La Scienza e gli italiani: dieci anni di rivelazioni

Read time: 2 mins

È in uscita il nuovo Annuario Scienza Tecnologia e Società di Observa – Science in Society. E quest’anno è la decima edizione. Curato da Massimiano Bucchi e Barbara Saracino il volume è un traguardo che offre la possibilità di confrontare dieci anni di dati e informazioni sul rapporto tra scienza, tecnologia e società italiana.

Il volume sarà presentato in anteprima lunedì 17 febbraio 2014 alle ore 17.30 presso l’Accademia delle Scienze di Torino. All’evento sarà presente anche Helga Nowotny, presidente dell’European Research Council dal 2009 al 2013.
L’Annuario propone, in forma sintetica e accessibile, una raccolta ragionata d’informazioni e dati provenienti dalle più accreditate fonti nazionali e internazionali, utili per comprendere lo stato e le trasformazioni della ricerca e dell’innovazione nella nostra società.
Il testo offre al lettore un’ampia panoramica sulla situazione attuale e sui cambiamenti degli ultimi anni.
In questa edizione speciale vengono fornite risposte a domande che riguardano la percezione pubblica della scienza ma anche la connessione tra sviluppo tecno scientifico ed economia: quali sono i Paesi con i docenti universitari più giovani e quelli con i ricercatori più bravi ad ottenere finanziamenti europei? Quali aziende investono di più in ricerca? Dove si trovano gli studenti più bravi in matematica e scienze? Davvero la società italiana ha scarso interesse per la scienza? E come sono cambiati gli atteggiamenti del pubblico e il modo in cui i mezzi di informazione parlano di scienza e tecnologia?
Nel primo capitolo sono presentati i risultati decennali rilevati dell’Osservatorio Scienza Tecnologia e Società.
Il secondo capitolo, attraverso i dati dello Science in the Media Monitor analizza il ruolo dei mezzi d’informazione su dieci questioni tecnoscientifiche che hanno avuto particolare attenzione mediatica. Nel terzo capitolo vengono ripercorse alcune questioni scientifico-tecnologiche che, nel corso di questi dieci anni, hanno visto il coinvolgimento attivo dei cittadini. La rappresentazione pubblica della figura degli scienziati è il tema del quarto capitolo, mentre il quinto ed ultimo capitolo è un sorta di glossario con dieci parole chiave per orientarsi nelle discussioni su questi temi. 

di Andrea Rubin

Autori: 
di MCS
Sezioni: 
Scienza e società
Lavorato da / tipo di lavorazione: 
autore
stato: 
bozza

altri articoli

Se il lupo riporta la palla

La capacità dei cani d'interpretare i segnali di comunicazione umani, come l'incitamento a riportare un oggetto, è solitamente considerata un effetto della domesticazione. Uno studio recentemente pubblicato su iScience, però, riporta che anche i cuccioli di lupo possono (seppur di rado) decidere di riportare una pallina da tennis che viene loro lanciata. I risultati del lavoro suggeriscono che questa capacità sia già presente nei lupi e abbia rappresentato un target per la pressione selettiva durante il corso del processo di domesticazione.
Crediti immagine: Christina Hansen Wheat

"Dai, su, riportala qui!": tutti ogni tanto proviamo a lanciare una pallina (o un bastoncino, o un peluche...) a un cane. C'è chi la ignora, magari perché ha di meglio da fare, chi le corre dietro ma poi non la riporta, e chi invece torna soddisfatto dal suo essere umano, stringendo in bocca l'oggetto del gioco.