Nuovo bando per la ricerca biomedica in Lombardia

Read time: 1 min

Il 24 luglio alla presentazione del nuovo bando della Fondazione regionale per la ricerca biomedica erano in tanti: Irccs, ospedali, enti di ricerca e università lombarde. Pronti a buttarsi nella competizione per una delle poche occasioni di finanziamento della ricerca biomedica. Il bando mette a disposizione 15 milioni di euro per progetti di tre anni sui “meccanismi di malattia” nei tumori rari, malattie infettive, infiammatorie, degenerative e immuno-mediate, e per piattaforme di alta tecnologia in campo genomico e di biologia di sistemi.
La scadenza molto ravvicinata (il 24 settembre) ha creato qualche malumore, anche pensando che i progetti da presentare dovranno essere molto complessi, frutto della collaborazione di ospedali, università e aziende, e che solo da 3 a 5 verranno finanziati, quindi per un importo dai 3 ai 5 milioni di euro ciascuno.
A questo si aggiunge un finanziamento della Fondazione Cariplo di 500mila euro (destinato a triplicarsi nelle prossime edizioni) rivolto a consolidare la carriera dei giovani medici. Cariplo si occuperà anche di organizzare - in tempi molto stretti (i risultai si vorrebbero comunicare a fine anno) - la selezione dei progetti attraverso una valutazione peer review.
Nel quadro italiano 15 milioni, destinati alle realtà biomediche di una sola regione - non sono pochi, soprattutto se confrontati agli scoraggianti finanziamenti provenienti da MIUR e Ministero della salute, esigui e in cronico ritardo.

Il bando è scaricabile dal sito frrb.it

Autori: 
Sezioni: 
Biomedicina
Lavorato da / tipo di lavorazione: 
autore
stato: 
bozza

altri articoli

Sofosbuvir: la battaglia continua

L'artista David Datuna con il Chief Patient Officer di Gilead Sciences Gregg H. Alton alla presentazione del Life Award a Washington D.C. nel dicembre 2016. Dopo aver vinto la sua battaglia contro il cancro, Datuna, di origine georgiane, ha istituito un premio per le società o le persone che hanno contribuito in modo eccezionale a salvare e proteggere vite umane. La Georgia è il terzo Paese al mondo per prevalenza dell'epatite C; nel 2015 la Gilead Sciences, in collaborazione con i Centers for Disease Control e il Governo della Georgia, ha lanciato un programma contro l'epatite C che ha offerto terapie farmacologiche gratuite a oltre 6 000 cittadini georgiani. Credits: Moonman313 / Wikipedia. Licenza:CC BY-SA 4.0.

In una seduta pubblica svoltasi a Monaco il 13 settembre, lo European Patent Office (EPO) ha deciso di respingere l'opposizione al brevetto sul farmaco sofosbuvir, un antivirale ad azione diretta utilizzato per curare l'epatite C, di proprietà dalla società farmaceutica Gilead Sciences.