l’aula magna dell’Istituto per richiedere che il Parlamento assegni, nella legge di bilancio 2017, risorse adeguate alle stabilizzazioni. Non c’è alcuna esagerazione quando si afferma che senza il loro lavoro si bloccherebbero attività centrali dell’ISS. Nella quasi totalità si tratta di personale fortemente coinvolto non solo sui progetti di ricerca sui quali è pagato, ma anche sull’attività ordinaria, istituzionale, dell’ISS. Quasi il 70% di queste persone, inoltre, ha una “anzianità” di servizio superiore ai 10 anni.

In moltissimi casi questi colleghi hanno sviluppato competenze indispensabili per l’ISS e autonomia tale da attrarre essi stessi risorse finanziarie e così auto-sostenersi. Tuttavia, i pochissimi concorsi (l’ultimo nel 2011) hanno rappresentato una possibilità di assunzione stabile per un numero troppo esiguo di loro. Il problema quindi non è la mancanza di disponibilità a periodi di lavoro non stabile (in tutto il mondo la ricerca contempla alcuni anni di lavoro a tempo determinato), ma proprio questa mancanza di prospettive. Essere vincolati da contratti a progetto non garantisce continuità e non permette di allungare lo sguardo. Con questa incertezza diffusa, tutto l’ISS da anni vive precariamente e in emergenza, in una prospettiva di brevissimo termine, quasi navigando a vista.

Il secondo effetto perverso è che in questo contesto si rischia da un lato di orientare l’attività su priorità definite dalle strategie degli enti finanziatori, invece che del Servizio sanitario nazionale, e dall’altro di trovarsi in conflitto di interesse. Sono infatti aumentati, e continuano a crescere, i finanziamenti che provengono da aziende private. A coloro che guardano con sufficienza il richiamo ai rischi inerenti ai conflitti di interesse proponiamo un semplice test mentale. Chi preferirebbe che i controlli periodici effettuati sul prossimo aereo che prenderemo, le valutazioni di sicurezza sui vaccini che somministriamo ai bambini italiani, l’impatto sulla salute di un nuovo additivo alimentare, la definizione dei livelli di accettabilità di contaminanti dell’acqua potabile – e l’elenco potrebbe continuare a lungo - siano effettuati da società la cui sopravvivenza dipende dai finanziamenti delle aziende che devono essere valutate?

Per intravedere una via di uscita si devono stanziare, già nella legge di bilancio 2017 attualmente all’esame del senato, risorse adeguate che consentano di riassorbire il fenomeno del precariato – e riprendere così in futuro a svolgere concorsi “normali” – e di evitare gli effetti distorsivi dei conflitti di interesse. La mancanza di risorse adeguate crea una prospettiva di continua emergenza e riduce la capacità di attrezzare per il futuro istituzioni che hanno un ruolo fondamentale per la salute dei cittadini.

Paola Fattibene e Giuseppe Traversa
Rappresentanti dei ricercatori nel Comitato scientifico dell’Istituto superiore di sanità

Newsletter #issue 3, 2017

Read time: 5 mins

Arte e scienza

Antonio Canal, detto il Canaletto, Campo santi Giovanni e Paolo, 1738 ca, olio su tela, 46,4x78,1 cm, Londra, Royal Collection. Prestato da Sua Maestà Elisabetta II e visibile nella mostra “Bellotto e Canaletto. Lo stupore e la luce”, dal 25 novembre 2016 al 5 marzo 2017 alle Gallerie d’Italia, Piazza della Scala, Milano

  • All'ingresso della mostra "Bellotto e Canaletto, lo stupore e la luce" alle Gallerie d'Italia di Milano si può ammirare la camera ottica portatile appartenuta (forse) a Canaletto. Come utilizzavano questo oggetto Antonio Canal, detto Canaletto, e Bernardo Bellotto, suo nipote e allievo? Come ha influito l'ottica sulla rappresentazione artistica della realtà? [Scienza in Rete, Marco Capovilla]
  • La prima descrizione di una camera obscura è attribuita allo scienziato arabo musulmano Ibn al-Haytham, conosciuto in Occidente con il nome latino di Alhazen. Nel suo libro Kitab al-Manazir (Libro dell'ottica) rivoluzionò la teoria della luce. Probabilmente l'ostilità della religione musulmana verso la rappresentazione figurativa, impedì a Alhazen di realizzare un dispositivo basato sui principi che aveva scoperto. [Scientific American; David Biello]
  • David Hockney, pittore e fotografo inglese, e Charles Falco, fisico sperimentale, elaborarono nel 2000 una teoria secondo la quale l'arte occidentale ha ricevuto un contributo fondamentale dalle conoscenze scientifiche sull'ottica negli ultimi 400 anni. [BBC; David Hockney's Secret Knowledge]
  • Che impatto ha avuto la rappresentazione fotografica della realtà sulla scienza? Secondo David Bower gli ha conferito maggiore autorevolezza e senso di oggettività. [Science News, Bruce Bower]
  • Nel libro "Visual Strategies" Felice Frankel guida gli scienziati a un uso efficace delle immagini, soprattutto fotografiche, per raccontare la propria attività di ricerca. [MIT News; David L. Chandler]

Ricerca scientifica nell'era di Trump

Art Whght House Moon. Credit: The Cancer Letter Issue 6, 12 Febbario 2016.

  • L'eredità della presidenza Obama per il mondo della ricerca scientifica è notevole: la Precision Medicine Initiative, il Cancer Moonshot e molto altro. Visione e tempismo secondo Alberto Mantovani. [Scienza in Rete, Alberto Mantovani]
  • Se Barack Obama nel 2009 promise di restituire alla scienza un posto di rilievo nell'agenda politica, Trump si è mosso nella direzione opposta. Almeno finora. Gli scienziati americani hanno fatto sentire la loro voce sui social media durante la cerimonia di insediamento di venerdì 20 gennaio con l'hashtag #UsofScience [Vox, Julia Belluz]
  • In quanti modi Trump può intervenire sulla ricerca scientifica? Il riassunto nell'infografica pubblicata da Nature.  [Nature News, Lauren Morello]

Etica della scienza / Politica della ricerca

Credit: Protasov AN's Portfolio Credit: Shutterstock.

  • La ricerca interdisciplinare premia in termini di visibilità ma diminuisce la produttività. Questo il risultato dello studio di Erin Leahey, sociologa della scienza all'università dell'Arizona. [LSE Impact Blog, Erin Leahey]
  • Una nuova minaccia alla credibilità della comunicazione scientifica: le riviste "predatorie". Queste riviste pubblicano articoli a pagamento, spesso senza sottoporli a processi di peer-review. Il settore economia e management è il più colpito da questo fenomeno. Tutti i dettagli in uno studio pubblicato dalla Scuola Superiore Sant'Anna. [lavoce.info; Manuel F. Bagues, Mauro Sylos Labini e Natalia Zinovyeva]
  • Graham Coop, un genetista della UC Davis, ha deciso di non pubblicare su nessuna rivista un suo contributo caricato su biorXiv, l'archivio di pre-print in area biologica. La sua scelta è dovuta da una parte al fatto che si trattava di un commento a un articolo e non conteneva un risultato veramente originale, dall'altra alla presenza dei commenti on-line da parte degli utenti di biorXiv. Si chiama pre-peer-review e minaccia di sostituire il processo di peer-review più tradizionale. Cosa ne pensano gli scienziati? Ecco il dibattito che si è svolto (ovviamente) su Twitter. [Nature Research Highlights; Dalmeet Singh Chawla]
  • Al Rochester Institute of Technology nascono due programmi di alta formazione per dottorandi e post-doc con problemi di udito. La diversità nella comunità dei ricercatori biomedici aumenta la qualità della ricerca e ne arricchisce l'agenda. [Science; Gerry Buckley, Scott Smith, James Dearo, Steve Barnett, Steve Dewhurst]
  • Come i decisori politici possono sfruttare le conoscenze accademiche nell'era della post-verità? Nel libro "Evidence-Based Policy Making in the Social Sciences: Methods that Matter" Gerry Stoker e Mark Evans si rivolgono a studenti e practitioners, passando in rassegna strumenti non tradizionali per basare le decisioni politiche sulle evidenze scientifiche. [LSE Impact Blog; David Burton]

Miscellanea

Credit: Associazione Cittadini per l'aria.

  • Si terrà a Milano nell'Aula Magna dell'Università Statale il convegno "RespiraMI. Air Pollution and our Health". Due giorni, il 27 e 28 gennaio, dedicati a un dibattito tra esperti e rappresentanti dell'OMS sugli effetti dell'inquinamento atmosferico sulla salute, in particolare su quella delle categorie più vulnerabili. [RespiraMi]
  • Un gruppo di scienziati svedesi e americani, ha realizzato tramite stampa 3D un microscopio alimentato da uno smartphone in grado di effettuare analisi del DNA e diagnosticare così alcuni tipi di tumori. Il dispositivo potrebbe essere prodotto al costo di 500 dollari, diventando sostenibile per chi offre assistenza sanitaria nei Paesi in via di sviluppo. [BBC Technology; Leo Kelion]
  • La Cina ha inaugurato la scorsa settimana la Dalian Coherent Light Source, un Free Electron Laser. La particolarità della facility cinese è la lunghezza d'onda dei fotoni prodotti, inferiore ai 200 nm. Viene chiamata vacuum ultraviolet light ed è particolarmente adatta a studiare atomi e molecole all'interno di un gas. La ricerca alla Dalian Coherent Light Source potrebbe aiutare a capire come gli aerosol nocivi alla salute si formano e si degradano nell'atmosfera. [Science; Dennis Normile]
  • 3L'11 gennaio scorso il primo fascio di elettroni ha percorso l'anello acceleratore di SESAME, il laboratorio costruito ad Amman in Giordania da una collaborazione senza precedenti tra scienziati provenienti dai Paesi del Medio Oriente, tra cui Iran, Israele, l'autorità Palestinese, Pakistan e Cipro. [Nature; Elizabeth Gibney]