The efficacy of mandatory vaccinations. An ASSET analysis

Read time: 2 mins

Article published on the ASSET website

The recent case of the French parents who risked a jail sentence for refusing to vaccinate their children reignited the intense debate over mandatory vaccinations, whose efficacy as an instrument to maintain high level of vaccine coverage has been questioned. A study performed by experts from the ASSET project found no evidence of a relationship between mandatory vaccinations and rates of childhood immunization in European countries.

The authors of the research gathered data on all the countries within the European Economic Area; information on policies of mandatory or recommended vaccinations came from the VENICE project while those on childhood immunisation coverage were obtained from UNICEF. The analysis focused on three relevant vaccinations, on which different policies have been adopted in different countries: polio (Pol3), measles (MCV1) and pertussis containing vaccines (DTP3).

From 2007 to 2013, the enforcement of mandatory vaccinations does not appear to be relevant in determining childhood immunisation rate in the analysed countries. Those where a vaccination is mandatory do not usually reach better coverage than neighbour or similar countries where there is no legal obligation.

The study did not take into account the differences that exist on local legislations about how to enforce the obligation. Moreover, it lacks of information on possible changes in national vaccination policies, such as a switch from recommendation to compulsoriness. However, it seems to suggest that making vaccines mandatory does not necessarily increase vaccine coverage and that other factors – such as, for instance, difficulties of healthcare systems in reaching all children – could be involved. 

altri articoli

Giovani e innovazione, ma niente ricerca per la commissaria

Mariya Gabriel, politica bulgara, è la nuova Commissaria "per l'Innovazione e la Gioventù". Il riferimento diretto alla ricerca è sparito. Un segnale inquietante della tendenza europea a privilegiare la ricerca applicata e industriale su quella di base, probabilmente confidando che a quella penseranno gli Stati nazionali. Riempiangeremo Carlos Moedas? (Credit: Christian Creutz).

Mariya Gabriel subentrerà a Carlos Moedas e a Tibor Navracsics, commissari uscenti rispettivamente per “Ricerca, scienza e innovazione” e “Istruzione, cultura, giovani e sport”. Il titolo della nuova Commissaria è per "Innovazione e giovani": ma che fine ha fatto la ricerca? E i riferimenti a cultura e istruzione? Ci si può chiedere se si tratti di una svista, ma sono in molti, tra università, umanisti e scienziati, a dubitarne e a essere fortemente critici su questa scelta politica. Ammesso che il solo accorpamento di due deleghe in una significhi necessariamente una diminuzione sostanziale dei costi, rimane la questione che riguarda l'effettiva limitazione di contenuti non certo di poco conto. Anche perché già da tempo si sente parlare dei grandi obiettivi raggiungibili solo attraverso una stretta collaborazione tra il settore industriale e quello della ricerca scientifica, che pian piano si è ridotto alla sola ricerca applicata. Il rischio è che l'Europa si stia concentrando su una visione semplificata del nesso ricerca-sviluppo, mentre ci si aspetterebbe invece un rilancio di cultura, scienza e istruzione, motori senza i quali l'innovazione rischia di girare a vuoto