Nerviano rinegozia i debiti. E guarda al futuro.

Read time: 3 mins

Nerviano Medical Sciences e Unicredit Spa hanno siglato oggi un importante accordo finanziario quadro per la rinegoziazione del debito di 190 milioni di euro che impegna il centro di ricerca nei confronti dell’istituto di credito. L’intesa, raggiunta dopo una meticolosa trattativa, supportata da Mediobanca come advisor finanziario e da Cleary Gottlieb come advisor legale e fortemente sostenuta dall’azionista Fondazione Regionale per la Ricerca Biomedica assistita da Finlombarda Spa, rappresenta una tappa fondamentale nel percorso di valorizzazione e di rilancio internazionale del business di NMS. Testimonia inoltre l’efficacia della profonda azione di riorganizzazione industriale, gestionale e finanziaria intrapresa negli ultimi anni dall’attuale Management, oltre che le reali prospettive di sostenibilità economica e di crescita futura della struttura negli anni a venire.

L’accordo prevede una riduzione del debito totale di circa il 40% entro la fine del 2014, e il riscadenzamento della quota di debito rimanente, pari a 115 milioni in dieci anni, nell’arco temporale 2014.2023.

Ad ulteriore supporto dell’accordo è stato concordato tra le parti che le società di Nerviano Medical Sciences “si impegnano a fare tutto quanto in loro ragionevole potere” per realizzare una valorizzazione dell’area Nord Olona del campus di Nerviano attraverso un’operazione di cartolarizzazione immobiliare, che potrebbe portare in dote al centro di ricerca nuove risorse finanziarie a supporto della gestione operativa e dello sviluppo dell’attività di ricerca.

Infine, in termini di governance e in base all’intesa raggiunta, si procederà anche alla nomina di un membro indipendente e condiviso da Unicredit all’interno del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale di NMS.

“L’accordo sottoscritto con Unicredit ci mette oggi nelle condizioni di lavorare con più serenità al raggiungimento non solo degli ambiziosi obiettivi previsti nel piano industriale ma anche, dopo anni di difficoltà economiche, di una redditività finalmente positiva”, spiega Luciano Baielli, Amministratore Delegato di NMS. “Il Centro, grazie ai recenti successi nella ricerca, alla guida di figure di spicco del panorama scientifico come il Prof. Carlo Croce, ancora grazie ad importanti accordi con colossi farmaceutici e del biotech, ha infatti tutte le carte in regola per diventare un protagonista internazionale nell’ambito della ricerca farmaceutica in oncologia, e un asset strategico determinante nell’ambito della ricerca biomedica sia lombarda sia nazionale”.

La strategia operativa di NMS nello sviluppo di farmaci mirati lo rende infatti soggetto primario per lo sviluppo di nuovi farmaci oncologici in Lombardia, come dimostrano le collaborazioni già attivate con i principali player del sistema sanitario regionale. Tali collaborazioni tra il Centro di Ricerca di Nerviano e il Sistema Sanitario regionale, tra cui si annoverano poli di eccellenza come l’Istituto Besta e l’Istituto Tumori, ma anche il San Raffaele, le Università di Milano e di Milano-Bicocca, gli ospedali Niguarda e Sacco, hanno consentito l'avvio di oltre 10 progetti di ricerca biomedica che si potranno trasformare in potenziali assets licenziabili a terzi. Questa innovativa partnership tra Nerviano e SSL aprirà l’opportunità per il Sistema Sanitario regionale di possibili ritorni sia in termini di sanità pubblica sia in termini di valore economico, finalizzando delle progettualità che in passato avevano come scopo principale la divulgazione scientifica mentre ora possono ambire ad uno sviluppo industriale applicativo con ritorni per i pazienti e per lo stesso SSL.

Per quanto riguarda invece la pipeline interna, Nerviano sta sviluppando in particolare 6 molecole - che vanno dalla fase preclinica alla fase 2/3 di sviluppo clinico – in partnership sia con primarie global pharma (Roche e Novartis), sia con solide medium pharma (è di luglio 2013 l’accordo con la francese Servier), sia con importanti biotech. Tutte molecole coperte da brevetti in scadenza per lo più oltre il 2028: tale dato è sinonimo di innovazione e competitività delle tecnologie sviluppate nei laboratori di Nerviano, che assicurano un elevato potenziale di mercato riconosciuto dagli autorevoli partners coinvolti.

Nerviano Medical Science

Autori: 
Sezioni: 
Medicina e ricerca
Lavorato da / tipo di lavorazione: 
autore
stato: 
pronto

altri articoli

Un problematico buco nero

Un buco nero stellare dalla massa tre volte superiore al limite teorico previsto: la scoperta è stata recentemente pubblicata da Nature, e ora gli astronomi stanno cercando di stabilire gli scenari che spiegherebbero questo dato. Come scrive Claudio Elidoro in quest'articolo, "si preannunciano tempi di intenso lavoro non solo per gli astrofisici che si occupano di evoluzione stellare, ma anche per quelli che proveranno a spremere altri dati da quel problematico sistema".
Nell'immagine: raffigurazione pittorica del sistema stellare costituito dalla giovane stella blu LB-1 in orbita intorno al buco nero. La presenza del buco nero è stata dedotta proprio dal regolarissimo moto orbitale della stella. Crediti: Jingchuan Yu

A 13 mila anni luce di distanza dalla Terra è stato scoperto un buco nero stellare la cui massa ammonterebbe a circa 70 masse solari, un valore che pone seri problemi agli astrofisici. Alla luce delle attuali teorie evolutive stellari, infatti, questo valore è almeno tre volte più grande del previsto, il che rende piuttosto complicato riuscire a spiegare la formazione del buco nero. L’annuncio della scoperta è stato pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista Nature dal team di Jifeng Liu (Accademia Cinese delle Scienze – Beijing).