Evento stamiNA, Napoli 9 marzo 2012

Read time: 4 mins

Il 9 marzo 2012, presso l’aula Ciliberto del Complesso Universitario di Monte S. Angelo dell’ Università degli Studi di Napoli “Federico II”, dalle ore 9,00 alle ore 14,00, nell’ambito della giornata UniStem, 20 regioni d’Italia unite dalla Scienza”, si è tenuto StamiNA. La manifestazione, organizzata dall’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e dall’IGB, CNR di Napoli e in collaborazione con l’ANISN Campania, è stata una formidabile occasione di arricchimento per gli allievi del triennio delle scuole superiori. Essi, infatti, hanno potuto avvicinare i ricercatori impegnati nello studio e nella sperimentazione delle cellule staminali. L’evento UniStem arrivato alla sua quarta edizione, promosso dalla Professoressa Elena Cattaneo, direttrice del Centro per la ricerca sulle Cellule staminali  dell’Università di Milano, ha lo scopo di diffondere i valori della cultura scientifica e gli alti obiettivi che essa persegue per il progresso dell’umanità. Hanno partecipato all’evento 20 atenei italiani, uno in rappresentanza di ogni regione, in collegamento audio tra loro. La manifestazione di Napoli ha visto la partecipazione di nove scuole, per un totale di 543 studenti e sedici docenti. Essi  hanno guidato i loro allievi nella visita ai laboratori dell’IGB, CNR di Napoli, coordinato gli incontri dei diversi ricercatori nelle scuole e contribuito all’organizzazione dei lavori preparati degli studenti sugli argomenti oggetto di studio, consistenti in video, poster e produzioni artistiche. Le scuole partecipanti sono state: Liceo scientifico “Alberti,” (Na), Liceo scientifico “Tito Lucrezio Caro” (Na), Liceo scientifico “Labriola” (Na) , Liceo scientifico “Mercalli”(Na) , Istituto “ Siani”( Na), Liceo scientifico “Genoino” di Cava dei Tirreni (Sa), Liceo scientifico “Severi” di Salerno, Liceo artistico “Grandi” e il Liceo statale “ Salvemini” di Sorrento (Na). La Presidente nazionale ANISN, Anna Pascucci, ha collaborato con lo staff universitario, costituito da Carla Perrone Capano e Marianna Crispino dell’Università Federico II, dal Umberto Di Porzio, dell’IGB, CNR. Coordinatrice dei contatti tra enti di ricerca, università e scuole superiori la Prof.ssa Silvia Lippo del Liceo Scientifico Labriola di Napoli e socia ANISN Campania. E’ stato aperto un forum dei partecipanti al progetto su facebook.

Il programma della giornata ha previsto, in apertura dei lavori, il saluto del Magnifico Rettore dell’Università di Napoli, Prof. Massimo Marelli, il messaggio del Presidente della Repubblica, il collegamento audio con gli altri atenei d’Italia, interessati allo stesso evento, cui hanno fatto seguito brevi presentazioni di ricercatori nei diversi campi di ricerca sulle cellule staminali: cellule staminali neurali (L. Speranza Università Federico II e IGB,CNR di Napoli); cellule staminali vegetali (A. Tortora, Arterra Bioscience srl, Napoli). Tra il primo e il secondo intervento, sono stati proiettati i sedici video preparati dagli allievi. Nell’ambito di questa interessante manifestazione è stata inserita l’iniziativa DNA in suono. Questo insolito e originale intermezzo musicale è stato presentato dalla genetista Antonella Prisco dell’IGB, CNR, e da Chiara Mallozzi, violoncellista e compositrice del Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli. Ad ogni base del DNA (A,T,C,G) è stata assegnata una nota che un algoritmo ha poi tradotto in frase musicale. In questo modo è stato possibile ascoltare, oltre che leggere, la sequenza di un dato segmento di DNA. Le informazioni del codice genetico, con questa tecnica, sono trasformate in uno spartito musicale, dove al variare delle basi corrisponde il variare delle note, in una sequenza armonica e affascinante. L’esperienza “DNA in musica” è stata illustrata dalle due protagoniste Prisco e Mallozzi, con un coinvolgente intervento. Un violino,  una viola, un violoncello e un fagotto, hanno interpretato brani realizzati usando il genoma come codice compositivo. L’intervento del Prof. A. Risitano sulle applicazioni in campo medico delle cellule staminali, "Il trapianto di cellule staminali e la cura delle leucemie e altre malattie del sangue", ha chiuso gli interventi dei ricercatori. Infine, Franco Porzio, mitico campione di pallanuoto e presidente della società di pallanuoto “Acquachiara” ha dato un’ intensa testimonianza del suo impegno di sportivo e di imprenditore napoletano.  E’ stato proiettato il video “Il Calcolo” di Luca Bonfanti.  La sezione dei ventisei poster è stata allestita negli spazi antistanti la sala Ciliberto. Sia per i video che per i poster sono stati previsti premi in libri (due per i video più votati e tre per i poster), assegnati a seguito di una votazione effettuata da 21 votanti, la maggioranza dei quali costituiti da studenti delle scuole partecipanti. La premiazione è stata un atto puramente simbolico, essendo i lavori tutti pregevoli e testimoni del grande impegno e interesse dimostrato dagli allievi che hanno partecipato alla competizione, con entusiasmo e in perfetto spirito goliardico. 

altri articoli

Ricerca finalizzata: più giovani, ma meno soldi

Recentemente il Ministero della Salute ha reso noti i fondi destinati per il triennio 2017-2019 alla ricerca finalizzata innovativa in ambito biomedico: un totale di 95 milioni di euro di cui 50 milioni riferiti all’anno finanziario 2016 e 45 milioni riferiti all’anno finanziario 2017. Si tratta di cifre assai inferiori rispetto al precedente bando, pubblicato nel giugno 2016, che stabiliva l’erogazione, riferita agli anni finanziari 2014 -2015, di 135.392.176,05 euro di cui 54.460.000 euro destinati ai progetti riservati ai giovani ricercatori.