Tre donne oltre il tetto di cristallo

Read time: 3 mins

Il tetto di cristallo non è stato ancora infranto. Ma è un fatto che nelle scorse settimane tre donne hanno ottenuto altrettanti posti di rilievo in istituzioni scientifiche o nelle istituzioni politiche dell’Unione Europea: Maria Leptin ha assunto la direzione dell’EMBO (European Molecular Biology Organization); mentre Máire Geoghegan-Quinn e Connie Hedegaard sono diventate Commissari designati (in attesa di conferma da parte del parlamento di Strasburgo) rispettivamente alla ricerca e all’azione sul clima.

Maria LeptinLa tedesca Maria Leptin ha assunto proprio in questi giorni la direzione dell’EMBO, l’organizzazione nata nel 1964 per favorire la cooperazione tra gli scienziati europei nel campo della biologia molecolare. Maria Leptin è, appunto, una biologa che ha diretto a lungo e con successo un gruppo di ricerca presso l’European Molecular Biology Laboratory (EMBL) di Heidelberg, in Germania. Maria Leptin, che succede a Hermann Bujard, ha dichiarato l’intenzione di continuare a promuovere la ricerca di base e/o curiosity-driven in biologia. Il modello che l’EMBO seguirà nel finanziare i progetti di biologia – ha dichiarato la biologa tedesca – sarà diverso da quello, top-down e alquanto burocratico, generalmente in uso del VII Programma Quadro e simile piuttosto a quello dell’European Research Council (ERC), fondato solo sul merito e su un merito valutato in piena autonomia dalla stessa comunità scientifica. Insomma, Maria Leptin avrà un grande ruolo nello sviluppo delle scienze biologiche in Europa.

Máire Geoghegan-QuinnL’irlandese Máire Geoghegan-Quinn è invece Commissario designato alla Ricerca e innovazione dell’Unione Europea. Non ha un passato scientifico. Ha piuttosto un passato politico, anche se tutto interno alla Repubblica d’Irlanda. Non sappiamo, dunque, come si muove nell’ambito della ricerca. Sappiamo, però, qual è il mandato che le ha affidato il Presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso: preparare il prossimo Programma Quadro (F8) che partirà fra quattro anni (nel 2014), aumentare l’efficienza con cui l’Unione aiuta lo sviluppo della ricerca scientifica europea. Sappiamo, infine, che deve raccogliere una sfida molto importante. L’Unione Europea non ha centrato né l’obiettivo che si è data nel 2002 a Barcellona (aumentare gli investimenti in ricerca fino ad almeno il 3% del Pil), né l’obiettivo che si è data nel 2000 a Lisbona (diventare leader mondiale nell’economia della conoscenza). Al contrario, l’Europa fatica a tenere il passo delle aree più dinamiche dell’America e dell’Asia. Ormai i suoi investimenti in ricerca, che ammontano ad appena l’1,69% del Pil, sono inferiori alla media mondiale (1,97% del Pil globale, secondo i dati del R&D Magazine). Compito di Máire Geoghegan-Quinn è quello di aiutare a riportare l’Europa almeno al passo col resto del mondo nella capacità di ricerca e di innovazione.

Connie HedegaardIl Commissario designato alle azioni per contrastare i cambiamenti climatici è la danese Connie Hedegaard, una donna molto conosciuta, che già in aprile era stata inserita da Time tra le 100 figure femminili più influenti del mondo. La sua capacità politica e la sua determinazione sono note. La sua conoscenza delle problematiche legate al clima, anche. Ma la sfida che le viene proposta non è meno difficile: dovrà far sì che l’Europa resti la locomotiva del treno mondiale per la lotta ai cambiamenti climatici (una locomotiva capace di ricerca e innovazione, fra l’altro), ma dovrà anche fare in modo che il resto del convoglio la segua e a passo spedito. Non sarà facile.

altri articoli

L'erosione culturale in scimmie e altri animali

Per preservare la biodiversità, gli sforzi di conservazione dovrebbero tenere in conto anche la cultura e la diversità culturale degli animali, perché influenza la diversità fenotipica di una specie nel suo complesso e la sua adattabilità al variare delle condizioni ecologiche. Uno studio pubblicato su Science riporta come l'impatto umano, diretto e indiretto,  abbia un effetto significativo di diminuzione della diversità culturale nelle popolazioni di scimpanzé in Africa, senza che compaiano innovazioni in grado di mantenere l'equilibrio: un dato deleterio per la specie, che presenta un minor potenziale di adattamento culturale e quindi di capacità di mettere in atto comportamenti nuovi