MaTeinItaly: matematici alla scoperta del futuro

Read time: 4 mins
Anteprima: 
A qualcuno crea problemi, a molti li risolve: materia controversa la matematica si mette in mostra alla Triennale, intrecciandosi con l'arte e la cultura del nostro Paese e proiettandosi con speranza, speranza calcolata, verso il futuro.
Miniatura: 

La matematica ci circonda, ma è spesso invisibile agli occhi.
Dai dispositivi mobili e internet, fino alla medicina e all'economia, sono le equazioni matematiche, infatti, a regolare gran parte dei nostri gesti e attività quotidiane.
L'idea di matematica non può però limitarsi a formule e teoremi, perché la loro capacità di descrivere fenomeni piuttosto complessi e caotici, come incontri sportivi o il traffico in città, può addirittura modificare la realtà. 

MaTeinItaly - Matematici alla scoperta del futuro è la nuova mostra che si inaugura oggi alla Triennale di Milano, presentata in anteprima alla stampa, ideata per ricordare al pubblico la presenza e il ruolo cruciale della matematica nel mondo e nella società, insieme alla sua capacità di rivoluzionarla, appunto.
Chi non ha molta simpatia per la materia non deve però lasciarsi spaventare. La mostra può anzi offrire anche l'occasione di scoprire l'aspetto più strettamente estetico della matematica, che nel corso dei secoli ha ispirato molto i filosofi, gli artisti, gli architetti, fino ad arrivare agli stessi informatici e ingegneri che hanno contribuito a realizzare le installazioni presentate oggi.

Cosa si può vedere a MaTeinItaly? Non un'esposizione di strumenti di laboratorio e documenti originali - si può osservare però anche qualche reperto interessante, come il carteggio tra Vito Volterra e i dirigenti del Cnr dell'epoca - ma principalmente installazioni interattive su quello che la matematica fa e produce, nel concreto e in una dimensione più astratta, due aspetti questi che si sostengono a vicenda.
Lo sforzo dei curatori, Renato Betti, Gilberto Bini, Simonetta Di Sieno, Maria Dedò e Angelo Guerraggio, è stato, infatti, quello di mostrare il backstage matematico di fenomeni naturali e di oggetti e tecnologie prodotte dall'uomo, e al contempo far capire come e perché il linguaggio matematico può ispirare nuove forme e soluzioni. 

Qualche esempio: un angolo della mostra introduce al numero di Fibonacci e come questo può spiegare la geometria di strutture insospettabili come il guscio di una conchiglia, mentre pochi passi più avanti si può conoscere più a fondo la geometria prospettiva nata nel rinascimento, attraverso un pannello immersivo dedicato. Qui le immagini che riproducono la Città Ideale di Francesco di Martini si spostano in base alla posizione dell'osservatore. Grazie alle equazioni di Gauss possiamo vedere poi, toccando con mano, come la geografia del planisfero può deformarsi e cambiare aspetto variando il nostro punto d'osservazione.
Arrivando alla contemporaneità, ecco svelati i trucchi che rendono possibile la costruzione di caschi per motociclisti più leggeri e aereodinamici, o come si può calcolare a tavolino la strategia vincente in una partita di pallavolo - a questo ci sta pensando un team di ricercatori del Politecnico di Milano.
Proprio alla modellizzazione matematica è dedicato l'ultimo pannello interattivo, in cui il visitatore può 'immergersi' e simulare i propri movimenti in acqua, o scoprire quanta regolarità matematica ci può essere nella folla di Piazza Duomo.
Si può poi spostare lo sguardo dell'astrazione ancora più avanti, grazie alla modellizzazione di forme altrimenti impossibili nella nostra realtà, che rispondono alle regole di uno spazio in quattro dimensioni "E' un po' come per i personaggi di Flatland" spiega una delle curatrici "per cui era impossibile immaginare uno spazio a 3 dimensioni. Nella mostra è possibile vedere qualcosa che è per noi solo una proiezione di fantasia".
Non è forse un caso, a questo proposito, che gli informatici autori della riproduzione di uno spazio quadrimensionale facciano parte dei creativi del team del regista giapponese Miyazaki, popolare per film di animazione e per lo Studio Ghibli .

MaTeinItaly è realizzata inoltre sulla traccia di un percorso storico, a partire dall'antica Grecia. Strada facendo, il racconto dedica uno spazio privilegiato ad alcuni dei protagonisti italiani più importanti di questo viaggio, come Leonardo Fibonacci, Galileo Galilei, Vito Volterra, Guido Castelnuovo, Alberto Tonelli. E italiani sono anche i ricercatori che hanno prestato il loro volto a interviste che supportano la visione dei pannelli, oltre al lavoro degli animatori che guideranno il pubblico.
Mettere in mostra la matematica non è certo un'impresa facile, e MaTeinItaly è, infatti, un'esperienza unica e finora inedita in Italia, capace di sottolineare l'utilità dei numeri e dell'astrazione, soprattutto per il futuro. "Era necessario fare sintesi, evitando però di trattenere il pubblico a imparare equazioni. Il modo più immediato per mostrare il linguaggio della matematica è svelarne il fascino, ma evitando di strumentalizzarlo: è un punto di partenza".

La mostra è promossa dall'Università degli Studi di Milano, l'Università Bocconi e Milano-Bicocca, organizzata dal Centro Matematita e Centro P.RI.ST.EM. E' aperta al pubblico da domenica 14 settembre fino al 23 novembre.

 

Articoli correlati

altri articoli

Le notizie di scienza della settimana #101

È entrata in vigore il 20 maggio, in occasione del World Metrology Day, la nuova definizione del chilogrammo, basata non più sul campione di platino-iridio depositato al Bureau international des poids et mesures a Parigi bensì sulla costante di Planck ℏ. La nuova definizione garantirà la stabilità di questa unità di misura, che finora doveva essere aggiornata ogni volta che il campione di platino-iridio si deteriorava e il suo peso cambiava di conseguenza. Ora il valore del chilogrammo è legato a una costante della natura misurata con estrema precisione e che non cambierà di valore. Ma come è legata la misura del chilogrammo alla costante di Planck? Per capirlo bisogna scendere nei sotterranei del National Institutes of Standards and Technology a Gaithersburg nel Maryland per vedere la bilancia di Watt, o Kibble balance. Nell'immagine: la NIST-4 Kibble balance. Credit: J.L. Lee / NIST.

Curare l'obesità con la chirurgia

La chirurgia bariatrica è lo strumento più efficiente per curare i casi gravi di obesità, eppure solo l'1% degli statunitensi che ne trarrebbero beneficio si sottopone a questo tipo di interventi. I sondaggi mostrano, infatti, che la maggioranza considera la chirurgia bariatrica pericolosa o poco efficace. Tuttavia, sono ormai numerosi gli studi scientifici che mostrano che i benefici superano abbondantemente i rischi. Non tutti gli interventi sono uguali, però.