Ogm in Italia: continua la caccia alle streghe

Read time: 8 mins

Trent’anni fa usciva su Nature il primo articolo sugli Ogm. A tre decenni di distanza gli organismi geneticamente modificati sono ancora al centro del dibattito pubblico, particolarmente in Europa che, a differenza degli Stati Uniti, si mantiene su posizioni scettiche. L’Italia, da parte sua, proprio oggi ha ribadito di nuovo una posizione contraria agli Ogm, e ora si sta parlando di un decreto anti-OGM.
In questi giorni si è parlato anche di clausola di salvaguardia, prevista a livello europeo dal testo di riferimento in materia di OGM, cioè la direttiva 2001/18/CE, che si occupa sia degli aspetti legati all’impatto ambientale degli organismi geneticamente modificati, sia di quelli commerciali. L’articolo 23 prevede appunto che i singoli Stati possano sospendere la coltivazione di un OGM sul loro territorio, mentre ne è permessa l’importazione. 

Come è noto, in Italia è vietat anche la sperimentazione in campo degli OGM, stabilito da un provvedimento dell’allora ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio, che nel 2001 vietò qualunque sperimentazione in campo agrobiologico. Vana la protesta dei maggiori scienziati italiani (in primis Rita Levi Montalcini e Renato Dulbecco), che accusarono il ministro di utilizzare i finanziamenti per la ricerca e la sperimentazione in campo agricolo come uno strumento per imprimere una svolta repressiva alla ricerca pubblica. La situazione peggiorò ulteriormente all’arrivo del successore di Pecoraro Scanio, Gianni Alemanno, che nel 2002 sospese tutte le sperimentazioni in campo aperto che erano in corso negli istituti che dipendevano dal Ministero delle Politiche Agricole.
Il provvedimento ha toccato da vicino anche Eddo Rugini, ricercatore alla facoltà di Agraria dell’Università della Tuscia (Viterbo) che dal 1999 coltivava – con regolare autorizzazione del Ministero – piante transgeniche di olive, kiwi e ciliegie. L'estate scorsa, però, il suo lavoro è stato bloccato e i risultati delle sperimentazioni cancellati, letteralmente.

Michela Perrone

La ricerca tagliata con le ruspe : intervista a Eddo Rugini

Eddo Rugini  da 30 anni studia le piante geneticamente modificate. Non avendo ottenuto la proroga da lui richiesta per giungere a risultati apprezzabili, il 12 giugno 2012 è stato costretto ad assistere, impotente, alla distruzione delle coltivazioni a cui aveva dedicato metà della sua vita: il lavoro di oltre 30 anni di ricerca scomparso sotto le ruspe mandate dal Ministero dell'Ambiente.

Per quale motivo il Ministero dell'Ambiente l’ha costretta a distruggere le sue coltivazioni?

E.R. Le motivazioni sono state essenzialmente due: la Regione Lazio non aveva ancora individuato i siti di sperimentazione per le piante geneticamente modificate nel proprio territorio e il Mipaaf (il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, ndr) non aveva approvato i protocolli di sperimentazione. Sarebbero bastati pochi mesi di proroga per portare a termine la complessa ricerca che stavamo conducendo a Viterbo, quindi fornire alla comunità scientifica risultati originali e dare anche la possibilità a giovani ricercatori precari di continuare a lavorare.

Perché, secondo lei, la Fondazione Diritti Genetici ha intimato alla Regione Lazio e ai Ministeri della Sanità e dell'Ambiente di imporvi l'autodistruzione? C'erano stati dei trascorsi?

Non conosco questa fondazione, so che è una fondazione privata e che in passato il suo presidente (Mario Capanna, ndr) ha cercato di fondare un’istituzione di ricerca nel Lazio utilizzando la tecnica Mas (Marker assisted selection, ndr), invece di quella del Dna ricombinante. Ovviamente le due tecniche non sono una alternativa all’altra: la prima serve per individuare la variabilità genetica, la seconda per crearla.

Come ricorda quel 12 giugno 2012?

Lo ricordo come il giorno più nero della mia vita lavorativa. Ho pensato alla mancanza di autorevolezza dei ministri, che pur di mantenere una poltrona sono disposti anche a sorvolare su valori importanti, a calpestare giovani studenti e ricercatori che si interessano alle biotecnologie. Ho pensato che l’Italia ha perso un’altra opportunità di sviluppo. Ho pensato agli agricoltori che non possono avvantaggiarsi economicamente delle innovazioni della ricerca. Ho pensato a una possibile infiltrazione di Ogm sul mercato alimentare italiano e al fatto che non saremmo in grado di accorgercene per la mancanza di aggiornamenti scientifici. Ho pensato all’illusione di combattere lo strapotere delle multinazionali con il blocco delle coltivazioni, con il blocco della ricerca pubblica, con menzogne sulla presunta scarsa qualità.

Per lei è stato come rivivere l'episodio del 2002, quando un gruppo di No global ha distrutto la vostra piantagione di fragole? O forse è stato ancora peggio?

È stato peggio. Allora quelle persone erano dei giovani che forse avevano voglia di dimostrare qualcosa, nutrivano rabbia. A quell’età non si riflette sull’importanza della ricerca per il progresso, per la conoscenza. Pensavo che quella bravata fosse una dimostrazione per manifestare la loro avversione per le multinazionali e la globalizzazione. Avevo persino chiesto di parlare con loro dopo la battaglia con la polizia, ma la Digos - giustamente - me lo ha impedito. Questa volta ho visto la cattiveria di alcuni funzionari. Si può capire l’avversione alla coltivazione degli Ogm, anche sotto il profilo ideologico, ma non si possono comprendere le ragioni che comportano il blocco della ricerca e la distruzione di una sperimentazione pubblica così utile e complessa.

Quale insegnamento ha tratto da questa esperienza?

Per un momento mi sono pentito di non aver pensato a me stesso e alla mia famiglia, rifiutando le lusinghiere offerte di lavoro all’estero, ma passato questo momento è tornato l'orgoglio di essere cittadino italiano e di aver lavorato per il mio Paese. L’orgoglio di aver contribuito a gettare le basi per una nuova tecnologia che potrebbe, in futuro, semplificare il lavoro e ridurre i tempi per il miglioramento genetico delle specie arboree. Sono anche orgoglioso di non aver disobbedito alle autorità: avrei potuto farlo. Invece ho scelto la via della comunicazione per controbattere, armato di dati sperimentali e pazienza, i tanti cialtroni e i disonesti che ben conoscono l’arte del convincimento.

Elena Baldi 

Perché in Italia è impossibile fare ricerca sulle piante Ogm

Se uno studente italiano di biotecnologia avesse il desiderio di fare ricerca sugli Ogm in ambito agricolo, probabilmente gli basterebbe conoscere le vicissitudini di Eddo Rugini, per convincersi a rinunciare. Da trent’anni Rugini conduce ricerche su piante arboree – compresi ulivi, kiwi, ciliegi e peri - modificandole geneticamente per renderle più resistenti ad avversità naturali come siccità, freddo o agenti patogeni, così da poter ridurre l’utilizzo di pesticidi e prodotti chimici. 
Gli ostacoli che Rugini ha dovuto affrontare nel suo lavoro sono molteplici (vededendo vanificare, in conclusione, decenni di lavoro) e la situazione in Italia, sostiene lo studioso, negli anni è peggiorata. Rugini ne è talmente amareggiato che si ripromette di restituire - in segno di protesta - l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana conferitagli nel 2007 dal Presidente della Repubblica per meriti scientifici. Quali sono i fattori che hanno reso così difficile portare avanti questo tipo di ricerche? 
Primo ostacolo: le leggi italiane che, di fatto, oggi proibiscono la ricerca sugli Ogm in ambito agricolo perché non consentono di effettuare la sperimentazione in campo aperto, un passaggio necessario per testarne le proprietà dopo gli studi in laboratorio.
Secondo ostacolo: l’impopolarità che continua a suscitare il termine “Ogm” riferita a prodotti agricoli, nonostante non esistano, di fatto, prove scientifiche che dimostrino che cibarsi di organismi geneticamente modificati sia dannoso per la salute.
Terzo ostacolo: fare ricerca su piante Ogm richiede tempi estremamente lunghi – anche decenni – ed è quindi molto costoso. Se questo non bastasse, si può aggiungere che persino brevettare i risultati, in Italia, è un processo così lungo e costoso che spesso l’università pubblica non se lo può permettere, e finisce col cedere i propri risultati alle multinazionali. Le multinazionali restano così, di fatto, le sole a poter sostenere i costi e i tempi di questo tipo di ricerca, e questa è un’altra delle cause dell’impopolarità degli Ogm. A Rugini, l’associazione Ogm-multinazionali è costata la distruzione delle sue fragole transgeniche da parte di un gruppo No Global

Al di là delle multinazionali, l’uso degli Ogm in agricoltura ha potenzialità enormi, con risvolti di sostenibilità che, se più noti, potrebbero far vacillare le certezze dei No Global. Ne è un segno tangibile l’idea dello stesso Rugini – che non ha potuto concretizzarsi per la distruzione della sperimentazione in campo - di usare ulivi Ogm resistenti alle basse temperature in aree tradizionali o di nuova introduzione (alte montagne del Nepal, per esempio). O quella di usare kiwi modificati resistenti alla siccità in luoghi dove c'è carenza di acqua. D’altra parte l’agricoltura ha sempre fatto ricorso a metodi di miglioramento genetico per rendere le piante più produttive, dall’innesto agli incroci programmati, alle radiazioni per indurre mutazioni genetiche degli anni ’60; e in natura batteri e virus, inducendo mutazioni, producono “Ogm naturali”. Lo sviluppo di piante Ogm potrebbe ad esempio limitare l’uso dei pesticidi e degli erbicidi - questi sì certamente dannosi per la salute e per l’ambiente – nonché degli ormoni e degli integratori che oggi vengono normalmente impiegati in agricoltura. La ricerca sugli Ogm può migliorare sia la produttività delle piante che le proprietà organolettiche dei prodotti agricoli. In un futuro non lontano potrebbe anche consentire di ottenere piante con proprietà nutrizionali complete, che renderebbero più agevole il passaggio a una dieta vegetariana, con enormi vantaggi per il pianeta sia in termini di consumo di risorse e di suolo che in termini di inquinamento, grazie alla limitazione dell’emissione di gas serra e di liquami prodotti dagli allevamenti intensivi. Inoltre la ricerca su piante Ogm potrebbe avere importanti ricadute sulla produzione di biocarburanti più efficienti o di estratti per uso farmaceutico.  “Anche in agricoltura servono ricerca, innovazione e formazione”, dice Rugini. 

Valentina Tudisca  


i campi ogm della tuscia

timeline a cura di Michele Bellone 

 

Articoli correlati

altri articoli

Una banca atomica per salvare la pace

Yellowcake Barrels. Credit: IAEA Image Bank.

Lo scorso 19 aprile il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dato ordine di procedere a una verifica, entro 90 giorni, del rispetto degli accordi sul “nucleare iraniano” raggiunto il 14 luglio 2015 tra Teheran e i “5+1” (i cinque paesi membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite più la Germania).