Il Galileo di Paolini nei Laboratori del Gran Sasso

Read time: 4 mins

Il 25 aprile l’attore Marco Paolini proporrà il suo spettacolo ITIS Galileo in una delle sale della parte sotterranea dei Laboratori INFN del Gran Sasso. La7 lo proporrà in diretta dalle ore 21. Sarà la prima volta che uno spettacolo teatrale viene trasmesso in diretta tv da un laboratorio scientifico italiano.

Ho già visto lo spettacolo di Paolini in teatro e l’ho trovato entusiasmante. Non sono un critico e non mi avventuro quindi nel tentare di spiegare le ragioni per cui sono uscita dallo spettacolo arricchita e divertita allo stesso tempo. Non ho mai visto l’opera di Brecht su Galileo e non posso quindi neanche tentare un confronto tra le due letture della figura dello scienziato. Certamente la chiave dichiarata dallo stesso di Paolini di un Galileo  grande innovatore, ma anche pienamente uomo del suo tempo, mi ha indotto a riflettere sulla figura dello scienziato ai nostri giorni. Su come le persone dedite alla ricerca vedano loro stessi e per contro come sono percepiti dalla società, qual è il loro ruolo e la loro rilevanza nel più vasto tessuto culturale e decisionale in particolare nel nostro Paese.

Provo a definire con quali sentimenti io stessa potrei presentare la nostra comunità: un misto tra entusiasmo e disincanto, umani tra gli umani diversissimi per carattere e difetti, accomunati dalla passione per il proprio lavoro. Più desolante mi appare il bilancio dell’analisi della percezione della Scienza e dei suoi “operatori” da parte della società. Siamo il Paese che ha dato i natali al padre della scienza moderna, all’inventore di quel “metodo scientifico” che ha consentito all’umanità di procedere con passi da gigante sulla via della conoscenza della natura, a guardala con “occhi” capaci di coglierne i dettagli con una risoluzione di 10-18 m, eppure le persone di cultura non si vergognano minimamente di affermare che non capiscono nulla di Scienza. Ancora oggi “La Cultura” e la scienza vengono percepite come entità differenziate, dimentichi di quell’unità che pure era patrimonio del pensiero antico. In un aspetto solamente esse vengono accomunate, nella scarsa consapevolezza che esse rappresentano una ricchezza per il Paese, una risorsa reale a cui si può anche attribuire un valore economico. Nel ridurre i fondi ad esse destinati non si guarda tanto per il sottile sulle differenze tra l’una e l’altra.

Paolini ci ricorda che Galileo per campare faceva gli oroscopi, sarà per questo, per rendergli  omaggio, che a RAI 2 le mattine festive sono occupate per ore da una trasmissione dedicata all’astrologia, un esempio perfetto di disinformazione scientifica?

L’aspetto più preoccupante però non è quello che la cultura media sia povera di concetti o di nozioni scientifiche, per cui ci si rivolge agli scienziati come a degli stregoni, proprietari di un sapere negato ai più, depositari della “verità scientifica”, non è neanche quello che si confonda la scienza con la tecnologia che ne è solo la figlia, credo che il problema stia nel fatto che non si comprende fino in fondo che la Scienza è la casa del dubbio e del pensiero critico.

L’idea di portare all’interno del Laboratorio Sotterraneo del Gran Sasso uno spettacolo di un artista della qualità di Paolini, centrato sulla figura di Galileo, assume quindi la valenza di una operazione culturale  destinata a lasciare il segno e a suscitare riflessioni di varia natura ma anche opposizioni e critiche. Rappresentare Galileo in un luogo dove una vasta comunità internazionale di scienziati produce scienza ai più alti livelli mondiali ha di per se un valore simbolico non effimero o puramente mediatico. Rende evidente e tangibile la universalità e la assoluta attualità dell’insegnamento di Galileo.

Non è  necessario a mio parere concentrarsi sulla esegesi degli scritti galileiani che Paolini porta in scena scrutandone e valutandone il rigore della lettura, basta cogliere questo filo diretto e mai interrotto in tanti secoli che lega il grande padre della scienza ai suoi “nipoti” che ancora oggi ne applicano il metodo.

Se vogliamo dimostrare veramente che alla base dell’attività di ricerca scientifica che plasma e permea la nostra mente e la nostra vita, stanno il dubbio e il pensiero critico, non possiamo esimerci però dal porci altre domande: Galileo messo in scena da Paolini all’interno del Laboratorio servirà davvero alla scienza, a farne cogliere il significato e la rilevanza  o rimane pur sempre un’operazione culturale di nicchia? Viceversa e ancora peggio, fare uno spettacolo all’interno di un tempio della Scienza contribuisce a svilirla, assecondando e ripercorrendo una banalizzazione della divulgazione scientifica a cui purtroppo già assistiamo?

Personalmente sono convinta che al grande pubblico che seguirà in televisione lo spettacolo non sfuggirà  la grandezza della figura di Galileo e il valore assolutamente innovativo del suo pensiero scientifico, allo stesso tempo gli spettatori potranno, attraverso le immagini del Laboratorio del Gran Sasso, toccare con mano che ancora oggi in Italia esistono luoghi di eccellenza della ricerca e persone che vi dedicano la loro vita tra mille difficoltà .

Articoli correlati

Newsletter #issue 3, 2017

Read time: 5 mins

Arte e scienza

Antonio Canal, detto il Canaletto, Campo santi Giovanni e Paolo, 1738 ca, olio su tela, 46,4x78,1 cm, Londra, Royal Collection. Prestato da Sua Maestà Elisabetta II e visibile nella mostra “Bellotto e Canaletto. Lo stupore e la luce”, dal 25 novembre 2016 al 5 marzo 2017 alle Gallerie d’Italia, Piazza della Scala, Milano

  • All'ingresso della mostra "Bellotto e Canaletto, lo stupore e la luce" alle Gallerie d'Italia di Milano si può ammirare la camera ottica portatile appartenuta (forse) a Canaletto. Come utilizzavano questo oggetto Antonio Canal, detto Canaletto, e Bernardo Bellotto, suo nipote e allievo? Come ha influito l'ottica sulla rappresentazione artistica della realtà? [Scienza in Rete, Marco Capovilla]
  • La prima descrizione di una camera obscura è attribuita allo scienziato arabo musulmano Ibn al-Haytham, conosciuto in Occidente con il nome latino di Alhazen. Nel suo libro Kitab al-Manazir (Libro dell'ottica) rivoluzionò la teoria della luce. Probabilmente l'ostilità della religione musulmana verso la rappresentazione figurativa, impedì a Alhazen di realizzare un dispositivo basato sui principi che aveva scoperto. [Scientific American; David Biello]
  • David Hockney, pittore e fotografo inglese, e Charles Falco, fisico sperimentale, elaborarono nel 2000 una teoria secondo la quale l'arte occidentale ha ricevuto un contributo fondamentale dalle conoscenze scientifiche sull'ottica negli ultimi 400 anni. [BBC; David Hockney's Secret Knowledge]
  • Che impatto ha avuto la rappresentazione fotografica della realtà sulla scienza? Secondo David Bower gli ha conferito maggiore autorevolezza e senso di oggettività. [Science News, Bruce Bower]
  • Nel libro "Visual Strategies" Felice Frankel guida gli scienziati a un uso efficace delle immagini, soprattutto fotografiche, per raccontare la propria attività di ricerca. [MIT News; David L. Chandler]

Ricerca scientifica nell'era di Trump

Art Whght House Moon. Credit: The Cancer Letter Issue 6, 12 Febbario 2016.

  • L'eredità della presidenza Obama per il mondo della ricerca scientifica è notevole: la Precision Medicine Initiative, il Cancer Moonshot e molto altro. Visione e tempismo secondo Alberto Mantovani. [Scienza in Rete, Alberto Mantovani]
  • Se Barack Obama nel 2009 promise di restituire alla scienza un posto di rilievo nell'agenda politica, Trump si è mosso nella direzione opposta. Almeno finora. Gli scienziati americani hanno fatto sentire la loro voce sui social media durante la cerimonia di insediamento di venerdì 20 gennaio con l'hashtag #UsofScience [Vox, Julia Belluz]
  • In quanti modi Trump può intervenire sulla ricerca scientifica? Il riassunto nell'infografica pubblicata da Nature.  [Nature News, Lauren Morello]

Etica della scienza / Politica della ricerca

Credit: Protasov AN's Portfolio Credit: Shutterstock.

  • La ricerca interdisciplinare premia in termini di visibilità ma diminuisce la produttività. Questo il risultato dello studio di Erin Leahey, sociologa della scienza all'università dell'Arizona. [LSE Impact Blog, Erin Leahey]
  • Una nuova minaccia alla credibilità della comunicazione scientifica: le riviste "predatorie". Queste riviste pubblicano articoli a pagamento, spesso senza sottoporli a processi di peer-review. Il settore economia e management è il più colpito da questo fenomeno. Tutti i dettagli in uno studio pubblicato dalla Scuola Superiore Sant'Anna. [lavoce.info; Manuel F. Bagues, Mauro Sylos Labini e Natalia Zinovyeva]
  • Graham Coop, un genetista della UC Davis, ha deciso di non pubblicare su nessuna rivista un suo contributo caricato su biorXiv, l'archivio di pre-print in area biologica. La sua scelta è dovuta da una parte al fatto che si trattava di un commento a un articolo e non conteneva un risultato veramente originale, dall'altra alla presenza dei commenti on-line da parte degli utenti di biorXiv. Si chiama pre-peer-review e minaccia di sostituire il processo di peer-review più tradizionale. Cosa ne pensano gli scienziati? Ecco il dibattito che si è svolto (ovviamente) su Twitter. [Nature Research Highlights; Dalmeet Singh Chawla]
  • Al Rochester Institute of Technology nascono due programmi di alta formazione per dottorandi e post-doc con problemi di udito. La diversità nella comunità dei ricercatori biomedici aumenta la qualità della ricerca e ne arricchisce l'agenda. [Science; Gerry Buckley, Scott Smith, James Dearo, Steve Barnett, Steve Dewhurst]
  • Come i decisori politici possono sfruttare le conoscenze accademiche nell'era della post-verità? Nel libro "Evidence-Based Policy Making in the Social Sciences: Methods that Matter" Gerry Stoker e Mark Evans si rivolgono a studenti e practitioners, passando in rassegna strumenti non tradizionali per basare le decisioni politiche sulle evidenze scientifiche. [LSE Impact Blog; David Burton]

Miscellanea

Credit: Associazione Cittadini per l'aria.

  • Si terrà a Milano nell'Aula Magna dell'Università Statale il convegno "RespiraMI. Air Pollution and our Health". Due giorni, il 27 e 28 gennaio, dedicati a un dibattito tra esperti e rappresentanti dell'OMS sugli effetti dell'inquinamento atmosferico sulla salute, in particolare su quella delle categorie più vulnerabili. [RespiraMi]
  • Un gruppo di scienziati svedesi e americani, ha realizzato tramite stampa 3D un microscopio alimentato da uno smartphone in grado di effettuare analisi del DNA e diagnosticare così alcuni tipi di tumori. Il dispositivo potrebbe essere prodotto al costo di 500 dollari, diventando sostenibile per chi offre assistenza sanitaria nei Paesi in via di sviluppo. [BBC Technology; Leo Kelion]
  • La Cina ha inaugurato la scorsa settimana la Dalian Coherent Light Source, un Free Electron Laser. La particolarità della facility cinese è la lunghezza d'onda dei fotoni prodotti, inferiore ai 200 nm. Viene chiamata vacuum ultraviolet light ed è particolarmente adatta a studiare atomi e molecole all'interno di un gas. La ricerca alla Dalian Coherent Light Source potrebbe aiutare a capire come gli aerosol nocivi alla salute si formano e si degradano nell'atmosfera. [Science; Dennis Normile]
  • 3L'11 gennaio scorso il primo fascio di elettroni ha percorso l'anello acceleratore di SESAME, il laboratorio costruito ad Amman in Giordania da una collaborazione senza precedenti tra scienziati provenienti dai Paesi del Medio Oriente, tra cui Iran, Israele, l'autorità Palestinese, Pakistan e Cipro. [Nature; Elizabeth Gibney]